I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La balena fossile ribattezzata" Brunella" è stata scoperta nel territorio di Montalcino (loc.Poggio alle Mura ) nel 2007 ed è considerata dagli esperti come uno degli esemplari pliocenici meglio conservati nel Mediterraneo. Sulla base dell'esame del cranio, la lunghezza di questo misticete è stimata in circa 7-8 metri, corrispondente negli esemplari attuali a un peso di circa 5000 Kg. L'esame del contesto di ritrovamento ha rivelato la presenza di microfossili in grado di collocare stratigraficamente il repeto nel Pliocene inferiore ( Zancleano ) e di attribuire quindi alla balena una datazione approssimativa compresa tra 4.5 e3.7 milioni di anni fa. Il reperto è attribuito alla famiglia Balaenopteridae e poichè quasi tutti i balenotteridi pliocenici italiani risalgono a un periodo compreso tra 3.5 e 1.5 milioni di anni fa, il reperto di Poggio alle Mura rappresenta uno degli esemplari pliocenici più antichi. Esso pertanto potrebbe essere di notevole aiuto sia per ricostruire la storia evolutiva dei balenotteridi mediterranei, sia per meglio decifrare il processo di ripopolamento del Mediterraneo dopo l'estinzione tardo-miocenica corrispondente alla crisi messiniana di salinità collocabile tra i 5.9 e i 5.7 milioni di anni fa.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il cetaceo fossile si trova anatomicamente suddiviso in 18 blocchi con i resti ancora parzialmente inglobati nel suo sedimento, conseguenza della scelta operata dai responsabili al momento dell'intervento di recupero eseguito nel 2007. I reperti sono stati recuperati mediante stacchi e in parte inglobati in camicie di gesso; le porzioni più voluminose ( cranio e cassa toracica ) sono state racchiuse, rivestite di poliuretano espanso, in casse lignee e gabbie metalliche di tubi Innocenti. Questa è la condizione in cui si trovano tuttora. I blocchi nn.1-10 si trovano esposti senza alcuna protezione. Sulla superficie fossile si nota il caratteristico Paraloid B72, utilizzato al momento del recupero nel 2007 e che allo stato attuale, completamente ossidato, conferisce un colore marrone scuro alla superficie ossea; vista l'esposizione continua a cicli climatici, in alcune parti sono presenti microfratture longitudinali della superficie fossile e stacchi di sedimento dovuti al ritiro. La cassa contenente il cranio è stata aperta nel 2016 per valutare lo stato di conservazione, in base al quale è stato possibile programmare l'intervento di preparazione dell'elemento anatomico.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il bene non è al momento fruibile. Nel quadro del progetto sono ad ogni modo previste specifiche azioni finalizzate alla fruizione del bene sia da parte di studiosi e studenti universitari, sia di scuole di ogni ordine e grado. Nel periodo di svolgimento il cantiere di restauro sarà inoltre aperto, previo appuntamento, al pubblico. L'obiettivo è dunque quello di creare un percorso di fruizione pubblica del bene fin dalle fasi iniziali dell'intervento, nell'attesa che, terminati i lavori direstauro, la balena possa trovare una adeguata sistemazione museale.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 140.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento prevede: la rimozione del sedimento che ancora copre parzialmente le ossa, con il contestuale salvataggio di elementi faunistici ( malacologici ) e floristici associati alle ossa stesse anche a fini espositivi; il restauro e consolidamento di tutte le ossa fossili della balenottera; l'individuazione, messa in luce e restauro di elementi floristici e faunistici associati alle ossa; il prelievo di campioni di sedimento per analisi micropaleontologich e paleobotaniche; il prelievo e conservazione di parte della colonna stratigrafica. Il restauro delle ossa non ricoperte da sedimento avverrà successivamente alla rimozione del consolidante utilizzato nel 2007 in occasione del recupero del reperto. In occasione del restauro del cranio verrà realizzata una matrice in resina siliconica che permetterà, in un secondo momento ( non previsto all'interno del presente progetto ), la realizzazione della copia tridimensionale del cranio. Contestualmente alle attività di restauro, il progetto vedrà lo svolgimento di un campo scuola specializzato in beni paleontologici e di visite guidate sul " cantiere" , al fine di attivare un percorso di fruizione pubblica del bene fin dalle prime fasi di restauro.