I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

La Biblioteca Guarneriana, istituita per legato testamentario, è una delle prime biblioteche pubbliche in Italia e la prima in Friuli.

Nacque per volontà di Guarnerio d’Artegna, pievano di San Daniele, il quale nel 1466 donò alla Chiesa di S. Michele i 173 codici manoscritti che, nel corso della sua vita, aveva copiato o fatto copiare e miniare nello scriptorium da lui organizzato.

Così facendo si evitò la dispersione della raccolta, che si è preservata quasi inalterata nei secoli, costituendo uno dei fondi librari più coerenti ed interessanti dell’Umanesimo italiano. 

Tra i manoscritti più antichi, il più prestigioso è la cosiddetta Bibbia Bizantina (sec.XIII), codice che presenta un alone di mistero per quanto concerne la sua provenienza e le cui miniature costituiscono un’interessante commistione tra elementi occidentali e levantini.  Altri codici, invece, contengono opere di umanisti e di autori greci e latini.

La raccolta si arricchì nel 1736 grazie alla donazione di altri codici e libri a stampa, da parte di monsignor Giusto Fontanini che lasciò anche i mezzi necessari alla realizzazione della libreria lignea che tuttora si conserva. Il lascito Fontanini comprende anche un’antica edizione manoscritta dell’Inferno di Dante, datata agli inizi del XV secolo.

Nel 1749 fu acquistato dalla comunità sandanielese un codice della fine del ‘400 contenente Il Canzoniere e I Trionfi del Petrarca al quale si aggiunsero nuovi lasciti tra il XVIII e il XIX secolo.

Nel 1797, durante il periodo napoleonico, furono sottratti alcuni codici per ordine del commissario francese Gaspare Monge, che attualmente sono alla Biblioteca Nazionale di Parigi, e solo l’abilità del bibliotecario nel fingersi smemorato limitò il danno. 

Attualmente il patrimonio della Sezione Antica della Guarneriana conserva molti codici manoscritti, poco meno di un centinaio di incunaboli, 700 Cinquecentine, e numerosi  volumi a stampa per un numero complessivo di 12.000 libri antichi, fonte di richiamo e studio per ricercatori italiani ed esteri.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

La Biblioteca intende avviare una campagna di digitalizzazione sistematica dei cosiddetti "tesori" della Guarneriana, ovvero dei propri codici manoscritti più preziosi. Il progetto approderà quindi alla realizzazione di un portale web su cui sarà possibile consultare on-line integralmente le digitalizzazioni, rendendo così di fatto fruibile immediatamente agli studiosi il ricco patrimonio bibliografico, consentendo al contempo di tenere fede ai propositi di valorizzazione ed ottemperando agli obblighi di conservazione.