I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

l Ritratto di dama toscana conservato a Palazzo Mansi, dove è giunto in seguito alla donazione dell’opera alla città di Lucca da parte del generale Ugo Cei, fratello di Cipriano, fu esposto al Salon di Parigi del 1900, consacrando Cei tra i ritrattisti più richiesti del suo tempo. Il dipinto, infatti, si inserisce in quel filone pittorico magistralmente rappresentato da artisti del calibro di Vittorio Matteo Corcos che ritrassero affascinanti signore della borghesia, espressione felice di quella Belle Époque che contrassegnò, in Italia e in Europa, i decenni a cavallo tra la fine dell’Ottocento e la prima guerra mondiale.

Il grande tondo del Museo di Palazzo Mansi raffigura un’affascinante giovane donna che, comodamente seduta su un divano damascato dalle tinte chiare, poggia il braccio su un ampio e morbido cuscino, mentre ai suoi piedi una vaporosa pelliccia bianca incornicia la scena. Elegantemente vestita con gli stessi toni del bianco e dell’argento che dominano la tela e con indosso una collana di perle, l’elegante signora, vestita e acconciata secondo la moda del tempo, guarda l’osservatore con volto sereno e un’espressione sicura e sorridente che denota una nuova consapevolezza del proprio ruolo.

Informazioni sullo stato della conservazione

Si rende necessario il restauro e la messa in sicurezza della superficie pittorica della tela e della sua cornice originale in legno intagliato. In particolare, saranno rimosse vecchie vernici opacizzate e integrate alcune lacune con il metodo della selezione cromatica. La tela sarà poi riverniciata. La cornice sarà invece pulita, consolidata, verniciata e ridorata nelle parti lacunose.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Museo nazionale di Palazzo Mansi è aperto al pubblico nei seguenti orari:

- martedì, giovedì, venerdì, sabato, prima e terza domenica del mese: 9.00-19.30 (ultimo ingresso ore 18.00)

- mercoledì: 12.00-19.30 (ultimo ingresso ore 18.00)

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 10.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Nell’ambito delle celebrazioni per il primo centenario della morte del pittore piemontese Cipriano Cei (Biella, 1864-Firenze, 1922) il suo Ritratto di dama toscana, grande tondo realizzato a Firenze, firmato e datato 1900, sarà esposto al Castello di Aglié (Torino) dove è in programma, nell’autunno del 2022, una mostra a lui dedicata. Il Castello di Aglié, che nella propria collezione conserva altri ritratti del Cei, afferisce alla Direzione regionale musei del Piemonte.

L’intervento previsto, frutto di un accordo di collaborazione tra Direzione regionale musei della Toscana e Direzione regionale musei del Piemonte, sarà realizzato presso il laboratorio di restauro che si trova all’interno del Castello di Aglié da restauratori qualificati che stanno operando anche sulle altre opere dell’artista oggetto dell’esposizione. Si prevedono, prima dell’apertura della mostra, il restauro e la messa in sicurezza della superficie pittorica della tela e della sua cornice originale in legno intagliato.

Si prevedono dunque il trasferimento del dipinto presso il laboratorio di restauro del Castello di Agliè e monitoraggi e verifiche in corso d’opera.