I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il tabernacolo, di carattere votivo, è posto a confine del Podere “Crocifisso I”, detto Podere rientra nei beni che la Famiglia Puccini acquisì da Maddalena Brunozzi, madre di Niccolò Puccini, nel 1765. Il manufatto costituisce un classico esempio di tabernacolo votivo del XVIII secolo ed ospita un affresco raffigurante una “Crocifissione e due Santi”.

Informazioni sullo stato della conservazione

Il bene necessita di un interventodi restauro di tipo conservativo. L'edicola votiva mostra infatti un degrado strutturale avanzato di tutti gli elementi costitutivi, culminato di recente con il crollo della copertura in cotto e buona parte del cornicione. L'intera parete di fondo risulta fessurata lungo tutto il perimetro e a rischio di caduta, motivo per cui è stato allestito un ponteggio con puntelli di contenimento.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il bene è liberamente fruibile e visitabile

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 17.000,00 €

 slide
 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede un intervento volto al restauro di tipo conservativo con il fine di tutelare la testimonianza storico-votiva senza dare adito a ricostruzione pittoriche devianti. Oltre all'intervento sulla struttura muraria, è prevista la messa in sicurezza delle porzioni di intonaco a richio caduta ed il ripristino dell'uniformità superficiale con stuccature di colore neutro. La fase prioritaria nonché la più complessa a livello operativo sarà un consolidamento diffuso e generalizzato che interesserà tutti gli strati, dalla pellicola pittorica di superficie fino al supporto murario in mattoni in cotto. Prima di qualsiasi intervento si provvederà alla messa in sicurezza delle porzioni di intonaco a rischio mediante stuccature salvabordi e iniezioni di malta per poi passare al restauro e al consolidamento finale.