I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Calzatura a doppio tacco in legno rivestito di cuoio decorato a punzonatura con motivo ad occhi di dado. Si tratta di una “pianella” del tipo usato dalle dame veneziane in età rinascimentale. Rinvenuta ad Adria, fa parte della collezione Bocchi, nucleo storico delle raccolte del Museo Archeologico nazionale di Adria. Originariamente, doveva recare sulla punta una applique in metallo o altro materiale, di cui rimangono i fori per il fissaggio. Fine XVII - inizio XVII secolo; h: 7.7 cm; l: 21.8 cm; IG AD 48739.

Nel 1872 Francesco Antonio Bocchi lo descrive nel Catalogo del Domestico museo con queste parole: "Scarpa, o meglio sandalo, moderno ma non recente formato da una grossa suola sotto la quale sono due grandi rialzi corrispondenti l’uno alla parte del tacco l’altro a quella della punta: al di sopra una striscia di pelle abbastanza grossa e larga la quale si biparte lateralmente aderendo così alla suola con 4 liste. La suola essendo inclinata al di sotto si congiunge co i due suddetti rialzi. Tutta ricoperta di pelle bianca ornata a punteggiatura e così pure le liste superiore sono ornate di fregi simili e di cappette all’estremità. Deve aver servito a donna"

Informazioni sullo stato della conservazione

Si tratta di una cosiddetta opera “polimaterica” (cuoio, legno e filo di sutura), che necessita a causa del precario stato di conservazione e della fragilità dei materiali costitutivi, già in avanzato stato di degrado, di interventi immediati volti alla conservazione e al mantenimento della sua integrità.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

La calzatura fa parte delle raccolte del Museo archeologico nazionale di Adria, che osserva un orario di apertura dalle 8.30 alle 19.30 tutti i giorni (chiusura 1° gennaio e 25 dicembre). Dopo il restauro, l'oggetto potrebbe essere esposto permanentemente in museo oppure, previ accordi con L'Amministrazione comunale, presso il Museo Arte Adria (MAAD), insieme ad altre opere di età rinascimentale. 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 2.600,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Parte integrante e imprescindibile dell’intervento di restauro saranno le analisi, articolate in analisi diagnostiche preliminari e analisi da effettuarsi in corso d’intervento, con esecuzione di una serie  di micro-prelievi destinati alle  analisi diagnostiche necessarie per  determinare le operazioni di restauro.

Si propone di articolare il restauro nelle seguenti operazioni: pulitura, stabilizzazione, consolidamento/protezione, essiccazione, incollaggio ed eventuale integrazione.