I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO.
La Torre dell’Orologio è situata nella zona sommitale del centro abitato di Pereta la cui costruzione è ascrivibile ad un periodo di tempo compreso tra il XII e il XIII secolo. Parte integrante dell’antico castello degli Aldobrandeschi, l’edificio turrito si colloca tra la via della Torre e l’area di pertinenza di un’abitazione privata e in adiacenza dei ruderi medievali del cassero.
L’edificio è a pianta quadrangolare e la struttura portante è costituita dai setti murari perimetrali realizzati, probabilmente, con la tecnica costruttiva definita “a sacco”. Il paramento murario, sia interno che esterno, è costituito da una tessitura in blocchi in pietra arenaria finemente squadrati e disposti in opera su filari regolari. Inoltre, alla basa dell’edificio, sono presenti alcuni conci di pietra con una particolare sagomatura a bugnato il cui impego sporadico ne suggerisce la riutilizzazione.

  • FRONTE NORD. Il prospetto dell’edificio è caratterizzato da un numero consistente di buche pontaie che interrompono la continuità della tessitura muraria ad intervalli regolari; inoltre, sono evidenti due conci in pietra caratterizzati da una particolare sagomatura riconducibile, probabilmente, alla preesistenza di due mensole utilizzate, probabilmente, per l’ancoraggio di strutture esterne in legno.
  • FRONTE SUD: il prospetto principale della torre è contraddistinto dal quadrante dell’orologio e da buche pontaie localizzate principalmente nell’area sommitale; una piccola finestra quadrangolare facilita l’illuminazione degli interni. Parte dell’edificio turrito costituisce, insieme ai setti murari limitrofi, un terrapieno a sostegno dell’area di pertinenza della proprietà privata adiacente.
  • FRONTE EST: in questo prospetto sussiste l’ingresso alla torre il cui accesso è agevolato da una scalinata. Anche in questa facciata le buche pontaie sono localizzate nella parte sommitale dell’edificio mentre la profonda incisione nel paramento murario, dall’andamento obliquo, suggerisce la traccia materiale in negativo dell’ancoraggio di un tetto.
  • FRONTE OVEST: il prospetto è contraddistinto dalla presenza dell’antica porta di accesso alla torre adibita, in epoca successiva, a monofora per l’aereo-illuminazione degli interni.

L’interno della Torre dell’Orologio si presenta come uno spazio angusto e limitato, attualmente dismesso, concluso con una volta in muratura. L’area sommitale, il cui accesso avviene attraverso un passaggio angusto, è caratterizzata da una copertura piana inclinata costituita da una soletta in malta cementizia su cui è posizionata una campana in bronzo. La torre, pur rappresentando un esempio interessante di architettura piombante, non presenta elementi a sporgere, come mensole o caditoie ed è assente la merlatura; solo un muretto di dimensioni limitate definisce lo spazio fruibile.

Informazioni sullo stato della conservazione

ANALISI DEL DEGRADO.
La Torre dell’orologio si presenta in un precario stato di conservazione a causa di una serie di patologie di degrado la cui origine è riconducibile principalmente all’esposizione degli agenti atmosferici e
all’assenza di manutenzione.
Tipologie del degrado:

  • Presenza estesa di licheni nel fronte nord dell’edificio: le acque meteoriche e la particolare natura geologia del materiale lapideo impiegato nella costruzione favoriscono la proliferazione dei licheni; l’aggressione di questi organismi determina il logoramento delle superfici e l’evidente alterazione cromatica della muratura.
  • Arretramento delle stilature in malta di calce;
  • Distacco di materiale lapideo e logoramento delle superfici: questo fenomeno è generato dall’azione dell’acqua a contatto con le pietre che determina, nei periodi invernali, il fenomeno della gelività;
  • Degrado delle malte di alloggiamento con il consequenziale allentamento dei conci soprattutto nell’area sommitale della torre;
  • Presenza di una lesione strutturale nel fronte sud e nord dell’edificio;
  • Presenza di un tamponamento in cemento nel coronamento sommitale nel fronte sud;
  • Presenza di escrementi all’interno della torre e in parte delle superfici murarie esterne;
  • Presenza di una soletta in malta cementizia nella copertura della torre;

Purtroppo, l’impossibilità di poter visionare con attenzione l’interno della torre nella sua interezza, a causa dell’assenza di una scala, non ha consentito ulteriori approfondimenti sullo stato di degrado soprattutto nell’area sommitale dell’edificio.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

L' immobile al momento non è fruibile al pubblico.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO 170.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Restauro conservativo della Torre Medievale dell' orologio a Pereta da attuare mediante il consolidamento della struttura muraria, la sostituzione delle scale interne e il restauro dell'orologio posto sulla sommità. Ad oggi risultano già eseguiti gli interventi di restauro del paramento esterno della Torre e la sostituzione dell'orologio, che ha ripreso a funzionare dopo decenni di inattività. I prossimi interventi, che verranno avviati non appena saranno disponibili altre risorse economiche, consisteranno nella realizzazione della scala interna in acciaio e nella sistemazione del coronamento della torre.