I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Dall’esperienza newyorkese nella scuola di Alwin Nikolais agli studi francesi con Dominique Dupuy, attraverso le improvvisazioni ‘poetiche’ di Carolyn Carlson, lo studio e la pratica dello zen, Michele Abbondanza (co-fondatore del gruppo Sosta Palmizi e docente alla Scuola di Teatro del Piccolo di Milano) e Antonella Bertoni fondano la Compagnia Abbondanza/Bertoni riconosciuta come una delle realtà artistiche più prolifiche del panorama italiano per le loro creazioni, per l'attività formativa e pedagogica e per la diffusione del teatro danza contemporaneo.

Dal 1989, anno della prima serata a loro firma, hanno tracciato un cammino che oggi li identifica indiscutibilmente come i maestri del teatro danza italiano.

Con la Compagnia Abbondanza/Bertoni hanno esplorato le più diverse poetiche pur rimanendo sempre fedeli a un loro personalissimo e riconoscibile vocabolario coreografico e umano.

Stanziali dal 2005 al Teatro alla Cartiera di Rovereto, ma sempre erranti nell’animo, Michele e Antonella muovono la loro danza dall’urgenza di dare forma a una visione che, attingendo a diverse esperienze, da quella con Alwin Nikolais agli studi con Dominique Dupuy, passando per il lavoro con Carolyn Carlson e per la pratica dello zen, contrappone immagini, corpi e suoni che vibrano attorno a un concetto, a un’idea.

E’ da questi moti dell’animo che nascono di volta in volta i più svariati progetti. Quelli per e con i bambini ad esempio, da quel Romanzo d’Infanzia del 1997 che oggi conta oltre 600 repliche e quattro versioni, sino alla nascita della Piccola Compagnia Abbondanza/Bertoni con tre produzioni all’attivo. Dalle partecipazioni e creazioni per TV, cinema, Opera, Enti Lirici, alla pedagogia per adulti e bambini di Scuola d’Azione e dei numerosi seminari che Michele e Antonella tengono da anni in tutta Italia, sino alla cura per il germinare di nuovi autori cresciuti in seno alla compagnia e ora sostenuti nel loro percorso artistico individuale come Tommaso Monza e Valentina Dal Mas.

Senza dimenticare la creazione in forma di trilogia, in cui la compagnia sembra trovare il proprio equilibrio. Ho male all’altro, progetto quinquennale (2000-2005) sul tema del sacrificio per amore, si ispira liberamente alla tragedia greca mettendo in scena personaggi rarefatti che assurgono ad archetipi.

Il progetto Biologico sulla fragilità dell’umano coinvolge invece persone ‘speciali’ per età o condizione: il “borderline” in Le fumatrici di pecore (2010), con Antonella Bertoni e la danzatrice-attrice diversamente abile Patrizia Birolo, il “bambino” ne Il Ballo del Qua (2012), spettacolo per adulti interpretato da giovanissimi performer dai 7 ai 10 anni, l’“anziano” in Scena Madre (2012), in cui Antonella danza con la madre Paola.

Nella recentissima Poiesis (2017-2019) è invece la musica a dettare la direzione, quella di Franz Schubert nel trio al femminile La morte e la fanciulla, Charles Mingus nel virile Erectus e Arnold Schönberg nell’ultimo capitolo Pelléas e Mélisande.

Il sito web abbondanzabertoni.it

Repertorio spettacoli attuali e storico

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 37.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

E' un progetto cinematografico di teatro/danza che vede in scena 3 performer nato con il desiderio di evidenziare l’attuale condizione di profondo stato di sofferenza delle arti dal vivo.

Tre personaggi “classici” del mondo del teatro saranno i protagonisti: una ballerina classica, un clown e Amleto . Questa scelta è stata fatta per rendere più comprensibile, anche ad un pubblico non esperto, la sofferenza del mondo dello spettacolo dal vivo.

L’idea è di poter svegliare dal lungo torpore dovuto alla chiusura dei luoghi di cultura (teatri, cinema, musei, biblioteche…), alcuni personaggi tra i più iconografici della danza, del circo, del teatro. Stivati insieme al resto dei costumi e scenografie aspettano di “andare in scena”.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 25.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

CLOWN TIME è uno spettacolo che nasce dalla partecipazione e vincita al bando "OPER.A 20.21 Fringe, II Edition: Schönberg 20.21", indetto dalla Fondazione Stiftung Haydn di Bolzano che ne è coproduttrice assieme alla Compagnia Abbondanza/Bertoni.

A partire dalla KAMMERSYPHONIE n.1, op. 9 (arr. di Anton Webern) di Arnold Schönberg che verrà eseguita dal vivo sotto forma di quintetto dai coristi dell'Orchestra Haydn, verrà tracciato un ponte tra il compositore austriaco ed i nosti tempi.

Arnold Schönberg, il più influente compositore del ventesimo secolo incontra David Lynch, il visionaro regista americano.

Uno spettacolo musicale, teatrale e coreografico costruito sulla musica di Schönberg e le enigmatiche allucinazioni di Lynch.

Estremi viaggiatori nei terriori dell'inconscio, la loro opera sprofonda dove pochi prima di loro hanno osato avventurarsi.

Un'orchestra da camera del primo novecento dialoga con i suoni, le voci e le immagini del cinema più inquietante che Hollywood abbia prodotto, creando uno spettacolo ad alta tensione emotiva.

Dopo aver avvicinato l'opera di Schönberg nell'ultima fase del progetto POIESIS (nel PELLÉAS E MÉLISANDE), la Compagni Abbondanza/Bertoni ritorna a confrontarsi con il musicista austriaco.

Ma in  CLOWN TIME la musica si sdoppia negli interventi di OooopopoiooO (Vincenzo Vasi e Valeria Sturba), memori delle atmosfere psicotiche e decadenti delle soundtracks lynchiane.

La Compagnia Abbondanza/Bertoni persegue l'utopia di far "apparire" la musica sotto forma di suono da vedere e, nella riscrittura stenografica di tale trasposizione, ricostruire l'unità dell'opera come unità coreografica e drammaturgica.

L'opera debutterà al teatro Studio del Teatro Comunale di Bolzano il 21 e 22 febbraio 2020 all'interno della stagione dedicata all'opera e replicherà il 25 febbraio 2020 al Teatro Zandonai di Rovereto, per poi essere disponibile per la circuitazione.

 

CLOWN TIME

Promozione evento BOLZANO

Promozione evento BOLZANO (2°)


NOTE Intervento archiviato