I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).
Raccolta realizzata a seguito della Risposta n. 20/2018 dell'Agenzia delle Entrate

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Ai piedi della Rocca, divisa da un boschetto sempreverde, al lato della scalea si presenta, improvviso, il cimitero che porta le insegne del cardinale Cesare Brancadoro arcivescovo di Fermo dal 1803 al 1837. Costruito nel XVIII secolo a due corpi comunicanti, verosimilmente per distinguere le classi dei Sangiorgesi che vi sarebbero stati sepolti, presenta un architrave d’ingresso con l’iscrizione” Cineribus atque ossibus revicturis”, sormontato dallo stemma del Cardinale Urbano Paracciani di Fermo. Stefano Papetti ne descrive la struttura in occasione della campagna del FAI “I Luoghi del Cuore”, redigendo la seguente scheda:“Il prospetto settecentesco del cimitero di Porto San Giorgio è caratterizzato da una elegante struttura in laterizio, al centro della quale si apre il portale di accesso fiancheggiato da due aperture chiuse da inferriate.Il portale è sovrastato da un timpano curvilineo al centro del quale è collocato lo stemma in pietra del Cardinale Cesare Brancadoro (Fermo, 1755-1837). Sormontato dal cappello cardinalizio, lo stemma poggia su due cornucopie traboccanti di frutti, simbolo di abbondanza. La struttura architettonica si avvale del piacevole contrasto fra il colore caldo del laterizio e le cornici in pietra; il fronte è scompartito da quattro lesene binate in laterizio ocra e rosso con capitelli dorici. L'iscrizione latina posta nell'architrave è riferita all'uso del cimitero, destinato ad accogliere i resti di quanti risorgevano; altri riferimenti alla destinazione cimiteriale dell'edificio possono scorgersi nei quattro teschi modellati sul cornicione e nella decorazione in rilievo che rappresenta due femori incrociati sospesi in un nastro. La sommità del prospetto è decorata da quattro vasi in pietra sormontati da una fiamma. Pur non conoscendo il nome del progettista, il carattere sobrio del prospetto lascia intendere che possa trattarsi di un'opera dell'architetto comasco Pietro Augustoni (Como 1741-1815), architetto della Camera Apostolica ed autore a Fermo dei Palazzi Sassatelli, Pelagallo, Erioni, nonché del Seminario e della facciata delle Chiese del Carmine e San Francesco. Rifacendosi ai modelli di Luigi Vanvitelli, Augustoni appare capace di moderare gli eccessi decorativi dell'architettura rococò alla luce di un rinnovato confronto con quella classica. L'Augustoni venne incaricato dalla Camera Apostolica di progettare i rinnovamenti urbanistici realizzati anche al Porto di Fermo (l'odierna Porto San Giorgio) nella seconda metà del Settecento ed in tale occasione provvide forse a fornire i progetti per il Cimitero.” 

Informazioni sullo stato della conservazione

Lo stato di conservazione del monumento sito nel Comune di Porto San Giorgio, in Piazza San Giorgio e denominato “Cimitero settecentesco o Ossario” presenta nella struttura lapidea uno stato di conservazione non buono.

Si evidenziano fenomeni di degrado localizzati molto gravi come esfoliazioni, polverizzazioni superficiali e sollevamento di scaglie con conseguente perdita di materiale.

Tali forme di degrado sono presumibilmente da ricondurre ad effetti di gelo e disgelo.

Risulta inoltre un sottile strato di deposito nero ben aderente al substrato lapideo dovuto principalmente a depositi di polveri e guano per la mancanza di una corretta e regolare manutenzione e l’assenza di protezione adeguata dai volatili.

Nella parte bassa si nota un degrado da presenza di muschi, vegetazione e macchie causate dall’umidità ascendente.

Per quanto riguarda gli elementi in metallo risultano particolarmente evidenti il degrado dovuto ad incrostazioni, deposito di guano, ossidazioni e in alcune parti delle mancanze di elementi decorativi.

I laterizi sono costituiti da argilla cotta in forno a temperature altissime. Creato per sostituire la pietra, il laterizio, venne utilizzato fin dalle più antiche civiltà, soprattutto in quella romana, dove ebbe il suo massimo impiego. Oggi la sua lavorazione è profondamente cambiata a causa dell'industrializzazione e dei cambiamenti nei processi edilizi.

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il sito è visitabile ogni prima domenica del mese previa prenotazione e raggiungimento del numero minimo di 10 visitatori.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 57.000,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto è relativo all'antico Ossario di Porto San Giorgio, monumento raro e dalle fattenze singolari, sito in posizione centrale accanto alla chiesa principale del paese, desta oggi in condizioni di degrado ed abbandono.

Necessita innanzitutto di un intervento strutturale che sani la lesione che interessa la facciata d'ingresso, dietro la quale una fitta vegetazione ha totalmente coperto una serie di piccole cupole che contengono ossa. Per la prima fase è necessaria la messa in sicurezza del sito, successivamente si interverrà sugli aspetti estetici e decorativi del monumento. Necessitano di restauro anche le cancellate di accesso al monumento, risalenti all'epoca della costruzione dello stesso.

L'intervento mira a dare nuova fruizione al monumento oggi ammirabile solo dall'esterno. 

"Vogliamo dare nuova vita all'antico cimitero che ha dato degna sepoltura ai nostri avi e merita di poter essere ammirato dalle generazioni future"