I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Kronoteatro si connota per una proposta artistica di qualità volta all’innovazione, alla sperimentazione e alla ricerca di nuovi linguaggi teatrali. Una delle principali necessità artistiche è ritrovare un senso, un’utilità profonda del teatro, partendo dalle esigenze, dalle caratteristiche, dalle tipicità e dalle contraddizioni di un luogo. Vuole quindi radicarsi, “abitare” il proprio territorio, con l’obiettivo di diventare punto di riferimento per il savonese e ligure nell’ambito del teatro contemporaneo e di ricerca.

L’attività di produzione si orienta verso una ricerca teatrale capace di ritrovare il pubblico e di coinvolgere le nuove generazioni, ponendo l’attenzione da un lato verso la nuova drammaturgia nazionale e internazionale e dall’altro verso lo studio sui classici rivisitati e reinventati nell’ottica della contemporaneità. In collaborazione con gli enti locali l’attività di Kronoteatro si orienta anche verso la creazione di spettacoli atti a essere rappresentati in luoghi non teatrali e di progetti che, creando un connubio tra l’attività teatrale e la promozione del territorio, favoriscano il turismo culturale.

Propone sul territorio del comprensorio ingauno, dove nasce e si forma, un ventaglio di proposte educative e formative. Organizza la rassegna Zingarate, un piccolo circuito di teatro ragazzi in collaborazione con i comuni di Albenga, Borghetto S.S., Castelbianco, Toirano, Villanova d'Albenga. Formazione che continua nei laboratori che Kronoteatro tiene direttamente; uno con il progetto Yepp Albenga dedicato ai giovani tra i 14 e i 28 anni, uno con il progetto Camaleonti dedicato alle scuole primarie e secondarie finanziato dalla Regione Liguria e dalla Fondazione De Mari, uno con Anffas e Comune di Albenga dedicato agli ospiti della struttura di Anffas Albenga.

Il festival Terreni Creativi, che ha festeggiato il tredicesimo anno di attività, ha come obiettivo la valorizzazione del territorio attraverso la diffusione della cultura teatrale, della danza contemporanea, della musica del cinema e dell’arte in genere. Ad ospitare l’evento sono gli spazi produttivi di alcune aziende agricole locali. La scelta di queste insolite locations, nasce dalla volontà di promuovere le realtà produttive della piana albenganese e di intrecciare tessuto economico e culturale. Il pubblico vede ri-allestiti i luoghi dedicati solitamente alla produzione e allo stoccaggio in ambienti conviviali e spettacolari.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO Non definito (Sostegno generico)

 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Terreni Creativi non supera la selezione della commissione consultiva teatro del Ministero della Cultura e resta, ancora una volta, escluso dall’accesso al FUS.

Apprendiamo questa notizia giovedì 14 luglio, a meno di venti giorni dall’inizio del festival e scopriamo che il MiC ci riserva punteggi bassissimi su tutti i fronti. Non valgono dodici frequentatissime edizioni, non valgono le prime regionali né le prime nazionali, non contano nemmeno il Premio Garrone, il Premio Rete Critica e la nomination al Premio UBU della direzione artistica, non hanno valore gli anni investiti su un territorio duro e fragile com’è quello della provincia savonese. 

In questi anni abbiamo investito su un territorio, ci siamo assunti, eccome, il rischio di portare i linguaggi della scena contemporanea negli spazi produttivi della piana di Albenga e lo abbiamo fatto certi del valore degli artisti coinvolti, sostenuti dall’infaticabile lavoro delle maestranze, retti in spalla dalla folta e multiforme comunità di persone (pubblico, operatori, critici, giornalisti e intellettuali) che negli anni si è stretta attorno al festival. È stata tale l’importanza di questa marea di gente che abbiamo voluto omaggiarla con il titolo di questa edizione: TRIBÙ.

Là dove sono mancati, ed evidentemente ancora mancano, il riconoscimento ed il sostegno delle istituzioni, a sopperire è stato questo tessuto umano. Ognuno secondo le proprie possibilità.

Non serve girarci attorno: Terreni Creativi vive oggi uno dei suoi momenti più bui ed è a rischio l’edizione corrente e con lei la nostra intera attività. Il senso di responsabilità e di rispetto verso gli artisti e i tecnici, verso il pubblico e gli investitori, ci chiede però di non mollare ora, di non scegliere la strada più rassicurante e meno pericolosa, ovvero quella di annullare il festival, ma ci impone di tenere saldi i cuori e le menti e di fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità perché questo festival si faccia.

Ci rivolgiamo alla tribù e chiediamo a tutti voi, quale che siano il vostro ruolo, la vostra professione e il vostro coinvolgimento, di fare ciò che potete, tutto ciò che potete, per sostenerci in questo frangente. Voi pubblico, voi artisti, operatori e critici, voi giornalisti e voi intellettuali, voi maestranze, voi volontari, voi enti ed istituzioni, voi amici e voi simpatizzanti. Terreni Creativi è anche vostro e, oggi più che mai, è nelle vostre mani.

Noi con tutte le nostre forze e le nostre energie faremo in modo che questa tredicesima edizione sia un punto di slancio e non di arresto, rischieremo tutto ciò che siamo e che abbiamo pur di non rinunciare a questa creatura bellissima e fragile che abbiamo accudito negli anni, perché vogliamo vederla crescere grande e forte, capace e resistente. E vogliamo farlo con tutti voi.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO Non definito (Sostegno generico)

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Lo Spazio Bruno, progettato, realizzato e gestito dalla compagnia Kronoteatro, ha chiuso.

Dal 2015, questo luogo era l’unico presidio culturale del teatro contemporaneo del savonese, uno spazio scenico ben attrezzato e organizzato, in grado di ospitare spettacoli nazionali di teatro che altrove non avrebbero trovato un palcoscenico adatto alle loro esigenze.

Ma non chiude solo una sala teatrale, chiude un luogo di produzione culturale, un luogo di formazione tanto didattica quanto professionale, un luogo di socialità, uno spazio in cui i più grandi artisti del panorama teatrale nazionale hanno avuto il modo di mettersi in relazione, attraverso un dialogo stimolante, con la comunità degli spettatori che ha sempre gremito la platea dello Spazio Bruno, facendo registrare quasi sempre il sold out.

Un esempio virtuoso, unico in Italia, in cui un Liceo ospitava una sala teatrale con un cartellone d’eccellenza, diventando contestualmente luogo di creazione artistica professionale, spazio conviviale, di scambio e relazione umana.

Con lo Spazio Bruno al momento chiude anche il laboratorio tecnico pratico per gli alunni dell’indirizzo di scenografia e l’aula di musica per gli studenti del corso musicale.


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO Non definito (Sostegno generico)

 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Terreni Creativi è il festival multidisciplinare ideato da Kronoteatro che si svolge nelle aziende agricole dell’entroterra di Albenga e giunge quest’anno alla sua tredicsima edizione.

Kronoteatro ha voluto, con questo evento, portare il meglio del teatro italiano nel cuore economico del territorio ingauno: le aziende agricole. 

L’idea nasce dalla volontà di coniugare il meglio del teatro e della danza nazionali con le eccellenze produttive ed enogastronomiche locali.

Il festival richiama, dalla sua prima edizione, un alto numero di spettatori, giornalisti, critici ed operatori nazionali. Il pubblico è chiamato a vivere per un’intera serata all’interno degli spazi produttivi delle aziende agricole, opportunamente riallestiti e resi luoghi conviviali e di spettacolo. 

Ognuna delle serate del festival si svolge dal tramonto a notte fonda ed in questo arco temporale il pubblico assiste a quattro spettacoli teatrali, ogni sera differenti.

Durante la serata è prevista anche un aperitivo-quasi-cena che permette a pubblico, artisti e addetti ai lavori di chiacchierare e riflettere sugli spettacoli appena visti gustando, nel frattempo, il meglio dell’enogastronomia locale.

Ogni serata poi si conclude con la musica dal vivo o il dj set ed ancora la possibilità di stare assieme divertendosi e rilassandosi.

Il festival ha ricevuto importanti riconoscimenti nazionali quali il Premio Garrone, il Premio ReteCritica (come miglior progetto di comunicazione) e la nomination della direzione artistica ai premi UBU 2021 e in questi dodici anni si è imposto come uno degli eventi più importanti sul panorama italiano per quel che riguarda il teatro contemporaneo e di ricerca.

Il grande successo dell'evento è da attribuire non solo al format di sicuro successo, ma anche alla partecipazione attiva delle aziende che in varie forme contribuiscono alla riuscita del festival ed all’attenzione che i media di settore ed alla cura che gli artisti hanno sempre avuto nei confronti la manifestazione.