I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il monumento in travertino inciso e scolpito fu realizzato da Raffaello Romanelli (1856-1928) e inaugurato nel 1924.

Il monumento presenta una base a pianta quadrangolare con elementi ornamentali come volute vegetali e, agli angoli, quattro aquile fortemente stilizzate. Su ogni facciata sono presenti lapidi con iscrizioni in ricordo dei Caduti. Il gruppo scultoreo sormontato da un obelisco raffigura una pattuglia di arditi all'attacco e un soldato morente in primo piano accolto da un guerriero romano che impugna la bandiera. 

L'opera fu realizzata grazie alla liberalità del Marchese Domenico Grossi di Camporsevoli e con la partecipazione del Comune di Cetona. Lo scultore prestò la sua opera gratuitamente.

Il monumento è stato selezionato dalla competente Soprintendenza quale opera da restaurare nell'ambito del Progetto "100 Anni - 100 Monumenti" (Programma di interventi connessi alla commemorazione del centenario della Prima Guerra Mondiale).

 

Informazioni sullo stato della conservazione

Il monumento è costituito da tre parti principali: i gradoni, il basamento con le sculture a basso rilievo e la parte alta con le rocce e la colonna mozza. Posto al centro di un giardino alberato è interamente ricoperto di patine vegetali; mostra inoltre un ispessimento calcareo dovuto a depositi di tufo che disfacendosi si sono stratificati sugli elementi decorativi della statua generando una patina di sporco. Inoltre le superfici sono corrose e consunte in molte parti a causa del contatto con agenti erosivi. In particolare fratture e microfratture sono visibili in varie parti, soprattutto sulla mani della statua e sulla bandiera. Molte le cadute: sulla mano, sulla bandiera, sul becco e sul piede di un'aquila. Anche le lettere delle lapidi risultano poco leggibili per la perdita della colorazione.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il monumento è collocato in Piazza Vittorio Veneto davanti alla facciata principale della Chiesa di San Lazzaro già oggetto di recupero e di restauro in anni recenti. La piazza e la sua chiesa costituiscono il nucleo antico di Piazze (frazione del Comune di Cetona), oltre che il principale luogo di aggregazione in virtù della destinazione del complesso di San Lazzaro a sala polivalente (mostre, convegni, spettacoli), biblioteca pubblica, punto PAAS, sede di associazioni. Il monumento ai Caduti rappresenta l’ideale baricentro dell’area, nonché un importante riferimento simbolico e identitario per la comunità di Piazze. L'accesso è del tutto libero e privo di barriere architettoniche.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 30.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Pulitura con solventi alcalini. Trattamento per rimuovere muschi e licheni. Spazzolatura e raschiatura delle superfici per ritrovare la stesura originale del materiale lapideo. Stuccature in corrispondenza delle fenditure. Trattamento finale delle superfici anche con idrorepellente. Documentazione completa delle varie fasi dell'intervento. Sistemazione dell'area circostante.