I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Monumento funebre di Francesco Roselli, all'interno della Basilica di San Francesco ad Arezzo.  è opera di  Michele di Niccolò Dini, detto Michele da Firenze (1385 ca. - 1455 ca.) ceramista di fondamentale impulso di inizio Rinascimento. L'opera è situata nella Cappella dedicata a Pagno di Maffeo, presso la quale attendono il proprio turno i gruppi dei visitatori che si accingono ad entrare nella Cappella Bacci. All'interno di un ricco impianto architettonico, la figura del defunto, riccamente vestito, giace al di sopra di un sarcofago - il cui fronte reca medaglioni con ritratti di giuristi, membri della famiglia - e, sullo sfondo, è raffigurata la Crocifissione, con le figure dei dolenti ritratte con grande realismo.

La basilica gotica di San Francesco accoglie uno dei massimi capolavori del Rinascimento, la “Leggenda della vera Croce" di Piero della Francesca, lo straordinario ciclo dipinto dall'artista tra il 1453 ed il 1459 c.a. nella Cappella Bacci, che ripresentato al pubblico nel 2000, al termine di un lungo intervento di restauro, rappresenta una meta imprescindibile per quanti considerano la civilta' rinascimentale una delle maggiori conquiste dello spirito umano. Nella basilica vi sono, fra le altre opere, la vetrata istoriata di Guglielmo de Marcillat, l’Annunciazione attribuita a Luca Signorelli, il grande Crocefisso ligneo sull'altare maggiore, attribuito al cosiddetto Maestro di San Francesco, gli affreschi opera di Spinello Aretino.

Informazioni sullo stato della conservazione

L'opera è stata oggetto di restauro da parte dell'allora Soprintendenza territoriale di Arezzo nel 1994. Ormai da tempo si rende quindi necessario un intervento di rimozione dei depositi di materiali estranei dalle superfici, assieme ad una puntuale verifica delle condizioni di stabilità dei materiali costitutivi del manufatto e ad una revisione estetica delle integrazioni.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Ora legale: Lunedì/Venerdì: 9:00 – 19:00, ultimo ingresso 18.30;  Sabato: 9:00 – 18:00, ultimo ingresso 17.30; Domenica: 13:00 – 18:00, ultimo ingresso 17.30
Ora solare: Lunedì/Venerdì: 9:00 – 18:00, ultimo ingresso 17.30;  Sabato: 9:00 – 17:30, ultimo ingresso 17.00; Domenica: 13:00 - 17:30, ultimo ingresso 17.00

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 10.000,00 €

 slide
 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Dopo la verifica delle condizioni di stabilità dei materiali costitutivi dell'opera – eventuali distacchi saranno trattati con consolidanti idonei - si procederà alla rimozione dei depositi di polvere incoerenti mediante microaspirazione, con l'ausilio di pennelli, mentre per i depositi coerenti si potranno impiegare preparati tensioattivi con idonea metodologia. Con l'occasione si potrà considerare la possibilità di migliorare la proposta estetica, operando sulle pregresse integrazioni. In corso d'opera si potranno fare osservazioni più approfondite sulla tecnica esecutiva. Tutte le informazioni sullo stato di conservazione, la tecnica esecutiva e l'intervento di restauro saranno documentate.