I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

L'Archivio di Stato di Roma conserva, in linea generale, la documentazione prodotta dalle magistrature centrali (e da alcune di ambito romano) attinenti al governo temporale dello Stato pontificio, soprattutto a partire dalla metà del XV secolo; archivi di notai e di tribunali con giurisdizione romana, catasti e collezioni cartografiche; archivi di magistrature dei periodi giacobino e napoleonico negli Stati romani; archivi di corporazioni religiose, confraternite e ospedali, un fondo diplomatico costituito da circa 17.000 pergamene e numerosi archivi privati.

Relativamente al periodo postunitario, sono conservati nell'Istituto alcuni degli archivi degli organi periferici dello Stato operanti nella provincia romana, nonché archivi pubblici e privati riguardanti Roma e il suo territorio.

In quest'ambito, gli Archivi di Stato hanno realizzato l'acquisto dell'archivio della antica Società dell'Acqua Marcia, dichiarato di notevole interesse storico, per evitarne la dispersione dopo la liquidazione fallimentare della società e ne hanno assegnato la conservazione all'Archivio di Stato di Roma.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 7.355,70 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

L'archivio dell'antica società dell'Acqua Marcia, dichiarato di notevole interesse storico, è stato recentemente acquisito dagli Archivi di Stato per evitarne la disersione dopo la liquidazione fallimentare della società. L'importante archivio è stato dunque assegnato per la conservazione all'Archivio di Stato di Roma, che tuttavia, non disponendo dello spazio necessario ad accoglierlo, è costretto a tenerlo presso il deposito di outsourcing ove si trovava al momento dell'acquisto, pur non avendo i ondi necessari a pagarne il deposito.

La donazione - calcolata in base a una pre-fatturazione - consente di saldare almeno il primo anno di affitto e di evitare dunque che il bene finisca disperso per inadempienza contrattuale da parte dell'Amministrazione


NOTE Intervento archiviato