I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

 
La Cappella Salviati

La cappella Salviati (o di sant’Antonino) è situata all’interno della basilica di San Marco e rappresenta l’elemento di maggior pregio artistico all’interno dell’edificio ecclesiastico. La chiesa è parte di un ampio complesso che include gli ambienti ancora oggi ad uso dei padri domenicani e il Museo di San Marco, cui si accede da un ingresso laterale rispetto alla Chiesa e che comprende gli spazi che si affacciano sul chiostro di sant’Antonino e le celle dei monaci e la biblioteca posti al piano primo.La cappella Salviati, posta a sinistra della cappella Maggiore, è stata realizzata a partire dal 1580 su progetto del Giambologna ed assume una posizione di particolare importanza in relazione alla struttura della chiesa, se consideriamo l’elevato pregio artistico ed architettonico che scaturisce dalla composizione d’insieme e dalla ricchezza e qualità dell’apparato decorativo.
Inoltre, al momento della sua costruzione, introdusse elementi che finirono per essere estesi a tutto il resto della chiesa, indirizzando e avviando una ristilizzazione complessiva ben più pervasiva di quella dovuta agli interventi di Michelozzo. Infatti le tre edicole poste all’interno della cappella, una con timpano semicircolare (quella dietro all’altare) e due con timpano triangolare, furono prese come modello per i più tardi altari allineati lungo i lati della monoaula che le replicarono con diverse proporzioni: gli altari infatti hanno alternativamente timpano a triangoli e a semicerchio spezzati, con capitello quasi identico a quello delle edicole della cappella Salviati.
Inoltre fu eretta dietro committenza dei fratelli Antonio ed Averardo Salviati per accogliere le spoglie di sant’Antonino (1389-1459) dell’Ordine dei Predicatori, iniziatore del Convento, arcivescovo e compatrono della diocesi di Firenze, oggi effettivamente custudite al di sotto dell’altare al centro della Cappella: in tal senso risulta fondamentale anche dal punto di vista religioso, poiché luogo di culto per l’intera realtà cattolica fiorentina.
La cappella è dunque il fulcro generatore dell’attuale aspetto della Chiesa e come tale non può che essere il punto di partenza per una generale riqualificazione del complesso: il restauro della cappella Salviati assume dunque un ruolo sostanziale al fine del miglioramento della ricettività turistica, poiché lo stato attuale di conservazione della stessa presenta numerose problematiche, fra cui, il più evidente deriva dalla presenza di una patina superficiale che ricopre quasi tutte le superfici e gli affreschi e impedisce di apprezzare la ricchezza decorativa e la qualità degli splendidi marmi policromi che rivestono pareti, paraste, architravi e modanature.

Informazioni sullo stato della conservazione

Da un’analisi preliminare dello stato di conservazione della cappella è stato possibile rilevare alcune situazioni di criticità che richiedono un immediato intervento al fine di non aggravare ulteriormente il livello di degrado attuale:
INFILTRAZIONI ILTRAZIONI ACQUA PIOVANA 
Tramite l’osservazione diretta e la documentazione fotografica ravvicinata è stato riscontrato un problema di sfarinamento e distacco dell’intonaco e degli affreschi in corrispondenza della sommità della cupola, causato da infiltrazioni di acqua piovana. Dall’estradosso della copertura si nota un infisso della lanterna la cui sigillatura non risulta completa, non più in grado di garantire dunque la sua funzionalità.
Oltre al danno causato agli affreschi, il rischio è anche che, per tali infiltrazioni, possano arrugginire o arrugginiscano in un futuro prossimo le zanche che ancorano gli elementi in materiale lapideo di rivestimento della cappella.
Inoltre alcuni coppi della copertura risultano danneggiati, ed è dunque necessaria la loro sostituzione.
DEGRADO APPARATO  DECORATIVO DECORATIVO
L’intero apparato decorativo della cappella, scultoreo e pittorico, presenta diffusi fenomeni di degrado: si riscontra la presenza di una patina superficiale e aree con evidente alterazione cromatica; inoltre è presente un generale annerimento delle superfici, legato probabilmente al fumo prodotto dai ceri nel corso degli anni. Il fenomeno più evidente è connesso alle superfici affrescate, che hanno perso la vividezza dei colori e risultano anch’esse ricoperte da una patina che le rende di difficile lettura.
IMPIANTO ILLUMINAZONE
L’illuminazione naturale della cappella risulta estremamente flebile, probabilmente per la sporcizia delle superfici vetrate e non è tuttavia compensata da un adeguato impianto di illuminazione artificiale: attualmente sono presenti faretti alogeni e a led in misura ridotta, che non consentono di apprezzare la ricchezza e la qualità dell’apparato decorativo; la cupola è completamente in ombra e anche le pale d’altare, di cui soltanto quella centrale risulta parzialmente illuminata.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Dal lunedì al venerdì: ore 8.15 – 13.50. La biglietteria chiude alle 13.20
Sabato, Domenica e festivi: 8.15 - 16.50. La biglietteria chiude alle ore 16.20
Chiusura: 1a, 3a, 5a domenica e il 2° e 4° lunedì di ogni mese; 25 dicembre, 1 gennaio.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 655.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Lo studio della cappella prenderà l'avvio da una serie di campagne di osservazione visiva e di rilievo metrico e fotografico. Il promo momento al fine di elaborare un modello geometrico della cappella, attraverso rilievo diretto indiretto e l'ultilizzo di strumenti avanzati quali il laser scanner. seguirà lo studio dei caratteri materici e costruttivi e la ricostruzione delle vicende storico costruttive attraverso fonti dirette e di archivio. Successivamente si renderà  necessaria una compiuta analisi disgnostica per evidenziare i fenomeni di  degrado e comprendere le cause, al fine di definire le adeguate ipotesi di intervento. Tali fasi saranno articolate seconso il seguente schema:

ANALISI DISGNOSTICHE SU SUPERFICI FFRESCATE  E INTONACI PREGIATI:

  • LA MAPPATURA DEI DISTACCHI
  • ANALISI DIAGNOSTICHE SU STRUTTURE LIGNEE POLICROME
  • ANALISI DIAGNOSTICHE SU STRUTTURE ED ELEMENTI LAPIDEI
  • ANALISI DIAGNOSTICHE SU ELEMENTI METALLICI (BRONZI)

ANALISI DELLE CRITICITA'

  • INFILTRAZIONI DI ACQUA PIOVANA
  • DEGRADO APPARATO DECORATIVO
  • IMPIANOT  DI ILLUMINAZIONE

IPOTESI DI INTERVENTO

  • INFILTRAZIONI DI ACQUA PIOVANA
  • DEGRADO APPARATO DECORATIVO

INTERVENTO DI RESTAURO SU SUPERFICI AFFRESCATE E INTONACI PREGIATI

  • CONSOLIDAMENTO
  • STUCCATURA
  • REINTEGRAZIONE PITTORICA
  • PROTEZIONE FINALE

INTERVENTI DI RESTAURO SU STRUTTURE LIGNEE POLICROME

  • TRATTAMENTI ANTITARLO 
  • PULITURA
  • CONSOLIDAMENTO
  • STUCCATURA
  • REINTEGRAZIONE PITTORICA

INTERVENTI DI RESTAURO SU STRUTTURE ED ELEMENTI LAPIDEI

  • PULITURA

INTERVENTI DI RESTAURO SU ELEMENTI METALLICI

  • PULITURA
  • STUCCATURA
  • REITEGRAZIONE PITTORICA
  • PROTEZIONE FINALE

IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Al termine di tutte le operazioni relative al restauro sarà realizzato un adeguatoimpianto di illuminazione artificiale della cappella che consenta di apprezzare la ricchezza decorativa dei rivestimenti e degli elementi che compongono l'apparato scultoreo  e pittorico.

PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE

Dalle valutazioni effettuate emerge con chiarezza l'importanza che riveste la cappella Salviati nell'ambito della chiesa di San Marco.In tal senso il restauro  della cappella seconso0 le modalità previste risulta fondamentale non solo per risolvere problematiche reali di pericolosità di conservazione della stessa, ma anche per garantire uhn'adeguata fruibilità: allo stato attuala non è possibile apprezzare le qualità e il pregio artistico delle superfici e del sistema decorativo. L'intervento alla cappella rappresenta anche un primo passo verso una più completa valorizzazione dell'intero complesso di San Marco.

 

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento consiste nella verifica ravvicinata della situazione della lanterna, alla base e in sommità, degli infissi e dei coppi posti sul punto di connessione, nel montaggio a protezione della lanterna di una struttura temporanea con l’uso di tubi e giunti, dotata di un profilo porta telo che consenta di rivestire esternamente l'impalcatura in modo da celare e mascherare il sistema di messa in sicurezza, oltre che proteggere dagli agenti atmosferici la lanterna (pioggia, vento etc) in modo da interrompere le infiltrazioni nel sottostante intradosso della volta di copertura della Cappella Salviati.


NOTE Intervento archiviato