I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Dal 2004 Palazzo Rosso, Palazzo Bianco e Palazzo Tursi – le tre storiche dimore di proprietà comunale nella cinquecentesca Strada Nuova - costituiscono un unico percorso espositivo consacrato all’arte antica, i Musei di Strada Nuova: Palazzo Rosso, storica dimora dei Brignole Sale, e Palazzo Bianco, prestigiosa pinacoteca, sono dalla fine dell’Ottocento aperti al pubblico; Palazzo Tursi è sede dell’Amministrazione Comunale cittadina ma, per volontà della stessa, destinato anche a uso culturale, museale e di alta rappresentanza. L’unione dei tre palazzi in un continuo percorso di visita, nel quale ogni edificio mantiene le proprie specifiche caratteristiche storiche e di collezione, ha così trasformato la cinquecentesca Strada Nuova (via Garibaldi) in una vera e propria “strada-museo”, capolavoro della cultura architettonica e abitativa genovese e sede di una istituzione culturale unica per dimensioni, caratteristiche, qualità e prestigio.

 L'articolazione degli spazi e l'imponente varietà e prestigio delle collezioni di questo che è il più importante polo museale di Arte Antica della città di Genova, comporta una intensa ed impegnativa attività che ogni anno va dalla costante e varia proposta didattica, rivolta sia al pubblico adulto che alle scolaresche, con attenzione alle disabilità, fino alla valorizzazione ed approfondimento scientifico delle collezioni con pubblicazioni, conferenze ed esposizioni temporanee e naturalmente comprende la attenta cura della conservazione e manutenzione delle opere del Museo e degli edifici storici che lo ospitano.

http://www.museidigenova.it/it/content/musei-di-strada-nuova

 

 

 

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 40.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

I Musei di Strada Nuova di Genova promuovono la ricerca scientifica, la conoscenza e la fruizione pubblica anche attraverso attività formative ed educative. - Organizzano eventi espositivi di valorizzazione del patrimonio e di approfondimento sui temi dell'arte e della cultura, in collaborazione con i principali Istituti di cultura in Italia e all'estero. - Intervengono nella conservazione e tutela del patrimonio con azioni di restauro e manutenzione straordinaria ed ordinaria. - Svolgono attività didattiche rivolte al mondo della scuola e al pubblico adulto.  Verra inoltre restaurato un importante camino settecentesco in marmo, che sarà ricollocato nel percorso espositivo di Palazzo Rosso, cui originariamente apparteneva. Sono in programma, inoltre, pubblicazioni scientifiche inerenti nuclei di significativo interesse delle collezioni, in particolare di quelle tessili. In occasione della edizione di Euroflora 2018, che si terrà a Genova dal 21 aprile al 1 maggio, è in progetto il riallestimento della sala degli arazzi dei Musei di Strada Nuova-Palazzo Tursi che prevede la presentazione al pubblico di tre magnifici arazzi cinquecenteschi di manifattura di Bruxelles dedicati al tema del giardino, dei fiori e dei frutti e della loro divinità protettrice.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 6.600,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il paravento a sei ante è un rarissimo e prezioso esemplare di un tipo di arredo creato in Cina per l’esportazione e destinato alle famiglie europee più facoltose. L’opera, databile tra la fine del XVIII e gli inizi del XIX secolo, in origine era collocata nel palazzo De Ferrari di Genova ed è confluita successivamente nelle proprietà di Maria Brignole-Sale, Duchessa di Galliera. Del tutto inedito, il paravento, che presenta un raffinato compendio di figure e decori ispirati all’arte cinese, è espressione della passione per le chinoiseries dilagante in Europa.

L’intervento di restauro, finalizzato a consolidare e risanare la struttura lignea per ridare piena leggibilità all'opera e restituirla così al godimento del pubblico, prevede la pulitura delle superfici, la disinfestazione dalle muffe, il fissaggio e l'eventuale integrazione pittorica delle parti superficiali decoese, la sistemazione delle cerniere metalliche e dei piedi di appoggio e infine il rimontaggio del paravento che tornerà ad assumere la sua conformazione originaria a sei ante.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 3.600,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

La marsina, in prezioso tessuto serico ricamato, è un esempio di altissimo livello dell’abbigliamento di corte settecentesco. Indossata sopra un gilet ricamato e con i calzoni al ginocchio (culottes), è  un simbolo della società aristocratica dell’Ancien Régime, anche per l’elevato costo di realizzazione e la fragilità dei materiali che ne limitavano l’utilizzo a occasioni auliche. Il pregevolissimo ricamo in sete policrome a soggetto floreale, probabilmente di manifattura francese, si ricollega ai più raffinati modelli di gusto rococò. La marsina, probabilmente appartenuta al membro di una famiglia nobiliare genovese, fa parte di un settore particolarmente importante delle Collezioni Tessili dei Musei di Strada Nuova.

 L’intervento di restauro è finalizzato a bloccare il processo di degrado che minaccia di distruggere la marsina e a consolidarne la superficie, in modo da rendere possibile una sua esposizione al pubblico. Si prevede che l’oggetto sarà dapprima sottoposto a spolveratura, poi si procederà allo smontaggio dei vecchi rammendi e delle ricuciture grossolane, con successiva ricucitura delle parti scucite. Le zone degradate verranno supportate con tessuto in seta tinto e fermato a cucito e, dove necessario, verranno protette con tulle. Le pieghe verranno accuratamente vaporizzate.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 45.054,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il restauro e il montaggio di due sculture, tre dipinti, 25 disegni del Barocco genovese si rendono necessari in occasione di una grande mostra dal titolo A Superb Baroque, che si terrà a Washington e a Roma, in cui la grande stagione del Barocco genovese approderà oltreoceano con una operazione culturale di grande valorizzazione e promozione della città di Genova e dei suoi Musei.

Le opere, in gran parte afferenti il patrimonio museale della città e di proprietà del Comune di Genova, saranno restaurate e riportate al loro originario splendore per essere esposte nelle prestigiose sedi della  National Gallery of Art e delle Scuderie del Quirinale


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 5.500,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

La mostra è in programma per il 2020, compatibilmente con le misure adottate per l'emergenza epidemiologica

Protagonista della mostra è il ricamo, tecnica antichissima, spesso praticata dalle donne in ambito domestico, ma anche oggetto, nei secoli passati, del lavoro di artigiani specializzati, riuniti in un’apposita associazione di mestiere che a Genova era denominata Arte dei Ricamatori. Prendendo spunto da uno dei più interessanti libri di modelli cinquecenteschi destinati ai ricamatori, intitolato appunto Trionfo di virtù, il percorso nelle sale di Palazzo Bianco si snoda prendendo in considerazione vari tipi di tecniche e di materiali usati per il ricamo in Occidente e in Oriente, dalla seta al vetro, dalle perle ai lustrini, e presentando un’ampia gamma di manufatti di altissimo livello che comprendono capi d’abbigliamento, accessori di moda, biancheria di lusso, arredi domestici e liturgici e veri e propri dipinti ad ago, destinati a decorare, alla stregua dei quadri, gli interni privati

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 30.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

I Musei di Strada Nuova di Genova presentano in anteprima una straordinaria serie di incisioni a bulino di Albrecht Dürer, uno dei maestri più importanti del Rinascimento nordico e protagonista insuperato di questa particolare tecnica; la sua arte ha travalicato i confini della natia Germania, divenendo un punto di riferimento per pittori, disegnatori e incisori dell’intera Europa anche nei secoli successivi.  

Le oltre 60 opere in mostra fanno parte di una collezione privata di incisioni di grandi maestri del passato, che un colto e avveduto collezionista ha messo insieme negli anni con passione e determinazione, che continua ad accrescere e che ha intenzione di destinare al Gabinetto Disegni e Stampe di Palazzo Rosso: al momento più di duecento fogli, di alcuni artisti italiani – tra i quali Grechetto, Giambattista Tiepolo, Giandomenico Tiepolo - ma soprattutto di artisti tedeschi del primo Cinquecento, come Albrecht Altdorfer, Hans Sebald Beham, e in particolare di Albrecht Dürer (1471 – 1528).