I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

LIFE ON MARSH 2020. Pontinia città di fondazione spazio del contemporaneo

Raccontare e promuovere un territorio è una operazione che usualmente si ancora al passato. Per il territorio pontino il passato è elemento tuttora in divenire: la sua storia è segnata da una delle maggiori opere di urbanizzazione del ‘900:la bonifica delle paludi e l'insediamento dei coloni arrivati dal nord-Italia. 

Pontinia è l’unica tra le Città di Fondazione in cui è ancora sensibile il rapporto tra contesto naturale, rurale ed urbano all’origine dello spaesamento metafisico che accomuna la totalità dei linguaggi del contemporaneo.

Il progetto del Teatro Fellini, il teatro della città e di prossimità per i comuni limitrofi, si ispira alla naturale vocazione del territorio alla contemporaneità, in cui la dimensione sociale è materia mutevole e difficilmente afferrabile. In tutto questo il teatro riassume il ruolo primigenio di spazio della partecipazione, strumento di comprensione del reale e luogo della consapevolezza.

 LIFE ON MARSH è il mezzo di costruzione di un rapporto attivo con il consumo culturale. Particolare attenzione è rivolta ai giovani, alle scuole e ai percorsi formativi. La condivisone dei processi creativi è la formula di avvicinamento alla produzione culturale, elemento quasi del tutto assente nel territorio di intervento.

Interventi

1. Scuole: Scoprire il Palcoscenico

  • Stagione Teatro Ragazzi: 11 spettacoli
  • Seminari con gli alunni: un percorso declinato in base alle età che parte dalla conoscenza del teatro quale luogo di rappresentazione e sonda i linguaggi attraverso incontri preparatori alla visione e successivi alla stessa
  • Seminari con i docenti: una prima fase incentrata sulla storia del teatro con particolare attenzione alle avanguardie italiane; la seconda dedicata alla costruzione di una didattica della visione attraverso la condivisione di procedimenti e tecniche finalizzati alla formazione dell’alunno come spettatore teatrale

2. Giovani: Dentro il palcoscenico

  • Incontro il teatro: ciclo di laboratori con le compagnie ospitate nel cartellone e orientato ai nuovi linguaggi della scena
  • Costruire Teatro: le arti applicate. Come tradurre in teatro l’opera di un autore. Si prevede un percorso partecipativo volto alla conoscenza delle professionalità legate allo spettacolo dal vivo che si tradurrà in una performance/spettacolo. Il laboratorio avrà una linea tematica legata al ‘900 e ad uno dei drammaturghi maggiormente rappresentativi: Pirandello o dell’”Homo absurdus”.

3. Audience Development: Guardo, ascolto, dico. “Al posto dello spettatore”

Nella convinzione che il consumo consapevole di spettacolo sia mezzo di crescita individuale e collettiva si realizzeranno:

  • un ciclo di incontri preliminare alla visione degli spettacoli attraverso lezioni frontali
  • una attività di confronto ex post realizzata grazie alla creazione di una “Community web” progettata appositamente sulle piattaforme social e collocata sul sito istituzionale del teatro

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 50.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Raccontare e promuovere un territorio è una operazione che usualmente si ancora al passato. Per il territorio pontino il passato è elemento tuttora in divenire: la sua storia è segnata da una delle maggiori opere di urbanizzazione del ‘900:la bonifica delle paludi e l'insediamento dei coloni arrivati dal nord-Italia. 

Pontinia è l’unica tra le Città di Fondazione in cui è ancora sensibile il rapporto tra contesto naturale, rurale ed urbano all’origine dello spaesamento metafisico che accomuna la totalità dei linguaggi del contemporaneo.

Il progetto del Teatro Fellini, il teatro della città e di prossimità per i comuni limitrofi, si ispira alla naturale vocazione del territorio alla contemporaneità, in cui la dimensione sociale è materia mutevole e difficilmente afferrabile. In tutto questo il teatro riassume il ruolo primigenio di spazio della partecipazione, strumento di comprensione del reale e luogo della consapevolezza.

 LIFE ON MARSH è il mezzo di costruzione di un rapporto attivo con il consumo culturale. Particolare attenzione è rivolta ai giovani, alle scuole e ai percorsi formativi. La condivisone dei processi creativi è la formula di avvicinamento alla produzione culturale, elemento quasi del tutto assente nel territorio di intervento.

Interventi

  1. Scuole: Scoprire il Palcoscenico
  • Stagione Teatro Ragazzi: 11 spettacoli
  • Seminari con gli alunni: un percorso declinato in base alle età che parte dalla conoscenza del teatro quale luogo di rappresentazione e sonda i linguaggi attraverso incontri preparatori alla visione e successivi alla stessa
  • Seminari con i docenti: una prima fase incentrata sulla storia del teatro con particolare attenzione alle avanguardie italiane; la seconda dedicata alla costruzione di una didattica della visione attraverso la condivisione di procedimenti e tecniche finalizzati alla formazione dell’alunno come spettatore teatrale
  1. Giovani: Dentro il palcoscenico
  • Incontro il teatro: ciclo di laboratori con le compagnie ospitate nel cartellone e orientato ai nuovi linguaggi della scena
  • Costruire Teatro: le arti applicate. Come tradurre in teatro l’opera di un autore. Si prevede un percorso partecipativo volto alla conoscenza delle professionalità legate allo spettacolo dal vivo che si tradurrà in una performance/spettacolo. Il laboratorio avrà una linea tematica legata al ‘900 e ad uno dei drammaturghi maggiormente rappresentativi: Pirandello o dell’”Homo absurdus”.
  1. Audience Development: Guardo, ascolto, dico. “Al posto dello spettatore”

Nella convinzione che il consumo consapevole di spettacolo sia mezzo di crescita individuale e collettiva si realizzeranno:

  • un ciclo di incontri preliminare alla visione degli spettacoli attraverso lezioni frontali
  • una attività di confronto ex post realizzata grazie alla creazione di una “Community web” progettata appositamente sulle piattaforme social e collocata sul sito istituzionale del teatro

 


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 120.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Nel 2021 ricorrono due anniversari apparentemente slegati fra loro: i 750 anni del conclave più lungo della storia, tenutosi a Viterbo, ed i 700 anni dalla morte Dante Alighieri.

I 1006 giorni di sede vacante (1268-1271) portò il popolo viterbese a segregare inizialmente i cardinali all'interno del Palazzo dei Papi (clausi cum clave), quindi a ridurre il loro vitto, ed infine a scoperchiare il tetto dello stesso Palazzo. Questa elezione è considerata il primo Conclave nella storia della Chiesa cattolica.

Viterbo, sede temporanea del papato, è più volte richiamata nella Divina Commedia insieme a cinque tra i papi che vi risiederono o che vi furono sepolti: tale circostanza fa ritenere plausibile una sosta di Dante a Viterbo, nel viaggio tra Firenze e Roma quando viene pronunciato il bando che lo condanna all'esilio.

Il progetto prevede una serie di conferenze dedicate, con protagonisti i più importanti dantisti italiani e studiosi sull'influenza di Dante nella letteratura, nella pittura e nella scienza, ed esperti della storia del papato per far rivivere il clima storico e spirituale di quegli anni. Le conferenze si alterneranno a momenti di promozione turistico culturale del territorio e ad eventi di spettacolo.

Programma delle attività: 

21 tra CONFERENZE E INCONTRI

 

DANTE A VITERBO Il racconto di Viterbo e della Tuscia nella Divina Commedia, con una conferenza spettacolo e un giorno di riprese nei luoghi “citati” nella Divina Commedia. Due gli appuntamenti:

Introduzione su Viterbo e la Tuscia nella Divina Commedia: prof. Giulio Ferroni

Lectura Dantis a cura di Mara Sabia ed Emilio Fabio Torsello. Canti XIV, XVI, XXXII e XXXIII dell’Inferno

INFERNO NOVECENTO spettacolo teatrale di Federico Tiezzi e idea drammaturgica di Fabrizio Sinisi, con Sandro Lombardi e David Riondino

SINFONIA N. 5 OP. 67 e SINFONIA N. 7 OP.92 DI BEETHOVEN,  per ricordare i 250 anni dalla nascita del  genio musicale, a cura di Europa Incanto, con la Eico Orchestra diretta dal M° Germano Neri (40 elementi)

Progetto TIKTOK-TWITCH: cinque appuntamenti per promuovere pillole di cultura rivolte alle nuove generazioni social

CINQUE EVENTI IN ESTIVA tra teatro, musica classica ed opera lirica in via di definizione.

Gli eventi saranno ospitati dal Teatro dell'Unione, tranne l'attività estiva ospitata nei luoghi più suggestivi di Viterbo. Le attività in teatro saranno realizzate in diretta streaming fino a quando rimarranno  in vigore le attuali restrizioni.

Il progetto, da realizzarsi  nel periodo febbraio-settembre 2021, è promosso da ATCL in collaborazione con Archeoares che gestisce il Polo monumentale di Viterbo e che svolge servizi multimediali e tecnologici per la fruizione dei beni culturali, attività didattica e convegnistica.

Cofinanziano il progetto il Comune di Viterbo e  ATCL. Le donazioni consentiranno il completo svolgimento delle attività e di proporre per l’estiva 5 primari interpreti della scena italiana  al fine di promuovere l’offerta culturale e turistica della città.