I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Il Teatro Stabile dell’Umbria è nato come evoluzione del circuito teatrale già attivo in Umbria dai primi anni ’80 e si è subito posto al centro dell'attenzione culturale con produzioni di successo dirette da artisti come Luca Ronconi, Massimo Castri ecc. Nel 1989 è stato riconosciuto Teatro Stabile Pubblico e fino a oggi sono stati prodotti ben oltre cento spettacoli.

Dal 2008 il Teatro Stabile dell’Umbria si occupa anche di ospitalità di danza; dal 2015 viene riconosciuto dal MIBACT come Teatro di Rilevante Interesse Culturale. Pur essendo una regione piccola sono diciotto i teatri in cui svolge l'attività: Teatro Morlacchi di Perugia, Secci a Terni, Cucinelli a Solomeo, Politeama Clarici a Foligno, Teatro Nuovo Giancarlo Menotti a Spoleto, Comunale Luca Ronconi a Gubbio, Comunale Manini a Narni, Teatro degli Illuminati a Città di Castello, Comunale a Todi, Sociale ad Amelia, Caporali a Panicale, Concordia a Marsciano, Mengoni a Magione, Teatro Don Bosco a Gualdo Tadino, Accademia a Tuoro sul Trasimeno, Torti a Bevagna, Teatro della Filarmonica a Corciano, Spazio Teatro a Norcia.

 

www.teatrostabile.umbria.it

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 300.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il Teatro Stabile dell’Umbria fin dalla sua nascita si è distinto per produrre spettacoli di alta qualità, diretti dai più grandi registi della scena e con attori che hanno segnato la storia del teatro. Messinscene memorabili rappresentate con successo di pubblico e di critica nei maggiori teatri italiani ed esteri.

Nel 2019 intende proseguire sulla scia dell’eccellenza con la produzione di spettacoli di rilevanza nazionale e internazionale che possano entusiasmare, emozionare e incuriosire il pubblico.

Per questo verranno coinvolti artisti di fama come lo stimato regista Andrea Baracco, uno dei maggiori esponenti della nuova scena italiana, noto per aver diretto spettacoli di successo che hanno appassionato gli spettatori, e Lucia Calamaro, regista e autrice sulla cresta dell’onda in Italia e all’estero, insieme ad attori del calibro di Michele Riondino, Silvio Orlando, Umberto Orsini, Ottavia Piccolo, Silvia D’Amico e altri.

I testi sono stati scelti in modo da soddisfare le esigenze dei diversi pubblici che compongono la platea, si passerà quindi dalla messinscene di grandi classici a quelle degli autori contemporanei più innovativi. Un programma ambizioso che grazie al sostegno dei privati potrà ampliarsi e concretizzarsi, portando, ancora una volta, il nostro teatro e l’Umbria al centro dell’attenzione italiana ed europea.

Inoltre il Teatro Stabile dell’Umbria è l'unico stabile italiano a organizzare le stagioni di prosa in ben 17 città dell’Umbria: a seguito del lavoro di restauro svolto dalla regione è stato possibile riportare alla vita bellissimi teatri storici che restano aperti e fruibili grazie alle stagioni di prosa, alle rassegne, ai festival, diventando così un luogo di incontro e scambio, un presidio culturale che contribuisce in maniera determinante a mantenere vivi i centri storici.

Nel 2019 il Teatro Stabile dell'Umbria intende garantire un offerta sempre maggiore in modo che in Umbria ci possa essere in media uno spettacolo al giorno. Nei cartelloni verranno presentati i grandi interpreti del teatro italiano e non mancheranno le presenze internazionali e i giovani talenti che portano nuova linfa alla scena, equilibrando proposte divertenti con testi impegnati, dando particolare attenzione ai grandi temi che appassionano gli spettatori e ai giovani che devono poter trovare nel venire a teatro un apprezzata e valida alternativa ad altre forme d'intrattenimento.

Forse non tutti sanno che per realizzare una stagione di qualità occorrono notevoli risorse economiche e il pubblico, con l’acquisto dei biglietti, contribuisce con una quota pari a circa il 40% dei costi generali.

E’ quindi fondamentale il sostegno di tutti per far sì che l’Umbria sia sempre di più terra di turismo culturale, in modo che le proprie ricchezze possano svilupparsi e diventare un fattore di crescita anche civile ed economico.

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 500.000,00 €

 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il Teatro Stabile dell’Umbria fin dalla sua nascita si è distinto per produrre spettacoli di alta qualità, diretti dai più grandi registi della scena e con attori che hanno segnato la storia del teatro. Messinscene memorabili rappresentate con successo di pubblico e di critica nei maggiori teatri italiani ed esteri.

Nel 2018 intende proseguire sulla scia dell’eccellenza con la produzione di spettacoli di rilevanza nazionale e internazionale che possano entusiasmare, emozionare e incuriosire il pubblico.

Per questo verranno coinvolti artisti di fama come lo stimato regista Andrea Baracco, uno dei maggiori esponenti della nuova scena italiana, noto per aver diretto spettacoli di successo che hanno appassionato gli spettatori, e attori del calibro di Michele Riondino, Anna Maria Guarnieri, Sivio Orlando, Umberto Orsini, Ottavia Piccolo, Ascanio Celestini e altri.

I testi sono stati scelti in modo da soddisfare le esigenze dei diversi pubblici che compongono la platea, si passerà quindi dalla messinscene di grandi classici a quelle degli autori contemporanei più innovativi.

Un programma ambizioso che grazie al sostegno dei privati potrà ampliarsi e concretizzarsi, portando, ancora una volta, la nostra Regione al centro dell’attenzione italiana ed europea.

 


NOTE Intervento archiviato


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 500.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il Teatro Stabile dell’Umbria è l'unico stabile italiano a organizzare le stagioni di prosa in ben 18 città dell’Umbria.

A seguito del lavoro di restauro svolto dalla regione è stato possibile riportare alla vita bellissimi teatri storici che restano aperti e fruibili grazie alle stagioni di prosa, alle rassegne, ai festival, diventando così un luogo di incontro e scambio, un presidio culturale che contribuisce in maniera determinante a mantenere vivi i centri storici.

Nel 2018 il Teatro Stabile dell'Umbria intende garantire un offerta sempre maggiore in modo che in Umbria ci possa essere in media uno spettacolo al giorno.

Nei cartelloni verranno presentati i grandi interpreti del teatro italiano e non mancheranno le presenze internazionali e i giovani talenti che portano nuova linfa alla scena, equilibrando le proposte divertenti con i testi impegnati con particolare attenzione ai grandi temi che appassionano gli spettatori e ai giovani che devono poter trovare nel venire a teatro un apprezzata e valida alternativa ad altre forme d'intrattenimento.

A un anno e mezzo dal terremoto che ha colpito il centro Italia verrà organizzata a Norcia una stagione teatrale, con la convinzione che ricominciare ad andare a teatro, sarà un elemento importante del percorso di riappropriazione della quotidianità.

Forse non tutti sanno che per realizzare una stagione di qualità occorrono notevoli risorse economiche e il pubblico, con l’acquisto dei biglietti, contribuisce con una quota pari a circa il 40% dei costi generali.

E’ quindi fondamentale il sostegno di tutti per far sì che l’Umbria sia sempre di più terra di turismo culturale, in modo che le proprie ricchezze possano svilupparsi e diventare un fattore di crescita anche civile ed economico.

 


NOTE Intervento archiviato