I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Il Teatro del LOTO, nella magnifica cornice in pietra scalpellinata di Piazza Spensieri, a Ferrazzano, domina la valle di Campobasso da 850mt. d'altezza. Il caratteristico borgo (paese d’origine di Robert de Niro) -considerato per l'immediata vicinanza il Belvedere artistico del capoluogo del Molise- anche grazie alla presenza del LOTO, è stato insignito, nel 2012, della Bandiera Arancione del Touring Club Italia che lo qualifica “borgo d’eccellenza”.

Incastonato fra il seicentesco Castello Carafa Casa Spensieri, del ’700, che ospita il Municipio, il Libero Opificio Teatrale Occidentale è stato creato trasformando gli interni di un’ex Casa Canonica degli anni ’50: un complesso architettonico su 3 livelli, di circa 1.000 m2, con terrazze panoramiche che affacciano sui monti del Matese, l’Appennino centrale e sui territori di 4 regioni del Centro sud: Molise, Abbruzzo, Puglia, Campania.

Sede legale e d’impresa di TeatriMolisani, l’8/04/2019,  la cooperativa, rileva dalla Parrocchia di Ferrazzano la proprietà dell’immobile, che già ne ospitava le attività, dopo esserne stata per anni locataria. Fra il 2005 e il 2007, con Fondi POR aveva già dato corso alla prima riqualificazione della struttura originale, trasformandone gli interni in un Teatro, il LOTO, diverso da tanti teatri visti ma con l’ambizione di rappresentare una summa di architetture teatrali d’ogni tempo e luogo.

Oggi il Loto è un gioiello scenico che ha arricchito il Molise di un Bene culturale capace di declinare insieme etica ed estetica. Un Teatro con una Visione, che guarda e racconta il Mondo, indicato dal TCI come: il più bel piccolo Teatro d’Italia

Ispirato da principi di Ergonomia e suggestioni Feng Shui, il suo restauro ha riunito in un unicum concetti architettonici orientali e occidentali: testimonianze eccellenti di tradizioni sceniche multiculturali, che lo proiettano a essere ulteriormente valorizzate nell’innovazione. 

Nato dalla forza di un sogno, il LOTO inaugura le sue attività il 24/11/2007 con una 24ore di Teatro, proposta per la Settimana della Cultura d’impresa di Confindustria. Da allora, ha continuato a offrire spettacoli ed eventi, coltivando bellezza e innovazione, ha sviluppato identità artistica e autonomia produttiva diventando uno dei teatri di ricerca più vitali e meglio programmati del Centro Sud.

Il nome, nella doppia assonanza di fiore simbolo delle filosofie orientali e di acronimo d’impresa culturale occidentale, esprime al meglio la mission del progetto artistico e umano del LOTO: essere un Centro di Spettacolo dal vivo di stampo europeo, dedito all’incontro di culture diverse e universali.

Il Progetto Art Bonus legato al LOTO è nella Short list finalista del Premio CULTURA+IMPRESA 2020

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO 150.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il complesso architettonico che ospita le attività del Loto, risale alla fine degli anni ’50 ed è suddiviso su tre livelli modulari di circa 1.100 mq copertioltre a circa 600 mq di portici e Terrazze panoramicheche offronoaffacci mozzafiato sui monti e valli dell’Appennino centrale, con vista sui territori di ben 4 regioni centromeridionali (oltre al Molise, l’Abruzzo, la Puglia, la Campania).

Da molti Il Teatro del LOTO, è considerato il più bel piccolo Teatro d’Italia. 

Ciò è probabilmente vero per la riqualificazione interna degli ambienti, realizzata fra il 2004 e il 2007. L’esterno dell’edificio, invece, e l’efficienza energetica dello stesso non sono ancora paragonabili al suo recupero interno.

Dopo la definitiva acquisizione dell’intero immobile di Piazza Spensieri che ospita a Ferrazzano il Teatro del Loto (con annesso il Bistrot del Loto)e dopo avere già promosso e realizzato la riqualificazione interna dell’ex Casa Canonica, che ne ha permesso la trasformazione nel Teatro che oggi è, TEATRIMOLISANI  attraverso l’ART BONUS promuove la ricerca di fondi che consentiranno di riqualificare, con l’efficienza termica, il restauro architettonico esternodell’intero immobile.

Ciò consentirà una sua più appropriata collocazione nel contesto urbano di Ferrazzano, borgo molisano insignito dal Turing Club Italia, anche grazie alla presenza del LOTO, della bandiera arancione che oggi lo qualifica fra i borghi d’eccellenza della Penisola.

Prevedendo più lotti d’intervento, saranno avviati manutenzioni e restauri atti a realizzare:

  1. l’impermeabilizzazione del tetto e il recupero di tutte le terrazze dell’immobile, per favorirne l’utilizzo pubblico e l’attività durante la stagione estiva;
  2. la riqualificazione energetica attraverso l’istallazione di un cappotto termico su tutte le mura perimetralie la sostituzione totale degli infissi, con finestre e vetri ad alto rendimento energetico;
  3. la riqualificazione architettonica, nel contesto urbano di Ferrazzano, attraverso il restauro degli esterniche prevede che l’intera tinteggiatura del LOTO sia promossa atrtraverso un Concorso di idee internazionale per Street Artists, che sappiano raccontare con loro opere la STORIA UNIVERSALE DEL TEATRO sulle pareti perimetrali del LOTO. L'intento è di trasformarein un’opera d’arte in se, l’intera struttura che ospita il più bel piccolo Teatro d’Italia, per renderlo ancor di più un Teatro che sappia raccontare, attraverso l’Arte, il Mondo.