I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

 

Alle origini del libero Comune di Rimini, le cui magistrature furono riconosciute dall’imperatore Federico Barbarossa fin dal 1157, per decidere su questioni di interesse generale i notabili di Rimini si riunivano all’interno della cattedrale di Santa Colomba - di cui oggi rimangono solo pochi resti della torre campanaria - ma ben presto la comunità sentì il bisogno di dotarsi a questo scopo di un Palatium Comunis, il palazzo dell’Arengo, che venne eretto tra il 1204 e il 1207.

L’edificio si articolava in un ampio salone al piano superiore nel quale si riuniva il Consiglio del popolo e in un porticato ad archi a sesto acuto al piano terreno, dove i notai tenevano i loro banchi e veniva amministrata pubblicamente la giustizia. La torre campanaria fu aggiunta nel 1296, le sue campane annunciavano le riunioni, le condanne, la guerra. Subì rifacimenti e restauri nel 1562 e 1672 che ne cambiarono il volto, mentre il terremoto del 1916 fece ricomparire frammenti della merlatura e delle finestre polifore originali. A Gaspare Rastelli tra il 1919 e il 1923 si deve il rifacimento dell’edificio in forme neogotiche ispirate agli elementi originali riemersi.

Intorno al 1334 accanto all’Arengo venne eretto il palazzo del Podestà (Palatium Novum) con funzioni squisitamente residenziali. L’aspetto moderno con la facciata ad arcate a sesto acuto prospettanti la piazza è dovuto ai restauri del Rastelli, che replicò gli archi originali che guardavano verso la Cattedrale Santa Colomba, oggi sul retro dell’edificio. Al piano terra, dall'arco centrale del loggiato pendeva la corda con cui si eseguivano le pubbliche impiccagioni dei rei. L’ingresso sul lato corto, prospiciente Castel Sismondo, era sottolineato dall’arco con i simboli dei nuovi Signori, i Malatesta. Al piano superiore, merlato, si aprono cinque finestre minori. Subì anch'esso consistenti modificazioni nel XVI secolo e la forma attuale si deve ad un ripristino dei primi decenni del XX secolo.

I due palazzi dalle funzioni e caratteristiche proprie e differenti, assolvevano insieme al ruolo pubblico e privato del podestà cittadino. Furono quindi costruiti vicini uno all'altro e collegati da una scalinata che si affaccia sulla piazza Cavour. 

 

 

 

 

 

Informazioni sullo stato della conservazione

Entrambi gli edifici hanno subito un consistente restauro in stile neogotico dal 1919 al 1923. Restauri successivi hanno poi interessato la struttura dei palazzi dopo i danneggiamenti della seconda guerra mondiale.

Lavori di rifunzionalizzazione hanno reso possibile l'utilizzo del palazzo del Podestà come sede di uffici comunali fino all'adattamento della struttura a sede espositiva per mostre d'arte moderna e contemporanea con il nome di FAR - Fabbrica Arte Rimini.

La grande sala del palazzo dell'Arengo dopo essere stata utilizzata per quattro secoli come sede del Consiglio fu riadattata ad ospitare il teatro fino alla costruzione del Teatro "Amintore Galli" nel 1857. Negli anni '80 si riappropriò della sua funzione originale per un breve periodo, ma dagli anni '90 è utillizzata come sede espositiva per mostre e iniziative culturali e istituzionali di pregio.

Entrambi i palazzi necessitano di lavori di riqualificazione e valorizzazione della struttura con adeguamento funzionale degli impianti. 

 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

La FAR  - Fabbrica Arte Rimini in occasione di mostre temporanee segue i seguenti orari di apertura

da martedì a domenica 10-13 e 16-19

lunedì non festivi chiuso

Il palazzo dell'Arengo è aperto in occasione di mostre ed iniziative culturali.

www.museicomunalirimini.it

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 3.000.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede lavori strutturali e impiantististici sia su palazzo dell'Arengo sia su palazzo del Podestà, mirati all'ampliamento e valorizzazione della attuale Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea - FAR Fabbrica Arte Rimini in vista creazione del futuro Museo d'Arte Moderna e Contemporanea.

 

Palazzo dell'Arengo:

Il progetto prevede lavori di valorizzazione della struttura architettonica, con particolare riguardo al disegno delle arcate sulle aperture principali prospicienti piazza Cavour, con sostituzione delle parti trasparenti, adeguamento degli impianti, ( illuminazione, riscaldamento, climatizzazione, antintrusione, antincendio), riorganizzazione degli spazi interni e realizzazione di un progetto illuminotecnico in cui la luce naturale e quella artificiale possano divenire elementi di valorizzazione della struttura architettonica e degli spazi interni.

Palazzo del Podestà

 

Il progetto prevede lavori strutturali sul piano sottotetto per garantirne la piena funzionalità e fruibilità, abbattimento barriere architettoniche, rifunzionalizzazione degli spazi distributivi dell'intero palazzo, adeguamento dei servizi igienici, adeguamento degli impianti ( illuminazione, riscaldamento, climatizzazione, antintrusione, antincendio), recupero dell'affaccio originario caratterizzato dai trecenteschi capitelli d'imposta malatestiani, collegamento con lo spazio esterno verso il giardino Francesca da Rimini,  nuovo progetto illuminotecnico.