I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

OFFICINE DEL TEATRO ITALIANO, è un impresa di produzione.

Officine del Teatro Italiano garantisce un supporto qualitativo di eccellenza organizzativa grazie al know-how consolidato. Nasce nel 2015 per consolidare quindici anni di esperienza nella gestione di sale teatrali in Roma Capitale e parallelamente produzioni di prosa e teatro musicale con circuitazioni in tour nazionali. Nel 2016 OTI ottiene la certificazione ISO 9001:2008 ed il rinnovo nel 2017 adottando la certificazione ISO 2001:2015. OTI definisce quindi i propri standard produttivi e procedurali. Elemento di fondamentale importanza è la specificità della struttura nell’ideare e gestire interventi di produzione, formazione, programmazione nell’ambito dello spettacolo dal vivo. Nello specifico la continuità del nucleo gestionale ha permesso a OTI di crescere ed ampliare le proprie attività con collaborazioni di esperti per la progettazione, il marketing culturale il found raising al fine di garantire la fattibilità di ogni progetto intrapreso. Allo stesso tempo OTI ha investito sulle risorse umane definendo un piano di assunzioni a tempo determinato ed indeterminato proprio per consolidare il team di lavoro supportando ogni risorsa con l’adozione del piano aziendale welfare. OTI ha al suo attivo accordi con L'UNIVERSITA' LASAPIENZA, con la quale avvia periodicamente progetti di stage formativo curriculare per gli allievi del Master in Organizzazione dello Spettacolo e con la SCUOLAPAOLO GRASSI di Milano per favorire l'avviamento alla professione di giovani attori, registi, autori. Inoltre OTI collabora con l'ACCADEMIADI RECITAZIONE E DRAMMATURIGA- SALAUMBERTO nel sostegno attivo di progetti per gli allievi, offrendo spazi per le messe in scena di rassegne tematiche e collaborando nella pianficazione della didattica. Il percoro formativo è riconosciuto ai sensi della L. R. 23/92 e L. 845/78

 Gli interventi di promozione ed educazione del pubblico sono due elementi essenziali e caratterizzanti in OTI che da anni mette al centro della sua attività. Nell'ambito della sua più ampia progettualità O.T.I. reliazza un’ ampia area riservata al TEATRO RAGAZZI, in collaborazione con l'associazione territoriale A.T.C. SALTIMBANCO , volta alla crescita culturale ed umana dei più giovani e ad una loro partecipazione attiva e critica. Inoltre, OTI e ASSOCIAZIONE SUONO E IMMAGINE ONLUS rinnovano la loro esperienza consolidata con DOMENICA CLASSICA, programmazione di concerti mattutini. Gli appuntamenti musicali, frutto della progettualità condivisa con l’Associazione Suono e Immagine, nascono per avvicinare giovani musicisti (da notare la vicinanza del Sala Umberto con il Conservatorio) ed avvicinare ragazzi ed adolescenti alla musica classica

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 200.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

Nell'annualità 2019 il percorso artistico continua il percorso triennale sviluppando la valorizzazione di giovani attori.  L'investimento produttivo è orientato nel consolidamento e circuitazione dei titoli realizzati e, come da programma annuale prevede la nuova produzione MAURIZIO IV – un Pirandello pulp.  Il tentativo di O.T.I., con la presente progettualità artistica, è quello di produrre spettacoli che possano generare nuove modalità di fruizione del prodotto proponendo tematiche di forte impatto che possano offrire spunti di riflessione e crescita sulla condizione umana, sulle emozioni e sulle possibilità da cogliere nel vivere. La nuova produzione MAURIZIO IV – un Pirandello pulp di Edoardo Erba, regia Gianluca Guidi, con Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia con debutto previsto al NAPOLI TEATRO FESTIVAL. Maurizio è un regista che sta per mettere in scena il “Gioco delle Parti” di Pirandello. Con lui un tecnico appena assunto, Carmine, siciliano di mezza età, che non sa nulla dello spettacolo. Pur di lavorare il meno possibile, Carmine si mette a discutere ogni dettaglio. Le sue idee sono talmente innovative che spingono Maurizio a pensare a una regia completamente diversa: un Pirandello pulp. Progressivamente i ruoli fra i due si invertono: Carmine prende in mano la situazione e Maurizio lo asseconda. Eppure non tutto è come sembra, e la scoperta di inquietanti verità scuote i precari equilibri e fa precipitare la commedia verso un finale inaspettato. La dimensione umana viene messa in scena con NON SI UCCIDONO COSI' ANCHE I CAVALLI? : Una produzione che mette in scena una disumana maratona di ballo a cui partecipa una folta schiera di miserandi reietti in coppia, i quali devono ballare fino allo sfinimento per giorni e notti finché vincerà il duo in grado di resistere di più. Il riferimento all’attuale sfera dei nostri reality televisivi va da sé. Un discorso, quindi, che riguarda tutti e non solo chi tenta di surrogare le ristrettezze con la celebrità mediatica e del brivido del successo a ogni costo. La bellezza di questo testo riesce a creare un parallelismo nella nostra attualità; una re-visione della nostra quotidianità fatta di realitye spettacolo.La storia di AGGIUNGI   UN  POSTO A TAVOLA è liberamente ispirata a “After me the deluge” di David Forrest. Lo spettacolo, il più rappresentato negli ultimi quarant'anni, è prodotto riprendendo l'allestimento originale. Artisticamente, riporta lo spettatore e vedere anche i valori più solidi che hanno dato speranza anche nelle difficoltà: la solidarietà e il perdono. Una possibilità di metterci in contatto con emozioni profonde ed universali. In questa annualità prosegue la produzione inserita nel 2018 CINQUE DONNE DEL SUD di Francesca Zanni con Beatrice Fazi. Un monologo che non è proprio un monologo, ma uno spettacolo per una voce sola e cinque personaggi. Beatrice Fazi, con la versatilità che la contraddistingue, si immedesima in cinque donne, cinque caratteri, cinque generazioni. Dal 1887 al 2018, queste cinque donne ci portano per mano attraverso i grandi cambiamenti epocali,