I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il fondo antico del Collegio degli avvocati di Firenze oggetto del progetto di recupero comprende testi a stampa (tra i quali alcuni incunaboli, oltre millecinquecento cinquecentine e circa 2.500 seicentine) e manoscritti relativi alla storia del diritto comune e del diritto italiano. Concesso in comodato all'Università di Firenze nel 1924 e poi donato nel 1940, si costituì, a partire dal Cinquecento, attraverso successive donazioni di biblioteche di giuriconsulti fiorentini. Si accrebbe in maniera consistente nella seconda metà dell'Ottocento, passando da 2749 volumi (documentati nel Catalogo della Biblioteca appartenente al Collegio degli avvocati di Firenze, Firenze, Le Monnier, 1851-1852) a 6986 volumi (Catalogo della Biblioteca del Collegio degli avvocati di Firenze, a cura di G. Rocchi, Firenze, G. Carnesecchi e figli, 1890), cui se ne aggiunsero altri 3064 (Catalogo della Biblioteca del Collegio degli avvocati di Firenze. Appendice, Firenze, G. Carnesecchi e figli, 1898). Il fondo librario è unico in Italia per ricchezza e varietà della documentazione, al punto di costituire un riferimento irrinunciabile per gli studiosi di storia del diritto comune, italiani e stranieri, ed è stato individuato dal Max Planck Institut für Rechtsgeschichte come base per la descrizione del suo Census mondiale delle edizioni giuridiche antiche. E’ stato all’origine della costituzione della Biblioteca giuridica dell’Università di Firenze. Conservato in origine presso il Rettorato, il fondo passò nella sede di via Laura al momento della donazione nel 1940. Da qui, nel 1982, fu trasferito a Villa Ruspoli, sede del Dipartimento di Teoria e Storia del diritto, e infine, a partire da febbraio 2004, all'interno della Biblioteca di Scienze Sociali.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il fondo antico del Collegio degli avvocati di Firenze oggetto del progetto di recupero comprende testi a stampa (tra i quali alcuni incunaboli, oltre millecinquecento cinquecentine e circa 2.500 seicentine) e manoscritti relativi alla storia del diritto comune e del diritto italiano. Concesso in comodato all'Università di Firenze nel 1924 e poi donato nel 1940, si costituì, a partire dal Cinquecento, attraverso successive donazioni di biblioteche di giuriconsulti fiorentini. Si accrebbe in maniera consistente nella seconda metà dell'Ottocento, passando da 2749 volumi (documentati nel Catalogo della Biblioteca appartenente al Collegio degli avvocati di Firenze, Firenze, Le Monnier, 1851-1852) a 6986 volumi (Catalogo della Biblioteca del Collegio degli avvocati di Firenze, a cura di G. Rocchi, Firenze, G. Carnesecchi e figli, 1890), cui se ne aggiunsero altri 3064 (Catalogo della Biblioteca del Collegio degli avvocati di Firenze. Appendice, Firenze, G. Carnesecchi e figli, 1898). Il fondo librario è unico in Italia per ricchezza e varietà della documentazione, al punto di costituire un riferimento irrinunciabile per gli studiosi di storia del diritto comune, italiani e stranieri, ed è stato individuato dal Max Planck Institut für Rechtsgeschichte come base per la descrizione del suo Census mondiale delle edizioni giuridiche antiche. E’ stato all’origine della costituzione della Biblioteca giuridica dell’Università di Firenze. Conservato in origine presso il Rettorato, il fondo passò nella sede di via Laura al momento della donazione nel 1940. Da qui, nel 1982, fu trasferito a Villa Ruspoli, sede del Dipartimento di Teoria e Storia del diritto, e infine, a partire da febbraio 2004, all'interno della Biblioteca di Scienze Sociali.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il fondo librario, che subito dopo il danno era stato escluso dalla consultazione per ragioni di conservazione, è stato riammesso alla fruizione da parte degli studiosi e dei ricercatori, per la parte già recuperata e per la parte ancora da sottoporre a intervento, nei casi in cui la consultazione non crei pregiudizio allo stato dei materiali. I volumi sono consultabili presso la Sala di consultazione delle collezioni storiche della Biblioteca di scienze sociali, via delle Pandette 2 Firenze, dal lunedì al venerdì con orario 8.30-13.30.

 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

La Biblioteca ha presentato il progetto iniziale nel 2013, ottenendo un primo finanziamento nel 2014 e un successivo nel 2016, grazie al quale ha avviato i lavori di condizionamento e restauro dell'antico fondo librario, secondo una metodologia innovativa, presentata nel convegno tenuto a Firenze il 24 novembre 2016. Tale protocollo è stato elaborato coi tecnici restauratori della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, di concerto con il Servizio Beni Librari della Regione Toscana. I lavori di restauro sono stati affidati tramite gara e ad oggi sono stati lavorati 9 lotti, per un totale di 2.498 volumi revisionati, di cui 1113 restaurati e 85 in attesa di restauro con smontaggio. Con la fase 3 del progetto ci si propone di continuare il trattamento del fondo, da recuperare integralmente (12.000 volumi), continuando inoltre l'indagine culturale di ricostruzione del fondo librario, attraverso l'identificazione dei nuclei documentali d'origine, con in primis le biblioteche private degli antichi giureconsulti fiorentini. 

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 25.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

PROSECUZIONE DEL PROGETTO DI SVILUPPO DI UNA METODICA INNOVATIVA PER LA MESSA IN SICUREZZA DEI 12.000 VOLUMI DELL'ANTICO COLLEGIO DEGLI AVVOCATI DI FIRENZE CONSERVATO PRESSO LA BIBLIOTECA DI SCIENZE SOCIALI DELL'UNIVERSITA' DI FIRENZE


NOTE Intervento archiviato