I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La costruzione della Fonte risale, secondo gli Annali di Monte Santo (Potenza Picena) al 1432. Il nome Galazzano, di origine greca, deriva dal colore lattiginoso dell'acqua del fosso omonimo, il cui corso scorreva vicino alla Fonte. La sorgente che alimenta la Fonte, invece, si trova poco lontano, al di sopra della strada. L'acqua è raccolta in una cisterna e convogliata alla Fonte per caduta libera sfruttando il declivio naturale.

Dalle mappe settecentesche si può osservare che la costruzione originale era a due vasche: la prima riceveva l'acqua dalla cisterna e la seconda, più grande, era utilizzata come abbeveratoio per gli animali. Il prospetto era formato da una parete in mattoni, conformata ad arco a tutto sesto, con tondo centrale la cui traccia è ancora leggibile. Il tondo era sicuramente affrescato con inciso l'anno di costruzione, come rilevato in altre fonti. Le due vasche laterali sono aggiunte ottocentesche, mentre, quella più grande, centrale, utilizzata come lavatoio e la copertura risalgono ai primi del novecento, come si può osservare dal tipo di mattoni utilizzati e dal calcestruzzo. Nel bordo della prima vasca a destra, sono stati infissi dei chiodi per impedire che in essa venisse lavata la biancheria sporca, come proibiva l'editto del 1819, il quale consentiva l'uso delle fonti solo per fornire l'acqua per bere, per cucinare e per abbeverare gli animali.

Informazioni sullo stato della conservazione

Attualmente la Fonte di Galiziano si presenta in stato di abbandono. E' caratterizzata dal degrado generale della struttura in muratura e dalla presenza di vegetazione infestante. Tutto il paramento murario presenta lacune e depositi superficiali causati dal tempo e dall'esposizione alle intemperie.

Si rende necessario un intervento di recupero totale del manufatto facendo essenzialmente opere di restauro conservativo, al fine di restituire un pezzo di storia ai cittadini.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il manufatto è situato all'aperto, all'incrocio con Contrada Mandolino e la strada provinciale per Montecanepino. E' difficilmente fruibile per mancanza di un sentiero di accesso e per le piante infestanti.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 48.230,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento sarà preceduto da una prima fase di accurata pulizia dell'area e rimozione della vegetazione infestante che copre il manufatto.

Il primo stralcio prevede interventi di manutenzione e di restauro conservativo e ripristino dell'organismo edilizio.

Gli interventi di restauro e di risanamento dell'organismo edilizio vengono diversificati in corrispondenza delle seguenti 6 Aree e tipologie di intervento:

- 1 Struttura muraria voltata della prima vasca: pareti esterne ed interne,

-2 superficie estradossale della volta,

-3 muretti di contenimento delle due vasche ad uso abbeveratoio e fondo pavimentato,

-4 muretti di contenimento della vasca ad uso lavatoio e fondo pavimentato,

-5 pavimentazione e scoli,

-3 parete di contenimento della scarpata.