I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Collocata all’interno dei Giardini Estensi, Villa Mirabello deve il proprio nome alla collina su cui viene edificata nel XVIII secolo, da cui si ammira uno splendido panorama sul Lago di Varese e sulle Alpi. Dal 1949 è sede del Museo Civico Archeologico.

Per la ricchezza e l’importanza dei materiali, il Museo fin dalla sua fondazione ha costituito un imprescindibile punto di riferimento per gli studiosi di preistoria italiani e stranieri ma anche per il pubblico generico e per quello scolastico (ha accolto nel 2019 oltre 20.000 visitatori). Nelle sale del piano terra vengono organizzate mostre ed esposizioni: grande successo ha avuto nel 2019 quella dedicata al pittore Renato Guttuso.

Il primo nucleo delle collezioni museali fu costituito nel 1871 con la fondazione del "Museo Patrio" per volontà di studiosi ed appassionati locali.

Grande importanza rivestono nelle collezioni museali i reperti rinvenuti nel corso delle ricerche effettuate a partire dalla fine del XIX secolo nelle stazioni palafitticole del lago di Varese, in particolare all’Isolino Virginia e nel sito di Bodio Centrale (entrambi inclusi dal 2011 nel sito seriale UNESCO “Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino”). L’Isolino Virginia è internazionalmente noto per aver fornito le date più antiche fra gli insediamenti palafitticoli dell’arco alpino e per la lunghezza della sua frequentazione umana, protrattasi per più di quattromila anni, fino alla fine dell’età del Bronzo (da 5.300 a 900 anni a.C.).

I reperti del periodo preromano illustrano la Cultura di Golasecca (IX-IV sec. a.C.), che ha caratterizzato la Lombardia occidentale nel corso dell’età del Ferro: si possono ammirare alcuni fra i più antichi esempi di scrittura del territorio, conservati su una coppa in ceramica rinvenuta a Sesto Calende e su una stele funeraria da Vergiate, e lo spettacolare corredo funebre che ha accompagnato il sonno millenario di un guerriero seppellito a Sesto Calende nel VI sec. a.C.

Il patrimonio di epoca romana ripercorre la progressiva assimilazione culturale delle popolazioni celtiche al costume e all’organizzazione politico-amministrativa del mondo romano; il lapidario raccoglie iscrizioni di età romana di grande interesse storico, economico e sociale.

L’esposizione segue un criterio cronologico e affianca all'esposizione dei reperti una ricca pannellistica che li contestualizza nell'ambito della storia del territorio, ricostruendo ritmi e gesti della vita quotidiana del tempo.

Il racconto della storia porta il visitatore fino al grandioso dipinto di Eleuterio Pagliano “Sbarco dei Cacciatori delle Alpi a Sesto Calende”, dove un progetto multimediale site specific anima la battaglia di Varese del 23 maggio 1859, principio della Seconda Guerra d’Indipendenza.

Attualmente il museo sta investendo su attività scientifiche di restauro e di riallestimento delle collezioni e sulla creazione di nuove collaborazioni con vari istituti universitari e sul consolidamento di quelle già esistenti.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 390.000,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

La mostra

LA CIVILTA' DELLE PALAFITTE. L'Isolino Virginia e il lago di Varese tra 5600 e 900 a.C.“: Museo Civico di Villa Mirabello da aprile 2021 a maggio 2022. Presenterà reperti rinvenuti negli insediamenti palafitticoli documentati sul lago di Varese e nei territori limitrofi (datati dal Neolitico all'età del Bronzo), con particolare riferimento al sito UNESCO dell’Isolino Virginia.

Elaborazione del progetto in collaborazione con la Soprintendenze Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Como, Lecco, Monza Brianza, Pavia, Sondrio e Varese (SABAP), a cura di Barbara Cermesoni (Musei Civici di Varese) e Daniela Locatelli (SABAP). Offrirà al pubblico una panoramica illustrativa dei più importanti siti palafitticoli italiani ed esporrà una scelta di oggetti, presentando reperti e ambienti mediante mezzi multimediali ed immersivi per permettere la comprensione delle abitudini sociali e di vita delle comunità preistoriche. Grande importanza rivestirà l’archeologia sperimentale: con lo specialista verranno ricostruite nel Museo le abitazioni, complete di utensili e strumenti, di alcuni personaggi esemplificativi degli abitanti di un sito palafitticolo dell’età del Bronzo: il coltivatore/cacciatore/pescatore (le attività sulle quali si basava la sussistenza), lo sciamano, l’artigiano metallurgo.

Inoltre nel parterre di Villa Mirabello verranno ricostruite tre palafitte da utilizzare ai fini didattici, quale laboratorio per gruppi e scuole (attività inserita nei programmi scolastici della scuola primaria e che, svolgendosi all'aperto, permette un migliore rispetto dei protocolli anti covid-19).

Comprenderà presentazioni del sito seriale UNESCO “Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino” e siti italiani facenti parte del sito; Esposizione di materiali da siti palafitticoli italiani e/o stranieri, nuovi dell'Isolino Virginia, Le palafitte come modello abitativo; Confronti etnografici odierni

Le moderne tecniche di ricerca e il contributo delle discipline scientifiche

Attività di comunicazione e didattiche

previsti eventi dedicati sia agli specialisti che al grande pubblico e al pubblico in età scolare

Attenzione alla comunicazione locale e nazionale: aggiornamenti e contatti con i media, siti web (tra cui il sito ufficiale del sito seriale UNESCO: palafittes.org) e social network.

Il riallestimento della sezione espositiva del museo

Si introdurranno elementi di multimedialità ed immersività per una più immediata comprensione delle tematiche trattate e dei reperti esposti: fungerà da riferimento per la mostra temporanea.

Il catalogo

Comprenderà non solo i reperti esposti permanentemente ma anche quelli presentati nella mostra

Ripristino scalone storico Museo

adeguamento alle norme nel rispetto del valore artistico e storico per un nuovo utilizzo: proporrà un arricchimento immersivo, introduzione generale alla visita del Museo.