I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Fulgor ha sede a palazzo Valloni, un edificio del Settecento, la cui facciata fu disegnata dall'architetto Giuseppe Valadier, figura di primo piano del periodo neoclassico.

A seguito del terremoto che nel 1916 rase al suolo la città, il palazzo fu integralmente ristrutturato su progetto dell'architetto Addo Cupi, che ebbe l'intuizione di destinare una parte del pianoterra a sala cinematografica, dove, dalla fine degli anni Dieci, fu trasferito il cinema Fulgor, che era stato inaugurato solo qualche anno prima, nel 1914, nei locali dell’albergo Aquila d’oro, sempre in Corso d’Augusto.

Snodo strategico tra nord e sud, lungo la Linea Gotica, tra il novembre del ’43 e il settembre del ’44, Rimini fu colpita da oltre 350 bombardamenti, che la distrussero per oltre l’80% e causarono quasi 7 mila vittime. Anche Palazzo Valloni subì danni ingenti, ma non fu mai oggetto di un intervento organico di ristrutturazione, con la conseguenza che di tutto l’edificio rimase in funzione, fino al 2009, il solo cinema a pianoterra con l’abbondono progressivo dei piani superiori.

Il Fulgor è il cinema più vecchio di Rimini e uno dei più famosi del mondo, grazie a Fellini che lo ha ricostruito e reso immortale in Amarcord. E’ la sala dove il regista riminese vide, sulle ginocchia del padre, il suo primo film, Maciste all'inferno di Guido Brignone e dove scoprì la magia della settima arte. E’ stato il cinema che Fellini più ha frequentato da giovane e dove entrava gratuitamente in cambio di ritratti dei divi americani. Oltre a rappresentare il simbolo più potente del legame tra il regista e la sua città natale, il Fulgor è stato la prima e una delle principali fonti della visionarietà felliniana.

 

Informazioni sullo stato della conservazione

Nel 2011 sono iniziati i lavori di ristrutturazione di palazzo Valloni, conclusi nel marzo 2017. Un progetto organico, che porta la firma dell’architetto Annio Matteini e che, rispetto al disegno originario di Cupi, ha aggiunto un terzo piano e una seconda sala accanto a quella storica, i cui allestimenti scenografici sono stati disegnati da Dante Ferretti.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il 20 gennaio 2018, giorno del compleanno del maestro Federico Fellini è stata inaugurata la Casa del Cinema Fulgor.

Il cinema più famoso del mondo ha finalmente ripreso la sua attività e rimane aperto tutti i giorni dalle 16 alle 23. 

(Per informazioni: https://www.cinemafulgorrimini.it/)

 

I tre piani superiori di palazzo Valloni, che comporranno uno dei tre assi del Museo Fellini distribuito per il centro storico, saranno aperti al pubblico nel 2020

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 500.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Con delibera di Giunta Comunale n. 383/2016 è stato approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica del Museo Fellini (ex Cinema Fulgor). Il costo preventivato è di 1 milione di euro, suddiviso tra opere in appalto (780.000,00 euro) e somme a disposizione dell’Amministrazione (220.000,00). Il progetto prevede lavori di sistemazione, rifunzionalizzazione e adeguamento dei tre piani superiori di palazzo Valloni, con ingresso autonomo rispetto a quello del cinema,dove si svilupperà uno dei tre assi in cui si articolerà il futuro Museo Fellini. Gli interventi edilizi ed impiantistici, per un costo previsto di 100.000,00 euro, sono finalizzati all’adeguamento della struttura esistente. In particolare gli interventi, volti alla creazione dei collegamenti interni fra gli ambienti in funzione del percorso espositivo, riguarderanno la posa in opera di infissi, il rivestimento di pavimentazioni e l'installazione di impianti.