I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Fontana monumentale commissionata nel 1767 dal Magistrato civico allo scultore Francesco Antonio Giongo di Lavarone e inaugurata il 27 giugno 1769 in occasione della festività di S. Vigilio. La fontana, alta dodici metri, poggia su una scalinata poligonale che funge da basamento. Il primo livello è composto da una grande vasca polilobata e da quattro vasche a forma di conchiglia da cui emergono figure mitologiche di tritoni e cavalli marini in pietra bianca di Arco. La colonna centrale, caratterizzata nella parte bassa da un piedistallo decorato da quattro putti a cavallo di delfini, sostiene una vasca circolare, sulla cui sommità si erge la statua in bronzo del dio Nettuno. Il progetto artistico e la costruzione architettonica in pietra rossa di Trento è attribuita al Giongo. Dell'apparato decorativo settecentesco, opera dello scultore comasco Stefano Salterio, rimane solo la statua del Nettuno che si trova oggi nel cortile di Palazzo Thun. I gruppi scultorei che attualmente decorano la fontana sono state rifatte negli anni 1869-1872 da Andrea Malfatti sulla base di accurati rilievi redatti da Ferdinando Bassi (1865-1866). 

Informazioni sullo stato della conservazione

La fontana è stata integralmente restaurata nel 1990.  Nel 2003 è stato eseguito un intervento di manutenzione straordinaria del catino inferiore in pietra ammonitica rossa e della scalinata basimentale. Studi effettuati negli anni 1996-1999 hanno indagato le cause dei depositi superficiali in rapporto alla durezza dell'acqua e ai prodotti alghicidi impiegati. Installazione nel 2001 di un impianto di trattamento acqua ha consentito di controllare la formazione di alghe e di ridurre i depositi di carbonato di calcio ad un livello minimo, considerato fisiologico.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Monumento su pubblica piazza

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 150.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

A distanza di quasi 30 anni dal primo restauro e di 15 anni dall'intervento di manutenzione straordinaria, la Fontana del Nettuno necessita di un ulteriore intervento manutentivo che, oltre alla pulitura e alla rimozione dei depositi calcarei, preveda la verifica e il rifacimento delle vecchie stuccature, il consolidamento degli elementi distaccati e la ricollocazione delle parti mancanti.