I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

ll Teatro Popolare La Contrada nasce a Trieste nel 1976 per volontà degli attori Ariella Reggio, Orazio Bobbio, Lidia Braico e del regista Francesco Macedonio, che
rimarrà Direttore artistico fino alla sua scomparsa nel 2014, per ben 38 anni. Dopo alcuni anni di attività itinerante con spettacoli di Teatro Ragazzi, la compagnia approda nel 1983 al Teatro Cristallo.
Da allora è organismo stabile di produzione e programmazione teatrale che opera in sei principali settori di attività:
• L’allestimento di opere di autori triestini;
• La messa in scena di produzioni per il mercato nazionale, in particolare di autori del'900
• La produzione di spettacoli per l’infanzia e la gioventù;
• La metodica presenza in Istria - in collaborazione con la Regione Friuli- Venezia Giulia, l’Università Popolare di Trieste e con l’Unione Italiana di Fiume - a
favore delle Comunità Italiane di Slovenia e Croazia;
• La realizzazione di attività seminariali per insegnanti e studenti e di progetti di aggiornamento e perfezionamento professionale per giovani attori;
• La programmazione degli spettacoli e delle rassegne del Teatro Cristallo, reintitolato nel 2007 a Orazio Bobbio.
• La programmazione, in accordo con la gestione del cinema, del Teatrino dei Fabbri, di proprietà della Contrada
Nel 1989 ottiene il riconoscimento ministeriale quale “Teatro Stabile di interesse pubblico”, riconoscimento che mantiene fino al 2014. Dal 2015 è riconosciuta dal Ministero nel settore “impresa”. Nel 2018 è stata riconosciuta dal Ministero come "Centro di produzione teatrale".

Dal 2011 gestisce con Artisti Associati di Gorizia e il Teatro Michelangelo di Modena il Teatro Duse, storico teatro bolognese.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

La raccolta fondi per il sostegno dell'attività 2021 ha come oggetto l'allestimento dello spettacolo "Harold&Maude" con Ariella Reggio e Davide Rossi. Harold è un ragazzo problematico, figlio di una madre disfunzionale, egocentrica e anaffettiva, si direbbe oggi. Non ha amici, si diverte a inscenare il suo finto suicidio in vari modi pittoreschi, per spaventare l’insopportabile genitrice, e come hobby frequenta funerali di sconosciuti. Maude è una donna che vive la vita con passione, ha amato ed è stata amata, ha girato il mondo, e abita in una specie di salone delle meraviglie, pieno di oggetti provenienti da tutto il pianeta. Ciò che ha visto e le persone che ha incontrato fanno la ricchezza della sua casa e del suo essere. Il suo è un personaggio mercuriale, vulcanico, sempre curioso e accogliente di ogni novità. Maude è l’amore e il coraggio per la vita che Harold non ha. In Harold e Maude si incontrano vecchiaia e giovinezza, ma a poli invertiti. 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Sostegno generico all'attività del Teatro Stabile La Contrada


NOTE Intervento archiviato


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

SOSTEGNO DELL'ATTIVITA' DE LA CONTRADA TEATRO STABILE DI TRIESTE PER L'ANNO 2019


NOTE Intervento archiviato


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Le elargizioni Art Bonus per l'anno 2020 sono state destinate all'allestimento dello spettacolo "L'anima buona di Sezuan" con Monica Guerritore nel doppio ruolo della buona prostituta Shen-Te e del suo perfido e inventato cugino; ha curato anche la regia, ispirata alla versione che Giorgio Strehler diresse nel ’81 al Piccolo Teatro di Milano. Un nuovo allestimento pensato per la contemporaneità teatrale che ci circonda ma con un legame strettissimo all’immenso patrimonio della tradizione milanese.


NOTE Intervento archiviato