I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

L'Associazione Balletto "città di Rovigo" è stata fondata nel 1986. Dalla sua nascita dà vita ad una propria compagnia che nel 1990 prende il nome di Fabula Saltica. Fin dagli inizi dell’attività fondamentale è la collaborazione con il Teatro Sociale di Rovigo; assieme, associazione e teatro, hanno dato vita ad un progetto mirato alla creazione contemporanea e alla promozione di una vera e propria cultura di danza, che col tempo oltre a radicarsi sul proprio territorio di riferimento ha potuto varcare anche i confini nazionali.

Negli anni la ricerca, per la compagnia, di una propria identità stilistica ed artistica ha favorito l’incontro con diversi coreografi, compositori, attori e musicisti, danzatori, registi, scenografi, che con il loro lavoro e la loro esperienza hanno contribuito alla creazione di un repertorio attento allacontemporaneità e alla valorizzazione di una compagnia versatile ed adattabile a diversi stili ed esigenze.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto, si prefigge di indagare Il fenomeno del ritiro sociale fra i giovani adolescenti e giovani adulti che vivono in completo o parziale isolamento. Il fenomeno del ritiro sociale, conosciuto come Hikikomori, è sempre più presente, anche in Italia, fra i giovani adolescenti e i giovani adulti di età compresa fra i 14 e 30 anni. In questo periodo storico, che vede come risvolto principale l’isolamento forzato, per limitare il propagarsi dell’epidemia da Sars Covid 19, risulta ancora più problematico.  Il progetto vuole indagare e capire una realtà complessa e radicata nella criticità del nostro tempo con un approccio non tipicamente convenzionale e il più possibile multidisciplinare.  Attraverso la danza, la musica, l’immagine e i nuovi linguaggi interattivi, cercheremo di restituire un racconto umano entrando nelle storie, nelle vite e nel mondo interiore delle persone che vivono questa realtà e nella loro interpretazione dell’esistenza e della società che li circonda.