I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

L’Archivio storico del Comune di Pergine Valsugana provvede:

- all’individuazione e all’acquisizione della documentazione prodotta dall’ente allo scadere del quarantennio, nonché all’eventuale acquisizione, a titolo di donazione, acquisto o deposito, di fondi o documenti privati di particolare interesse storico locale;

- ad attività di riordino e inventariazione della documentazione predisponendo adeguati strumenti di consultazione disponibili in sala, sul sito comunale e nella banca dati provinciale denominata “Archivi storici del Trentino – AST” collegata al portale nazionale “Sistema archivistico nazionale – SAN”;

 - ad attività di selezione e scarto della documentazione di deposito superflua, priva di valenza amministrativa e interesse storico, sulla base dei massimari di scarto e previa autorizzazione della Soprintendenza provinciale competente, in funzione dei versamenti nella sezione a conservazione permanente;

- a supportare l’attività di consultazione dei documenti attraverso servizi personalizzati di reference sia in sala, sia, ove possibile, anche a mezzo di strumenti telematici;

- a promuovere la diffusione del bene archivistico attraverso iniziative di sensibilizzazione e di divulgazione quali conferenze, mostre e prodotti editoriali, percorsi didattici per la scuola e collaborazioni con altre istituzioni (università, scuola, fondazioni, associazioni ecc.) finalizzate alla diffusione del patrimonio archivistico locale.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 22.100,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il presente progetto intende integrare con nuovi materiali la documentazione finora raccolta e descritta nel progetto "Memoria mineraria. Fonti storiche per lo studio dell'antico Distretto minerario di Pergine". Tale documentazione è conservata presso l'Archivio storico del Comune di Pergine Valsugana, l'Archivio di Stato di Trento, la Biblioteca comunale di Trento e il Tiroler Landesarchiv di Innsbruck che ne detengono anche la proprietà. La documentazione estera di interesse, al momento inedita e corrispondente con ogni probabilità all'archivio del Giudizio minerario/montanistico di Pergine, fu trasferita da Pergine a Innsbruck nella seconda metà dell'Ottocento.

Le ricognizioni preliminari effettuate presso gli istituti di conservazione interessati permettono di stimare in circa 350 le nuove schede relative a unità archivistiche che, in forma di unità descrittive analitiche o di censimento, andranno a integrare le base dati. A fine progetto si stima che le base dati aggiornate possano contenere circa 700 report.

I risultati del progetto saranno quindi restituiti sul territorio e alla cittadinanza tramite eventi pubblici, quali visite guidate a siti minerari locali e un workshop tematico conclusivo, rivolto in particolare a studenti, dottorandi e ricercatori. Nell'occasione verranno presentati i risultati del progetto e delle comunicazioni relative a strumenti di ricerca e casi di studio in ambito archivistico-minerario.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 30.350,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto, promosso dal Comune di Pergine Valsugana in collaborazione con alcune realtà culturali del territorio, nasce dall’idea di affiancare all’ampio repertorio bibliografico relativo alla storia dell’antico Distretto minerario di Pergine uno strumento complementare di tipo archivistico, allestendo una banca dati digitale riguardante le fonti documentarie.

Questa documentazione riguarda l’attività mineraria svolta nel corso dei secoli XV-XVIII sul territorio compreso in antico entro i distretti giurisdizionali di Trento (comprendente anche le comunità di Albiano, Civezzano, Fornace e Piné), di Pergine (Castel Pergine) e di Levico (Castel Selva); dal tardo Quattrocento sino a fine Settecento tale attività fu soggetta a controllo e giurisdizione del giudice minerario di Trento prima, di Pergine poi. Nello specifico, attraverso lo studio di fonti documentarie conservate in parte presso l'Archivio storico del Comune di Pergine Valsugana e in parte presso altri istituti di conservazione trentini (Archivio di Stato di Trento, Archivio provinciale di Trento, Biblioteca comunale di Trento, Archivio parrocchiale di Pergine, Fondazione Biblioteca San Bernardino in Trento), si intende prendere in esame le attività di estrazione e lavorazione di minerali metalliferi solidi, le attività collaterali indotte (sfruttamento delle risorse forestali e delle acque; interventi sulla viabilità del territorio), i rapporti di tali attività nel loro complesso con le comunità rurali locali, e l’impatto complessivo con il territorio.

La sistematizzazione delle informazioni archivistiche e la successiva condivisione della base di dati attraverso una piattaforma multimedialerenderà disponibile a tutti gli utenti interessati al tema minerario storico una mole di dati altrimenti di difficile accesso.

Nei mesi di novembre e dicembre 2018 particolare rilievo sarà riservato alla pubblicazione dei risultati, con l’organizzazione della giornata internazionale di studi “Fonti d’archivio di età medievale e moderna per la storia delle Alpi” (Pergine Valsugana, 1° dicembre 2018) e la pubblicazione dei relativi pre-atti.


NOTE Intervento archiviato