I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

L’Associazione Ghislierimusica, insignita del Premio della Critica Musicale Italiana “Franco Abbiati” quale migliore iniziativa musicale del 2018, è una delle realtà musicali italiane più attive a livello nazionale ed internazionale nel campo della ricerca, produzione e diffusione della musica antica eseguita con criteri storici, con particolare riguardo al repertorio sacro italiano del XVIII secolo. Ha dato vita nel corso degli anni a una serie di attività di elevato profilo scientifico ed artistico, in grado di interfacciarsi con i più rilevanti contesti europei del settore, mantenendo al tempo stesso un forte radicamento con la propria città, Pavia, e il suo territorio, attraverso un’efficace e capillare azione divulgativa, specialmente rivolta ai giovani.

 Nel 2010 entra a far parte della Rete Europea di Musica Antica (REMA), il cui vicepresidente è attualmente il direttore artistico di Ghislierimusica Giulio Prandi.

Nel 2019 Ghislierimusica diventa il Centro di Musica Antica della Fondazione Ghislieri, a seguito di una attività di rebranding che fa tesoro della crescita della struttura e della sua rilevanza nel settore. Il nome originario è mantenuto come denominazione legale.

 Tra le principali attività del Centro si annoverano:

  • un’intensa attività di produzione concertistica e discografica di Coro e Orchestra Ghislieri, che sotto la direzione di Giulio Prandi si esibisce regolarmente nei più prestigiosi Festival e sale da concerto d’Europa (Concertgebouw Amsterdam, Berliner Philharmonie, Oude Muziek Utrecht); è stato insignito di numerosi premo discografici tra cui, nel 2018 e nel 2020, il Diapason Découverte per la registrazione dedicata a due inediti di Pergolesi e per la registrazione dedicata al Requiem di Jommelli (Arcana – Outhere Music);
  • una ricca programmazione di eventi sul proprio territorio, attraverso Festival e rassegne concertistiche (Pavia Barocca, Barocco è il Mondo e Festival di Natale) e la promozione di eventi culturali, anche multidisciplinari;
  • un programma di residenze artistiche, rivolto ad artisti e ensemble emergenti selezionati in tutta Europa nel quadro del progetto eeemerging+, sostenuto da Creative Europe;
  • la diffusione della cultura musicale tra le nuove generazioni attraverso il loro coinvolgimento diretto nell’ambito di progetti formativi di carattere innovativo e trasversale;
  • un’attività di ricerca musicologica ed editoriale rivolta in particolare ai repertori e alle prassi esecutive del Settecento italiano, supervisionata da un Comitato Scientifico costituito in partenariato con l’Università degli Studi di Pavia.

 Il Centro di Musica Antica, tramite un’articolata azione di networking locale, nazionale e internazionale, si configura così come ente in grado di sviluppare progetti culturali di ampio respiro così come micro azioni sul territorio, creando così un sistema culturale in grado di abbattere le barriere verso la cosiddetta musica “colta” ed avvicinare le fasce di popolazione solitamente estranee a tale repertorio.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

IMPORTO 270.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Nel 2022 il Centro di Musica Antica Ghislieri realizza una serie di eventi sul proprio territorio in diversi periodi dell’anno, attraverso festival e rassegne concertistiche (Pavia Barocca, Festival di Natale), portando a Pavia e in provincia i migliori artisti di musica antica del panorama europeo, con attenzione particolare agli artisti emergenti.

Il 2022 vede Coro e Orchestra Ghislieri e il M° Giulio Prandi impegnati in diversi progetti artistici, fra cui alcuni concerti programmati su invito di alcune sale da concerto e festival europei (Fondazione Toscanini di Parma, Festival MiTo, Festival d’Ambronay, Festival Oude Muziek Utrecht, Fondazione Teatro Fraschini di Pavia).

Coro e Orchestra Ghislieri è stato invitato a partecipare alla Vivaldi Edition, la prestigiosa opera omnia discografica del Prete rosso pubblicata da Naïve. Le tre incisioni programmate riguarderanno le grandi opere sacre del compositore, e saranno realizzate tra il 2022 e il 2024, per poi essere presentate in concerto in Italia e in Europa.

Il Centro di Musica Antica sviluppa inoltre un nuovo progetto intorno alla musica sacra a Milano al tempo delle visite di Mozart, con la riscoperta di opere importanti di autori quali Sammartini, Fioroni, Chiesa. I brani riscoperti verranno eseguiti da Coro e Orchestra Ghislieri in una serie di concerti realizzati in Italia e all’estero; al centro del progetto anche una registrazione discografica in collaborazione con la casa discografica Arcana – Outhere Music.

Il Centro infine promuove la divulgazione della pratica musicale attraverso le attività del Coro Universitario del Collegio Ghislieri (attualmente in residenza alla Fondazione Toscanini di Parma), il cui percorso formativo nel 2022 sfocia in diversi appuntamenti concertistici in sedi prestigiose.

 Caratteristiche dell’attività artistica del Centro:

  • Eccellenza artisticae culturale della proposta;
  • Ampio supporto alla creatività giovanilee agli artisti emergenti del territorio e dell’UE, attraverso concerti, residenze, laboratori, ecc.;
  • Integrazione delle attività concertistiche con un’attività di divulgazione dell’ascolto e della pratica musicale rivolta ai giovani del territorio, attraverso progetti strutturati con le scuole realizzati con il coinvolgimento diretto sia degli artisti di fama sia di quelli emergenti;
  • Creazione di nuovi progetti multidisciplinari, che integrino anche forme d’arte come il cinema, la letteratura e la recitazione teatrale;
  • Creazione di progetti artistici in rete con le principali istituzioni del territoriovolti specificamente all’integrazione dello sviluppo culturale della città con lo sviluppo economico, sociale e turistico;
  • Coinvolgimento di fasce di popolazione svantaggiatenelle attività artistiche;
  • Circuitazione degli spettacolianche al di fuori della provincia di Pavia e della Lombardia.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

IMPORTO 112.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Arte, Ricerca, Impresa - Musica ritrovata è un progetto che si è svolto fra il 2018 e il 2020 con i seguenti obiettivi: valorizzare le composizioni musicali che giacciono nascoste in diverse biblioteche d’Europa; contribuire al superamento della dicotomia tra mondo accademico e arte praticata in ambito musicale; incrementare la capacità di generare ricadute dell’attività internazionale di Coro e Orchestra Ghislieri sul territorio in termini di offerta culturale, occasioni lavorative per i giovani musicisti e prestigio internazionale. Di seguito le attività realizzate.

 

Con il supporto del Comitato Scientifico del Centro di Musica Antica Ghislieri sono state individuate le opere da riscoprire (il Dixit Dominus di Galuppi, il Funeral Anthem for the Duke of Marlborough e il Te Deum di G. Bononcini, il Requiem di Jommelli e la Messa di Santa Cecilia di A. Scarlatti) e i musicologi incaricati di approntare le edizioni dei vari brani. È stata inaugurata l’attività editoriale del Centro con la collana Musica Sacra del Settecento Italiano, funzionale all’attività concertistica e discografica di Coro e Orchestra Ghislieri ma creata per poter rendere i frutti del lavoro di ricerca accessibili anche ad altri studiosi e musicisti.

 

Sono stati realizzati diversi concerti di Coro e Orchestra Ghislieri per il mercato internazionale che hanno previsto l’esecuzione del repertorio riscoperto: i brani di Pergolesi, Bononcini, Jommelli e Galuppi sono stati eseguiti al Festival d’Ambronay (7/10/2018 e 6/10/2019), Berliner Philharmonie (13/11/2018), Classic.Esterhazy (16/11/2018), La Valletta International Baroque Festival (23/1/2019 e 20/1/2020), Festival Oude Muziek Utrecht (24/8/2019), Festival de La Chaise Dieu (21/8/2018), Concertgebouw Amsterdam (26/1/2019 e 16/11/2019), Tage Alter Musik in Herne (17/11/2019).

Nel 2019 Coro e Orchestra Ghislieri e Giulio Prandi hanno registrato, in collaborazione con la casa discografica Arcana – Outhere Music, il Requiem di Jommelli presso il Centro Culturale G. Mahler di Dobbiaco, seguendo la nuova edizione del Centro. Il disco ha riscosso riscontri positivi da parte della critica, testimoniati dai numerosi premi, fra cui il Diapason Découverte.

Sono stati realizzati alcuni concerti a Pavia, finalizzati alla condivisione col pubblico del territorio dei risultati raggiunti: 13 anteprime dei concerti tenuti all’estero (riservate ai giovani under 30) e due concerti presso la Basilica di San Michele.

 

Infine, sono state messe in campo alcune azioni promozionali mirate, fra cui il consolidamento di partnership promozionali importanti e realizzazione di campagne congiunte, che hanno ampliato gli esiti di quanto realizzato nel periodo del progetto.

I concerti realizzati sono stati trasmessi da diverse reti televisive, radiofoniche e rilanciati poi su numerosi canali social di tutta Europa (NPO Radio 4, France TV – Culturebox, WDR3, Avrotros Klassiek, Rai 3 e Rai Radio 3).


NOTE Intervento archiviato


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

IMPORTO 270.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Nel 2021, oltre a portare avanti una programmazione sul territorio tenendo conto delle disposizioni sul contenimento degli effetti della pandemia, il Centro di Musica Antica della Fondazione Ghislieri implementa le attività online già sperimentate nel 2020, proponendo contenuti multimediali sui propri canali web.

Il Centro inoltre gestisce l’attività di Coro e Orchestra Ghislieri, impegnati nel 2021 in diversi progetti artistici, fra cui:

  • Incisione per la casa discografica Arcana – Outhere Music della Petite Messe Solennelle di Rossini, opera al centro di un progetto di ricerca del Centro di Musica Antica, che prevede, oltre all’incisione discografica, l’esecuzione dell’opera in una tournée nei Paesi Bassi (Utrecht, Groeningen, Amsterdam);
  • Videoregistrazione di un concerto con il Mattutino de’ morti di Davide Perez e alcuni brani di musica sacra polacca che verrà trasmesso in streaming per l’apertura del Festival Misteria Paschalia di Cracovia (Polonia);
  • Alcuni concerti programmati su invito di alcune sale da concerto e festival europei, fra cui uno nei Paesi Bassi (al Concertgebouw di Amsterdam con la Messa di Santa Cecilia di Scarlatti nella nuova edizione promossa dal Centro di Musica Antica), e uno in Francia (Rencontres Musicales de Vézelay – Cité de la Voix).

 

Caratteristiche dell’attività artistica del Centro:

  • Eccellenza artistica e culturale della proposta;
  • Ampio supporto alla creatività giovanile e agli artisti emergenti del territorio e dell’Unione Europea, attraverso concerti, residenze, laboratori, ecc.;
  • Integrazione delle attività concertistiche con un’attività di divulgazione dell’ascolto e della pratica musicale rivolta ai giovani del territorio, attraverso progetti strutturati con le scuole medie e superiori realizzati con il coinvolgimento diretto sia degli artisti di fama sia di quelli emergenti;
  • Creazione di nuovi progetti multidisciplinari, che integrino anche forme d’arte come il cinema, la letteratura e la recitazione teatrale (attraverso la forma del reading musicale) in un progetto artistico di riflessione culturale coerente e contemporaneo sul fenomeno del “barocco”, con specifiche finalità di divulgazione della proposta culturale, differenziazione dei pubblici e valorizzazione del patrimonio artistico materiale (beni architettonici, spazi urbani, ecc.) e immateriale (identità culturale cittadina) del territorio;
  • Creazione di progetti artistici in rete con le principali istituzioni del territorio volti specificamente all’integrazione dello sviluppo culturale della città con lo sviluppo economico, sociale e turistico;
  • Coinvolgimento di fasce di popolazione svantaggiate nelle attività artistiche;
  • Circuitazione degli spettacoli anche al di fuori della provincia di Pavia e della Lombardia.


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

IMPORTO 270.000,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il Centro di Musica Antica riparte!

A seguito dell’emergenza sanitaria legata alla pandemia di Covid-19 le attività dal vivo del Centro di Musica Antica della Fondazione Ghislieri hanno subito un arresto forzato. Il Centro ha continuato a proporre contenuti multimediali sui propri canali web ripensando temporaneamente la propria programmazione culturale.

Il 1 luglio il Centro di Musica Antica riparte con lo spettacolo dal vivo proponendo un evento incentrato sull’Orlando Furioso che vede la partecipazione de La Compagnia del Madrigale e dell’attore David Riondino alle prese con le vicende narrate da Ludovico Ariosto e musicate dai compositori del Rinascimento tra i quali Palestrina e de Wert.

Nei mesi autunnali la proposta artistica del Centro di Musica Antica prevede la riprogrammazione di alcune attività sospese, un ciclo di passeggiate organistiche alla scoperta del patrimonio organario della città di Pavia e il tradizionale Festival di Natale, dedicato alla promozione dei migliori ensemble emergenti d’Europa e alla condivisione della musica colta in contesti svantaggiati o inusuali.

 

Caratteristiche dell’attività artistica del Centro:

  • Eccellenza artistica e culturale della proposta;
  • Ampio supporto alla creatività giovanile e agli artisti emergenti del territorio e dell’Unione Europea, attraverso concerti, residenze, laboratori, ecc.;
  • Integrazione delle attività concertistiche con un’attività di divulgazione dell’ascolto e della pratica musicale rivolta ai giovani del territorio, attraverso progetti strutturati con le scuole medie e superiori realizzati con il coinvolgimento diretto sia degli artisti di fama sia di quelli emergenti;
  • Creazione di nuovi progetti multidisciplinari, che integrino anche forme d’arte come il cinema, la letteratura e la recitazione teatrale (attraverso la forma del reading musicale) in un progetto artistico di riflessione culturale coerente e contemporaneo sul fenomeno del “barocco”, con specifiche finalità di divulgazione della proposta culturale, differenziazione dei pubblici e valorizzazione del patrimonio artistico materiale (beni architettonici, spazi urbani, ecc.) e immateriale (identità culturale cittadina) del territorio;
  • Creazione di progetti artistici in rete con le principali istituzioni del territorio volti specificamente all’integrazione dello sviluppo culturale della città con lo sviluppo economico, sociale e turistico;
  • Coinvolgimento di fasce di popolazione svantaggiate nelle attività artistiche;
  • Circuitazione degli spettacoli anche al di fuori della provincia di Pavia e della Lombardia.