I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Descrizione relativa all’oggetto

Il progetto per l’edificazione del teatro venne redatto da Vincenzo Ghinelli, insieme alla sistemazione urbanistica della zona limitrofa. La realizzazione fu avviata nel 1845, impostando la costruzione sul torrione della Rampa Elicoidale di Francesco di Giorgio Martini e innalzando il muro perimetrale semicircolare del torrione quattrocentesco. L’intervento comportò la demolizione di una parte della rampa e delle relative strutture di sostegno. Il Teatro è una struttura con una sala a ferro di cavallo, tre ordini di palchi e loggione a galleria, per una capienza complessiva di 475 posti, con sipari, soffitti e scenografie riccamente decorati. Il Teatro venne inaugurato nel 1853 e successivamente, dopo un periodo di abbandono, risanato e recuperato dall’Architetto Giancarlo De Carlo fra il 1970 e il 1983

Informazioni sullo stato dell'oggetto

Il Settore Cultura del Comune di Urbino è costantemente impegnato affinchè il Teatro Sanzio sia tenuto in efficienza sotto l’aspetto strutturale, funzionale e sia visitabile come monumento della città, essendo parte di una delle trasformazioni più significative della metà dell’ottocento oltre ad essere uno dei luoghi centrali della vita culturale della città. Recenti sopralluoghi all’interno della struttura evidenziano che la stessa, seppur in buono stato di conservazione e di utilizzo, ha bisogno di essere riconsegnata alla città con una nuova “luce”. A partire dall’allestimento del palco che necessita di una radicale sistemazione della quadratura nera ormai risalente all’epoca della inaugurazione del teatro dopo l’intervento di restauro del 1985. Si parla quindi del fondale, le quinte, le mantovane ecc. oltre a tutta la dotazione di corde usurate e non più a norma. E’ necessario adeguare alla normativa tutto il sistema delle americane e della dotazione delle luci adottando la tecnologia led (con possibilità multicolore) sicuramente più performanti per la qualità degli spettacoli e soprattutto molto conveniente in termine di consumi energetici. L’intervento va completato con l’acquisto di un sistema audio digitale. Nel rispetto delle norme di sicurezza è indispensabile dotare il palco di un sistema motorizzato delle americane per l’alloggiamento luci oltre alla motorizzazione del sipario, requisito necessario per migliorare la qualità della messa in scena delle produzioni teatrali. C’è una necessità urgente di acquistare circa 70 sgabelli alti per i palchi perché l’attuale assetto non consente una buona visione degli spettacoli e questo sta diventando causa di una riduzione progressiva degli abbonati.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 400.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

  • restauro della facciata e della copertura del Teatro € 141.000,00
  • riqualificazione degli spazi di accoglienza del pubblico con particolare riguardo ai diversamente abili nell'area del Foyer, nel percorso dall’ascensore al Teatro, alla creazione di un bagno disabili nel teatro, allestimento di percorsi guidati audio/video per turisti € 45.000,00
  • sistemazione e rifiniture degli arredi di sala (platea e palchi), sedute, velluti, decorazioni, sostituzione di tutti gli apparati luminosi € 90.000,00
  • riqualificazione degli spazi sotto palco fino relativi arredi e illuminazione   € 7.000,00
  • adeguamento, rinnovo e potenziamento delle dotazioni funzionali dell'apparato scenico del palcoscenico   € 33.000,00
  • adeguamento ai disposti normativi vigenti in materia di sicurezza: Adeguamento, revisione, miglioramento dell'impianto elettrico e di sollevamento luci palco, Aggiornamento dell’illuminazione di emergenza € 50.000,00
  • restauro degli elementi decorativi interni (parti lignee, fregi in cartapesta, stucchi e affreschi)   € 11.000,00
  • indagine, pulitura ed eventuale restauro e riallestimento dei sipari dipinti “Le Glorie di Urbino” di Francesco Serafini e il secondo sipario raffigurante la piazza antistante il Palazzo Ducale con la Cattedrale, l’obelisco egiziano e un immaginario monumento a Raffaello  € 8.000,00
  • realizzazione sistema di riavvolgimento sipario storico € 15.000,00