I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Museo del Violino, inaugurato il14 settembre 2013, conserva ed espone le collezioni liutarie storiche e contemporanee, civiche e private presenti nella Città di Cremona in un ambiente unico al mondo che è al tempo stesso sito espositivo, polo di ricerca e luogo per far musica nello splendido Auditorium Giovanni Arvedi. Questa unicità, fondata sulla straordinaria ricchezza di competenze e abilità perpetrate e trasmesse a partire dalla famiglia Amati nel XVI secolo, è stata ritenuta meritevole del riconoscimento UNESCO e dell’iscrizione nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità il 5 dicembre 2012. Il contesto cremonese si è inoltre arricchito, a partire da questo stesso anno, di una presenza estremamente rilevante nell'ambito della ricerca e dell'innovazione a servizio della conservazione degli strumenti e della liuteria contemporanea: due laboratori di ricerca non invasiva, il Laboratorio Arvedi di diagnostica dell’Università degli Studi di Pavia e il Laboratorio di ricerca sull’acustica musicale del Politecnico di Milano.

L'intero patrimonio e gli spazi in cui si articolano esposizione, fruizione e ricerca sono gestiti dalla Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari Cremona, proprietaria diretta della collezione costituita dagli strumenti vincitori del Concorso Internazionale Triennale di Liuteria che dal 1976 si svolge ogni tre anni a Cremona (Museo del Violino, sala 8).

Con una collezione liutaria unica al mondo, percorsi capaci coniugare approfondimento culturale ed esperienza sensibile – dalle audizioni su strumenti storici ai laboratori didattici, dalle mostre tematiche alle giornate di studio – la visita al Museo del Violino diventa momento emozionante e ricco di significato dove strumenti, suoni, profumi e immagini concorrono a dar forma a storia, sogni ed emozioni.

Informazioni sullo stato della conservazione

Palazzo dell’Arte, attuale sede del Museo del Violino, è uno dei capolavori della prima produzione dell’architetto napoletano Carlo Cocchia (1903-1993) e si distingue con forza nel panorama architettonico cremonese del Ventennio, chiudendo in senso monumentale il lato sud di piazza Marconi.
Nei decenni gli sono stati assegnati differenti ruoli, nonostante una continua, vana rivendicazione da parte del mondo artistico cremonese come sede espositiva. Ruoli che lo hanno trasformato progressivamente in un “contenitore” in grado di ospitare numerose esposizioni d’arte e fiere merceologiche, “trattenimenti danzanti diurni e serali”, palestre e incontri sportivi, assemblee e conferenze di ogni sorta, sedi di enti, comitati ed associazioni di ogni genere, spettacoli teatrali, musicali e cinematografici, iniziative benefiche, e così via.
Dopo una prima ipotesi di restituzione a sede museale come Museo del Calcio, dal 2013 celebra l’eccellenza della liuteria cremonese e mondiale come Museo del Violino, attraverso le sue sale espositive e gli spazi annessi dell’Auditorium Giovanni Arvedi, del Padiglione Andrea Amati per le esposizioni temporanee e dei Laboratori di ricerca.

Il restyling del Palazzo, finalizzato a questa nuova funzione e realizzato in tempi record per poter permettere l’apertura al pubblico del nuovo Museo del Violino il 14 settembre 2013, ha lasciato incompleti alcuni impianti e servizi particolarmente importanti per la tutela, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio in esso custodito.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Museo del Violino è aperto tutti i giorni dal mercoledì alla domenica, con orario continuato 11:00-17:00

Giorni di chiusura: il lunedì, il martedì, il 1° gennaio, il 1° maggio, il 25 dicembre

Altre informazioni su estensioni di orario e di apertura, e sulla fruizione di eventi particolari come le audizioni su strumenti storici, i concerti, le mostre e le esposizioni temporanee sono di volta in volta pubblicate e aggiornate sul sito www.museodelviolino.org

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 51.285,14 €

 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il Percorso Museale di Palazzo dell’Arte, sede del Museo del Violino, si sviluppa lungo dieci sale che costituisco l’interno Piano Primo dell’edificio.

L’illuminazione della collezione esposta - unica al mondo, costituita in massima parte dai reperti liutari delle Collezioni civiche del Comune di Cremona e dagli strumenti vincitori del Concorso Triennale Internazionale di Strumenti ad Arco - è realizzata attraverso proiettori che hanno necessità di continui interventi di manutenzione e sostituzione. Per garantirne una miglior gestione è necessario disporre in sede di almeno 10 di tali proiettori.

A completamento della gestione dell’impianto di illuminazione si rende necessaria anche la sostituzione dell’Uninterruptible Power Supply (U.P.S.), ossia del gruppo di continuità che, alimentato a batterie, garantisce il funzionamento dell’impianto anche in caso di improvviso black-out.

Per continuare ad offrire al pubblico la possibilità di ammirare tale patrimonio, i valori di umidità relativa lungo tutto il Percorso Museale devono essere mantenuti costanti intorno al 55%, gli stessi in cui gli strumenti si trovano conservati nelle rispettive teche espositive. I serbatoi di evaporazione della Macchina RC Group di climatizzazione caldo/freddo, già in dotazione, a causa dell’elevata durezza dell’acqua di Cremona si incrostano eccessivamente di calcare, costringendo il manutentore a una loro frequente sostituzione. Una risoluzione efficace è rappresentata da un addolcitore che, alimentando direttamente la Macchina, previene l’eccessiva formazione di calcare nei serbatoi di evaporazione della stessa.

A tutela del patrimonio esposto e della sua fruizione da parte dell’utenza, il presente intervento si rivela pertanto strettamente indispensabile e prevede:

- acquisto di dieci proiettori per un costo complessivo Euro 2.597,00 + IVA 22%

- installazione di un nuovo gruppo di continuità (U.P.S.) del costo di Euro 6.340,00 + IVA 22% INSTALLATO

- dotazione della Macchina Clima con addolcitore del costo di Euro 1.100,00 + IVA 22% INSTALLATA

Altre azioni necessarie per perfezionare la gestione e la tutela del patrimonio esposto sono:

- l’aggiornamento del Sistema Siemens DESIGO di controllo automatico di tutti gli impianti, dai sistemi per la sicurezza ai quelli antincendio, al controllo del clima, alla gestione degli scenari di illuminazione delle sale espositive del Museo del Violino. L’attuale versione risale al progetto originario 2010 ed è ormai urgente passare a quella più aggiornata e affidabile (Euro 26.000 + IVA);

- il perfezionamento di alcune vetrine espositive che, già a distanza di un anno dalla posa, hanno manifestato un difetto costruttivo; per risolvere il problema, è stata richiesta una consulenza specifica che ha proposto un intervento di consolidamento risolutivo (Euro 6.000,00 + IVA).

Il preventivo totale delle azioni di manutenzione e tutela sopra descritte è pertanto di Euro 42.037,00 + IVA 22% = Euro 51.285,14