I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il complesso del Convitto Nazionale "Cristoforo Colombo" all'interno del quale è situato l'Oratorio, rappresenta un'importante testimonianza di edificio ecclesiastico della prima metà del XVI Secolo successivamente utilizzato a fini scolastici, che risulta tutelato per le rilevanti vicende storiche e per le caratteristiche architettoniche che lo connotano e che partono dalla prima fondazione del convento e giungono sino ad oggi. La sua storia si può suddividere in quattro periodi:

- dal 1554 al 1773, periodo delle istituzioni gesuitiche;

- dal 1774 al 1815, periodo delle istituzioni derivate dal periodo precedentee riunite nel "Liceo imperiale";

- dal 1816 al 1848, periodo del "Collegio Reale";

- dal 1848 ad oggi, periodo del "Convitto Nazionale" passando dall'anno 1860 attraverso la radicale trasfoormazione operata dall'applicazione della legge "Casati".

All'interno del complesso convittuale, una "città nella città" che si sviluppa su una superficie lorda di oltre 5.000 mq per circa 27.000 mc di volumetrie,  il 20 novembre 1820 venne inaugurato l'Oratorio, affinchè fosse utilizzato sia dai sacerdoti, sia dagli allievi senza dover uscire dalla struttura convittuale evitando loro contatti con i moti di carattere libertario repubblicano che all'epoca vedevano in Giuseppe Mazzini e Andrea Gastaldi due dei più grandi esponenti genovesi.

Al suo interno , oltre al ciclo di affreschi e alle superfici decorate di volte e pareti nel gusto dell'epoca, numerosi stucchi ed un organo settecentesco ligneo di pregevole fattura

Informazioni sullo stato della conservazione

La struttura dell'Oratorio si presenta ad oggi in pessimo stato conservativo in quanto in periodi di decadenza delle attività scolastiche convittuali e di scarsità di risorse, gli spazi non strettamente connessi alle attività didattiche e più onerosi dal punto di vista manutentivo sono progressivamente caduti in disuso e abbandonati.

In particolare il pessimo stato della copertura, peraltro con l'avvenuta sostituzione in anni precedenti dell'originario manto in ardesia, con un manto di tegole in materiali asbestosi, risulta fortemente ammalorato con processi di infiltrazioni che hanno compromesso le strutture lignee della copertura, l'incannicciato della volta a botte appesa alle strutture stesse, e il dstacco e dilavamento di intonaci e superfici decorate.

Si rende quindi quanto mai urgente un intervento di recupero strutturale e restauro della storica cappella al fine di non perderne le preziose strutture e le testimonianze pittoriche e ornamentali, mirando anche ad una futura fruizione come sala conferenze e auditorium del bene, aperto sia alle attività convittuali, sia ad una apertura e fruizione pubblica dello stesso.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Convitto è aperto dalle ore 8.00 alle ore 18.00. La visitabilità al pubblico è consentita dietro specifica richiesta per i principali spazi accessibili (cortile e chiostro di Colombo, Galleria Napoleonica). Attualmente all'Oratorio, considerato il precario stato conservativo, non è concesso l'accesso.

 

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 125.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede una prima serie d'interventi prioritari finalizzati a:

- realizzazione di opere provvisionali per protezione copertura soprastante cappella da infiltrazioni meteoriche e sostegno volta incannicciata decorata;

- avvio opere di consolidamento strutture lignee copertura, volta appesa e sostituzione manto di copertura;

- opere di protezione superfici affrescate, organo ligneo e avvio operazioni di restauro.

Le opere di salvaguardia consentiranno di provvedere a bloccare l'ulteriore degrado del manufatto ed avviare le indagini ed approfondimenti necessari allo sviluppo del progetto di restauro strutturale e pittorico del bene.