I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Principi e valori

La cooperativa si ispira  all’idea del teatro d’arte secondo le linee di un  movimento artistico, culturale e organizzativo che a partire dalle soglie dell’età moderna per arrivare ai giorni nostri ad oggi ha rifondato la forma teatro, ed in particolare alle esperienze di teatro più innovative che hanno messo al centro del loro progetto l’autogestione, la difesa dell’autonomia e dell’indipendenza dell’arte e dell’artista. 

Scopi

Il teatro si propone la diffusione dell’arte e della cultura nella sua accezione più ampia, mediante in primo luogo la produzione diretta e autogestita, la coproduzione o l’ospitalità di spettacoli ed eventi di teatro, musica, cinema, danza, arti visive e new media - nonché mediante la gestione di spazi nei quali realizzarli, con particolare riguardo alla ricerca e diffusione di nuove proposte di drammaturgia teatrale, sia di ambito italiano che internazionale, e a una lettura contemporanea dei classici, oltre che alla valorizzazione e al supporto delle nuove realtà più significative, spesso bisognose di spazi, di confronto e di maggiore di visibilità. 

Chi siamo

La formazione artistica del teatro dell’Elfo è caratterizzata dall’unicità e continuità del suo scopo sociale e mutualistico che è rimasto inalterato dal 1973 ad oggi pur nelle diverse forme sociali, trasformazioni e aggregazioni che si sono succedute sino al 2011, anno in cui nasce l’attuale cooperativa in forma di impresa sociale. Il Teatro, attraverso i suoi soci, ha mantenuto saldo nel tempo lo scopo di ottenere, tramite la gestione in forma associata, le migliori condizioni di lavoro possibili, sia sul piano artistico che su quello economico, sociale e professionale estendendole a tutte le persone coinvolte nei progetti e programmi. 

L’Elfo, la città e oltre 

Produrre arte: produrre, non comprare o vendere soltanto. Milano è soprattutto fabbrica, non solo negozio. 

L’Elfo è una delle più importanti fabbriche d’arte, assieme alla Scala e al Piccolo, potendo e riuscendo a competere serenamente sul piano artistico, anche se le dimensioni economiche e i bilanci sono di natura totalmente diversa per ognuna delle tre istituzioni. 

L’Elfo non è una vetrina, ma non è neppure solo “una stagione”.

Produrre è lo snodo principale. La produzione artistica è la forma meno alienata tra le attività produttiva umane. Non saper più produrre, smettere di produrre è un limite enorme per una cultura, per una civiltà: un segno di crisi. Noi mettiamo in circolo idee che stimolano scambi e interazioni e che sono fonte di ispirazione in ambiti, che spaziano dalla musica fino al mondo della moda. 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO Non definito (Sostegno generico)

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

 

Il sostegno è diretto al Teatro dell’ Elfo s.c. Impresa sociale per le attività di produzione e diffusione di drammaturgia contemporanea internazionale  in sede e in tournée nonché per produrre o coprodurre, sostenere in residenza o dare ospitalità presso il teatro giovani compagnie e giovani artisti della scena contemopranea. Dai primi anni ottanta, il Teatro dell’Elfo è la realtà che più ha contribuito portare sulle scena italiane la migliore drammaturgia internazionale e con i grandi successi, soprattutto con le creazioni  a quattro mani o individuali dei suoi direttori artistici Ferdinando Bruni e Elio De Capitani. Gli spettacoli dell’Elfo hanno cambiato le preferenze del pubblico e le programmazioni dei teatri, contribuendo  a svecchiare i cartelloni e a rimettere al centro del lavoro teatrale la figura dell'attore.  Dal 2010,  con l'inaugurazione dell’ Elfo Puccini, teatro d’arte contemporanea, nuova sede della storica compagnia,  l’attività si è allargata ad un lavoro incessante di scouting di nuovi talenti sia per le produzioni della compagnia che per produzioni e coproduzioni con realtà emergenti.  L’Elfo è stato riconosciuto Teatro di rilevante interesse culturale con decreto del MIBACT nel 2015, ottenendo il massimo punteggio di qualità,  secondo solo al Piccolo Teatro tra i grandi teatri italiani ed è la prima impresa privata nella graduatoria tra i Teatri nazionali  e i Teatri di rilevante interesse culturale riconosciuti dal MIBACT.  L’avvento di una istituzione del Terzo settore tra i grandi teatri italiani è una novità importante e un modello alternativo di gestione sostenibile.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO Non definito (Sostegno generico)

DESCRIZIONE INTERVENTO

Qualsiasi segreto un essere umano si porti dietro comporta per lo stesso il dubbio di essere visto in modo differente. Il segreto diventa sinonimo di diversità e prende diverse accezioni, può riguardare l’orientamento sessuale, lo stato di salute, la dipendenza da sostanze inebrianti, il credo religioso e l’appartenenza etnica.

Gli esseri umani tendono a considerare diversa ogni cosa che esula da ciò cui sono abituati.

Per questo come Impresa Sociale ci siamo adoperati sin dalla nostra costituzione affinché queste barriere vengano finalmente superate. Il Teatro parla di diversità sin dal dramma antico e poi tramite Shakespeare, e così sino alla drammaturgia contemporanea.

Oltre alla produzione artistica, ospitiamo nel nostro multisala il maggior numero di manifestazioni possibili affinché si creino le condizioni di inclusione e di equità seguendo l’utopia di contribuire a creare quel mondo che possa essere migliore davvero per tutti.