I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La Colonna di Sant’Andrea è situata al centro di Piazza Villani, di fronte alla Chiesa Madre

Fu edificata nei primi anni del XVII secolo dalla nobile famiglia dei principi Bartilotti.

In stile barocco, è costituita da un alto fusto sormontato da un capitello corinzio su cui è posizionata la statua del santo; il fusto poggia su un basamento quadrangolare delimitato nella parte superiore da una balaustra finemente decorata; agli angoli della stessa quattro figure femminili (tre delle quali acefale) simboleggiano le quattro Virtù Cardinali: PrudenzaGiustiziaFortezza e Temperanza.

Informazioni sullo stato della conservazione

Come da relazione redatta dal competente Ufficio si evince che il monumento è interessato da microfratture e fessurazioni diffuse. Inoltre la statua del Santo presenta profonde lacune dovute all'erosione della pietra e profonde crepe alla base, che potrebbero comportare problemi di staticità.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Si tratta di un monumento dedicato al Santo Patrono della comunità di Presicce, Andrea; il monumento si trova in area pubblica in piazzetta Villani di fronte alla Chiesa Madre e quindi è fruibile da tutti e non possiede orari di apertura

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 65.000,00 €

 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Si tratta di una proposta progettuale che ha il fine di restaurare il bene monumentale indicato, purtroppo interessato da microfratture e fessurazioni diffuse oltre a profonde lacune dovute all'erosione della pietra.

Gli interventi consisteranno in:

a) operazioni di pulitura previe campionature da effettuare;

b) asportazione meccanica di licheni dalla superficie previo trattamento bioacido; 

c) preconsolidamento delle superfici lapidee degradate;

e) utilizzo di resine epossidiche e di perni in fibra di carbonio per la riadesione di porzioni di modellato di maggiori dimensioni distaccate;

f) esecuzione di stuccature per la stilatura dei giunti

g) eventuali patinature delle superfici lapidee e trattamento idrorepellente

Tutte le operazioni sopra descritte saranno concordate con la Soprintendeza archeologica belle arti e paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto