I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

A dominare lo spazio di piazza Belvedere, manifesto del fervore postunitario di Giulianova, è il monumento in bronzo a Vittorio Emanuele II, opera di Raffaello Pagliaccetti, realizzato a Firenze nel 1889. Il monumento ricorda il passaggio del re a Giulianova, prima tra tutte le città del Regno di Napoli ad essere visitata durante la sua discesa nell’ottobre del 1860.

Il monumentale bronzo rivela la maestria del grande scultore abruzzese, fiorentino di adozione, nel rendere la figura del primo re d'Italia nei particolari più realistici, a partire dalla stessa scelta di raffigurare il sovrano senza cavallo, ma in atteggiamento cordiale e privo di toni aulici.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il manufatto in bronzo si presenta in evidente stato di erosione ed ossidazione, fattori dovuti soprattutto
all’esposizione dell’aria e agli agenti esogeni tra i quali le piogge sia stagnanti che lasciviante.
Lo stato di decomposizione si nota anche in prossimità del basamento in marmo in quanto sono ben visibili
le sgocciolature e colature del materiale metallico.
A seguito di analisi diagnostiche comprenderemo la composizione esatta della lega che compone l’artefatto e
di conseguenza i fattori di degrado che ne derivano.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il Monumento è sempre visibile in piazza della Libertà

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Indagini diagnostiche verranno svolte per definire la composizione esatta della lega metallica e la derivazione delle problematiche

di ossidazione.

PROGETTO DI RESTAURO BASAMENTO IN MARMO VITTORIO EMANUELE II

- OPERAZIONI PRELIMINARI

Rimozione di depositi superficiali incoerenti a secco, con pennellesse, spazzole e aspiratori.

- OPERAZIONI DI CONSOLIDAMENTO E PULITURA

A seguito di apposito sopralluogo sul posto il basamento presenta parti distaccate da consolidare in maniera

puntuale tramite l’utilizzo di resina epossidica e perni in vetroresina laddove necessario.

La pulitura visti anche i precedenti restauri e le colature di materiale metallico proveniente dalla statua verrà

eseguita in accordo con la sovrintendenza in maniera meccanica tramite l’utilizzo di microsabbiatrici

addizionate all’intervento di idropulitrice o in alternativa verrà eseguita una pulitura chimica a base di

impacchi..

In seguito verra eseguito un trattamento a base di biocida per eliminare la presenza di muschi, licheni e altre

qualità erbacee evitando poi il riformarsi delle stesse.

PROGETTO DI RESTAURO STATUA IN BRONZO VITTORIO EMANIELE II

- OPERAZIONI DI CONSOLIDAMENTO E PULITURA

A causa dell’altezza in cui è posta la statua non è possibile stabilire con certezza la composizione e quanto

sia in stato di avanzamento il degrado; si deciderà quindi in accordo con la sovrintendenza e a seguito di

analisi diagnostiche, microcarotaggi e osservazioni con apposito microscopio binoculare se l’artefatto

necessita di determinate operazioni di consolidamento e se la pulitura potrà essere svolta per via meccanica o

chimica.

Dalle indagini preliminari e a seguito di foto ravvicinate tramite l’utilizzo di droni, l’opera non sembra avere

particolari problematiche a livello strutturale.

Il consolidamento verrà gestito in maniera, strettamente necessario e laddove persistono scaglie, eseguito con

micro-siringature in resina e laddove necessita di maggiori problematiche e parti più importanti si interverrà

con resina e fibra di vetro.

La pulitura a seconda dei risultati delle indagini diagnostiche verrà eseguita qualora ci siano i presupposti in

via chimica per impacchi a seconda delle esatte composizioni della lega metallica e comprensione dello stato

di degrado o in via meccanica tramite l’utilizzo di bisturi e microsabbiatrici di precisione. Ogni operazione

verrà eseguita in accordo con la sovrintendenza.

Il restauro dell’opera verrà svolto a seguito di esecuzione di un ponteggio fisso che circonda e “impacchetta”

totalmente l’opera.