I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La scenografica Loggia di David di Palazzo Te presenta nicchie in cui vennero collocate nel 1653, all'epoca del duca Carlo II Gonzaga Nevers, 14 statue di pietra realizzate dallo scultore bolognese Gabriele Brunelli, ilquale nella loggia, insieme al carrarese Francesco Agnesini, eseguì anche i bassorilievi. Le statue in pietra vennero rifinite in "finto bronzo" e ornarono le specchiature che nel progetto originale di Federico II Gonzaga  e di Giulio Romano dovevano ospitare statue di celebri condottieri. Le opere dell'artista bolognese rappresentanp invece le personificazioni delle Virtù tratte dalla Iconologia di Cesare Ripa, di cui oggi rimangono 9 esemplari, mentre le 5 in pietra bianca vennero realizzate nel primo Ottocento da Antonio Piazzi, che per dare uniformità all'intero ciclo dipinse di bianco anche le altre di tufo calcareo che erano color "finto bronzo".

Informazioni sullo stato della conservazione

Le opere sono ricoperte da depositi di polveri e di sporco. Il supporto poroso ha assorbito nel tempo i depositi sedimentati; sono evidenti distacchi negli strati di finitura, tracce di nerofumo e di agenti infestanti.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Aperto al pubblico lunedì 13.00-18.30; martedì-domenica 9.00-18.30

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 20.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento di manutenzione conservativa si concentra sulle 10 statue che non sono state incluse nella campagna di restauro del 2013. L'intervento consiste nella spolveratura a seccoo con pennelli e aspirator, quindi in una leggera pulitura con spugne obliteranti. segue un intervento di pulitura a umido con applicazioni di bicarbonato d'ammonio da eseguire con pennelli, nebulizzatori e tamponi; rimozioni delle ridipinture spurie ed integrazione pittorica ad acquerello con pigmenti stabili nelle cadute e abrasioni di colore con velature sottotono.