I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Nel magistrale allestimento progettato da Carlo Scarpa per la Galleria Nazionale della Sicilia i pannelli colorati realizzati dalla bottega di Eugenio De Luigi di Venezia rappresentano un inserimento fondamentale per la modulazione della luce e il risalto delle opere.

Il restauro dell’originale superficie a stucco dei pannelli consentirà il recupero dei valori luminosi ed una fruizione ottimale da parte dei visitatori, nell’ottica del mantenimento dell’allestimento storico della Galleria quale altissima testimonianza della museografia italiana del XX secolo.

Informazioni sullo stato della conservazione

La finitura superficiale dei pannelli nonché la loro struttura si presentano degradate. La finitura a stucco colorato risulta distaccata e scagliata mettendo in luce in parte i differenti strati applicati nel tempo durante gli interventi di manutenzione. Si possono individuare almeno due interventi di cui
l’ultimo più invasivo e meno rispettoso della tecnica e della finitura originale.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

La Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis è aperta dal martedì al venerdì dalle 9,00 alle 18,30.

Sabato, domenica e festivi dalle 9,00 alle 13,00

Lunedì osserva chiusura settimanale.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 15.213,40 €

 slide
 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento di restauro prevede le seguenti attività:

Smontaggio e movimentazione presso un laboratorio specializzato per le previste lavorazioni

Rimozione meccanica e/o a solvente dell’ultimo strato non pertinente.

Risarcimento dei difetti di adesione al supporto

Stuccatura delle lacune con materiale compatibile .

Ripristino della superficie nel rispetto della finitura e delle cromie originali.

Rimontaggio in situ