I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Inaugurato il 4 dicembre 2012, il Mo.C.A. - Montecatini Terme Contemporary Art nasce come spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea all’interno del novecentesco Palazzo Comunale - edificio risalente al 1919 che custodisce un patrimonio inestimabile di affreschi di Galileo Chini, uno dei maggiori esponenti mondiali del Liberty.

Dall’originaria collezione permanente costituita da 40 opere, il Mo.C.A. vanta oggi quasi 400 lavori di artisti molti dei quali di fama internazionale – Joan Miró, Paul Cézanne, Aligi Sassu, Aidyn Zeynalov, Carlo Carrà, Paul Rebeyrolle, Aldo Rossi, Antoine Claraz, Claes Oldenburg, Emilio Scanavino, Karel Appel, Lorenzo Viani, Antonio Possenti, Henry Moore, Sergio Scatizzi, Walter Piacesi, Orfeo Tamburi, Luis Josè Cuevas, Nidaa Badwan, Fabio De Poli, Carlo Cantini, Corrado Zanzotto, Rocco Normanno, Sigfrido Bartolini, Mario Ceroli, Mino Maccari, Giannetto Salotti, Joe Tilson, Gianfranco Baruchello, Roberto Barni, Giorgio Ulivi, Marco Lodola, Roberto Giovannelli, Adolfo De Carolis, Eugéne Delacroix, Max Klinger, Telemaco Signorini, Vairo Mongatti, Ugo Capocchini, Achille Lega, Banksy, Taki183, JR, Ben Eine, Swoon, Ache77, Blub, Cope2, Shepard Farey (Obey), El Tono, Biodpi, Exit/Enter, Stef Hoodacious, Zeus, Zeb, David Diavù Vecchiato. Un patrimonio vario anche per generi che ogni anno è incrementato grazie alle offerte dei visitatori e alla generosità delle donazioni di artisti, privati cittadini, aziende.

Capolavoro inestimabile della collezione permanente del Mo.C.A., è “Donna avvolta in un volo d’uccelli” (1980, tecnica mista su tela grezza, cm 315x260) di Joan Miró, da lui stesso donata alla città di Montecatini Terme nel 1980 in occasione dell’evento Maggio Miró grazie al prezioso intervento di Carlos Franqui, amico di Miró, esule cubano, già ministro della cultura con Fidel Castro, venuto ad abitare a Montecatini negli anni ‘70.

Il Mo.C.A. è pensato come spazio all’avanguardia per la diffusione e la comprensione dei molteplici linguaggi visivi, attraverso mostre, visite guidate – gratuito e senza necessità di prenotazione l’appuntamento ogni 4^ domenica del mese – laboratori e workshop di approfondimento legati alle rassegne in essere.

L’ingresso alla Galleria, sede assidua di rassegne temporanee - ben 18 le mostre ad oggi realizzate - è gratuito.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 25.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il Mo.C.A. - Montecatini Terme Contemporary Art è una Galleria Civica piccola ma prestigiosa e vivace. La collezione permanente vanta oggi circa 400 lavori tra i quali l’inestimabile “Donna avvolta in un volo d’uccelli” (1980, tecnica mista su tela grezza, cm 315x260) di Joan Miró e un patrimonio artistico eterogeneo composto da disegni, quadri, sculture, fotografie insieme a una significativa sezione dedicata alla Street Art e a una dedicata al fumetto.

Oltre 90.000 sono ad oggi i visitatori che il Mo.C.A. ha avuto il piacere di ospitare, molti dei quali turisti. Montecatini Terme costituisce infatti una destinazione d’eccezione in Toscana: dopo Firenze, con oltre 1 milione e mezzo di presenze l’anno (per la maggior parte internazionali) la città è la seconda a livello regionale grazie anche ad una invidiabile posizione geografica che vanta una stretta vicinanza rispetto a tutte le più famose città d’arte della Toscana.

Obiettivo prioritario dell’Assessorato alla Cultura è di elevare, e consacrare, il Mo.C.A. a realtà espositiva di carattere nazionale attraverso una strategia di acquisizioni importanti con l’intento di arricchire il già consistente patrimonio artistico della Galleria.

Tali acquisizioni saranno inoltre propedeutiche alla realizzazione della nuova sede del Mo.C.A. nella Palazzina Regia di Viale Verdi dove la collezione della Galleria godrà di un’esposizione permanente secondo una progettualità tutta declinata sui temi del contemporaneo.

La progettazione – attualmente in corso – della nuova sede museale permetterà la compresenza di esposizione permanente e temporanea, di sale per didattica, lettura, convegni culturali, con tutte le tecnologie utili a farne una struttura significativa nel segmento dell’Arte Contemporanea in Toscana. L’oggetto dell’intervento dunque ha insita una strategia chiara che mira alla raccolta di opere per disporre per la futura "casa" cittadina di una raccolta solida e rappresentativa della pittura contemporanea italiana.