I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Palazzo Bellono, edificio storico.

Informazioni sullo stato della conservazione

L'immobile è stato oggetto di ristrutturazione per quanto riguarda il piano terra. Con questo finanziamento l'amministrazione intende procedere ad un intervento di restauro e risanamento conservativo dello scalone principale e del piano primo.

L'immobile è, in via generale, in buono stato conservativo.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

L'immobile è di proprietà pubblica ma non liberamente accessibile al pubblico.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Procedure di Gara

COSTO COMPLESSIVO 65.000,00 €

L'intervento è a totale carico di una Fondazione bancaria ai sensi della Risoluzione n. 87/E del 15/10/2015 dell'Agenzia dell'Entrate.

DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento di restauto in progetto, relativo alle sale auliche del primo piano di palazzo bellono a Romano Canavese (TO), costituisce il secondo lotto di un intervento di restauro avviato tra la metà del 2015 e completato nell'autunno del 2016 e riguardante le sale e androne di accesso al piano terreno del Palazzo stesso. L'edificio, proprietà del Comune di Romano Canvese, ha un uso sporadioco e polifunzionale che si vorrebbe potenziare nella sua vocazione più pubblica.

Gl interventi in progetto riguardano opere di restauro dell'elegante apparato decorativo e delle sale auliche (pareti e volte) oltre al corredo di porte lignee, alcune chiaramente ascrivibili per tipologia e motivi decoratici alla campagna decorativa di inizio XX secolo. Le scelte di intervento proseguono le linee di indirizzo concordate con la competente Soprintendenza in occasione del primo resturo, fruendo di una campagna di saggi stratigrafici già realizzata. Anche in questo 2° lotto gli interventi di carattere architettonico sono limitati ad operazioni di tipo manutentivo da relaizzare su serramenti esterni e pavimentazioni (cementine) delle sale interesste da opere.