I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

ErosAntEros nasce nel 2010 dall’unione di Davide Sacco, regista e music designer ravennate, e Agata Tomsic, attrice e dramaturg italo-slovena, prima come collettivo artistico che manipola fonti e linguaggi espressivi disparati con l’obiettivo di agganciare il teatro alla vita e fare dell’immaginazione un’arma per trasformare il reale; poi anche come organizzazione, rappresentata dall’omonima associazione culturale dal 2015, che promuove la cultura teatrale attraverso la produzione e distribuzione di spettacoli, l’organizzazione di eventi, progetti formativi e partecipativi, lo sviluppo del lavoro artistico di ErosAntEros in Italia e all’estero.

Dal 2018 dirige e organizza a Ravenna POLIS Teatro Festival, programmando e producendo spettacoli di teatro contemporaneo, sviluppando progetti formativi e partecipativi innovativi, stimolando i cittadini a riscoprire l’importanza del teatro per la società e a riflettere attraverso di esso sui nodi irrisolti del presente.

Negli anni ha collaborato produttivamente con istituzioni teatrali di massimo prestigio (Théâtre National du Luxembourg, Ravenna Festival, ERT - Emilia Romagna Teatro, Fondazione Teatro della Toscana, TPE - Teatro Piemonte Europa, Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse) e ospitato al proprio festival numerosi artisti di grande rilievo e giovani emergenti, rafforzando al contempo le collaborazioni con diversi soggetti culturali e sociali del territorio locale e nazionale.

POLIS Teatro Festival giunge nel 2023 alla sua sesta edizione, dopo cinque anni di successi per uno dei pochi festival teatrali sul territorio nazionale che indagano tematiche fondamentali e attuali quali la difesa dei diritti civili, il cambiamento climatico, il ruolo dell’arte nella società. Dal 2018 a oggi il festival ha saputo avvicinarsi e farsi conoscere dalla comunità di Ravenna e dal panorama teatrale internazionale, diventando un appuntamento consolidato, ma in costante evoluzione, con il grande merito di portare ogni anno a teatro anche cittadini che per motivi economici o sociali non vi avevano mai messo piede e centinaia di giovani under30.

POLIS Teatro Festival è sostenuto da Ministero della Cultura (FUS 2022-2024), Regione Emilia-Romagna (L.13 2022-2024), Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura (Convenzioni culturali 2018-2022). Annualmente accede anche ai contributi di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna (dal 2019), Otto per Mille della Chiesa Valdese (dal 2021), Fondazione Nuovi Mecenati – Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea e Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna (dal 2022).

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO Non definito (Sostegno generico)

DESCRIZIONE INTERVENTO

POLIS torna nel 2023 con un programma di attività che copre tutto l’anno e che culmina nelle prime due settimane di maggio con più di 20 eventi articolati nei luoghi culturali più prestigiosi di Ravenna (Teatro Alighieri, Teatro Rasi, Artificerie Almagià, Teatro Socjale di Piangipane).

Dopo il grande successo dell’edizione 2022, il festival prevede un nuovo focus internazionale dedicato questa volta al teatro contemporaneo dei Balcani, dove da anni si va consolidando un teatro impegnato nei temi e dirompente nelle forme, già affermato in Europa ma ancora poco conosciuto in Italia. Questo focus rafforzerà la proposta di alto rilievo distintiva del festival, affiancando alle ospitalità italiane i lavori di diversi artisti internazionali, nonché di opere coprodotte dal festival.

Un programma ricchissimo, che agli spettacoli accostamomenti di incontro e di approfondimento, attività formative e progetti partecipativi, che vedono al centro il coinvolgimento diretto dei cittadini già a partire dall’inverno, in un’ottica di inclusione e cittadinanza attiva che è anima fondante del festival sin dalla prima edizione. Tra questi, Biglietti sospesi, Visionari e Parteci-Polis sono progetti conosciuti e consolidati che anno dopo anno coinvolgono diversi strati del tessuto cittadino, contrastando la marginalità sociale e culturale; ad essi si aggiunge dal 2022 l’ingresso di POLIS nella rete nazionale In-Box, che promuove alcune delle esperienze più interessanti della scena emergente italiana, e la collaborazione con l’Associazione Ateatro e Stefano Romagnoli / Spettatore professionista.

Temi principali del 2023 saranno i diritti umani, le migrazioni, il cambiamento climatico, il ruolo dell’arte nella società. Diverse migliaia le persone da raggiungere.