I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Capitello e la statua della Madonna con Bambino sono attualmente collocati in Piazza Capitello, zona centrale del territorio comunale.

La statua raffigura la Madonna con lo scettro in piedi su una nuvola, che a sua volta poggia su di un basamento mentre tiene in braccio il Bambino. L'opera è stata realizzata da Francesco Rizzi, verso il 1765 su commissione di Jacopo Facciolati che alla sua morte, nel 1767, la donò alla cittadinanza di Torreglia.

Nel 1811 venne eretto il Capitello su progetto di Benedetto Fiandrini al cui interno venne collocata la statua della Madonna con Bambino. Il Capitello si caratterizza da due colonne in stile composito, sormontate da un arco a tutto sesto nella cui lunetta trova posto un piccolo rilievo con la testa di Cristo.

Informazioni sullo stato della conservazione

La statua realizzata in marmo bianco di Carrara non presenta una lavorazione a tutto tondo in quanto la parte retrostante non risulta finita dal momento che nasce per essere inserita in una nicchia. Lo stato di conservazione della statua è quello tipico dei manufatti lapidei conservati all'aperto: risulta coperta da notevoli depositi di polveri, croste nere, deiezioni di uccelli in corrispondenza delle parti maggiormente protette; per le parti più esposte al dilavamento invece sono presenti fenomeni di erosione superficiale, decoesione del materiale e macchie.

Il capitello presenta alcuni elementi in pietra, ora tinteggiati e dei quali non è possibile riconoscere la tipologia. Lo spazio interno è protetto sui tre lati da una cancellata in ferro e la nicchia di fondo ha una tinteggiatura azzurro scuro. Dal punto di vista conservativo il Capitello presenta localizzati fenomeni di degrado, sono evidenti le cadute di intonaco nella zona della lunetta ed un generale deposito di polveri ed organismi biologici. Anche l'inferriata in ferro necessita di una pulitura e di una nuova coloritura.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il bene è sempre accessibile al pubblico in quanto è collocato in area pubblica.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 8.094,00 €

 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

La delicata opera del Rizzi eseguita in marmo di Carrara necessita di un intervento conservativo che riordini e preservi l'estetica dell'opera.

L'intervento prevede operazioni di pulitura e rimozione delle macchie, rimozione delle vecchie stuccature, riadesione dei frammenti lapidei, rimozione delle vecchie stuccature ritenute non compatibili e il ripristino con stuccatura delle mancanze.


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 6.733,00 €

 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Tra gli interventi necessari al restauro del Capitello sono stati individuati quelli specifici agli elementi in pietra: rimozione dei depositi, disinfestazione da colonie di microrganismi, riadesione dei frammenti distaccati, demolizione delle vecchie stuccature non compatibili, risarcitura delle lacune e delle fessurazioni, adeguamento cromatico delle stuccature e delle discontinuità. 


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 7.547,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Tra gli interventi necessari al restauro del Capitello si prevedono quelli specifici alle parti intonacate: rimozione degli strati di tinteggiature, lavaggio della superficie, risarcitura delle mancanze di intonaco, tinteggiatura e trattamento di consolidamento e di protezione finale dall'attacco degli inquinanti. Riguardo gli elementi metallici gli interventi prevedono la rimozione dello sporco e dei resti parzialmente adesi alle vecchie pitture e la stesura di prodotti antiruggine protettivi.