I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

La Biblioteca Renato Nicolini, situata a Corviale in una delle periferie più difficili di Roma, rappresenta uno dei più importanti luoghi di cultura e di integrazione all’interno della città. Inaugurata nel 2002, la Biblioteca è da tre anni punto di riferimento per autistici e altri utenti con disabilità cognitiva in prevalenza bambini. Per questo abbiamo pensato di arricchire l’offerta della biblioteca creando, nella Sala già esistente, un servizio dedicato a una utenza con disabilità intellettiva attraverso il metodo del Friendly Autism Screening (FAS).

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 15.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede di arricchire l’offerta della biblioteca creando, nella Sala già esistente, un servizio dedicato a una utenza con disabilità intellettiva attraverso il metodo del Friendly Autism Screening (FAS). Il FAS crea l’opportunità di vivere l’esperienza di comunicazione visiva anche a persone con disturbi dello spettro autistico grazie a una attrezzatura specifica e studiata per venire incontro alle esigenze di tale tipo di utenti. La necessità di attrezzare una sala, che denomineremo “BiblioDigitAutismo”, nasce da un bisogno del territorio: gli utenti con disturbi dello spettro autistico hanno difficoltà a seguire la visione di una proiezione in pubblico a causa di alcuni fattori ambientali incompatibili con la sindrome stessa: volume troppo alto, il buio, la presenza di scalini o dislivelli sul pavimento. L’autistico infatti ha una percezione alterata dei suoni, difficoltà nel movimento e, in particolare nei bambini, il buio in sala costituisce una barriera insormontabile. Alcuni hanno necessità di assumere cibi e medicinali durante la proiezione e non sono in grado di rimanere fermi o semplicemente seduti per molto tempo. Le caratteristiche del “BiblioDigitAutismo” saranno: le luci in sala non vengono del tutto spente, i suoni leggermente più bassi, libertà di movimento in sala durante la proiezione e possibilità di portare cibo specifico da casa. La programmazione riguarderà non solo la filmografia ma anche la proiezione di materiale in CAA, di documentari e APP specifiche per autistici. La stessa sala rimarrà comunque aperta per la programmazione di eventi rivolti al pubblico normodotato. Tale progetto consentirà di realizzare un ambiente con un alto livello di accessibilità dove poter affiancare ai laboratori di letto-scrittura per autistici (che realizziamo già da alcuni anni) uno spazio dove sia possibile concretizzare la comunicazione visiva per autistici. La Biblioteca Nicolini si trova in un contesto sociale difficile dove molte famiglie non hanno le possibilità economiche per accedere a servizi culturali come teatro, cinema, opera ed in tale quadro le famiglie con disabili sono ancora più svantaggiate. Vari corsi, laboratori di letto-scrittura CAA (simboli per autistici) che si tengono presso la Biblioteca Nicolini e la realizzazione di una sala multimediale così strutturata costituirebbe un ulteriore passo in avanti nella politica di soddisfazione dei bisogni dell’utenza.