I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

CONSERVAZIONE del patrimonio documentario formato da: archivi pre-unitari, documenti d’interesse storico destinati a conservazione permanente versati da organi giudiziari e amministrativi dello Stato, atti di uffici statali soppressi o di enti pubblici estinti, archivi privati ceduti o donati definitivamente allo Stato o depositati temporaneamente tramite comodato. La conservazione è attuata attraverso attività di studio, prevenzione, manutenzione e restauro, nonché grazie all’inventariazione del patrimonio documentario.
VALORIZZAZIONE con attività promozionali e divulgative: rientrano in quest’ambito la consulenza al pubblico, l’organizzazione di mostre documentarie, di manifestazioni d’interesse scientifico - culturale, la redazione di strumenti di ricerca, la pubblicazione di studi e strumenti di ricerca, l’edizione di fonti, la diffusione delle informazioni sull’Istituto e sulle sue iniziative tramite il Sito web e la pagina Facebook.
ATTIVITA’ DIDATTICHE nell’ambito della Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica e attraverso il Servizio educativo. Rientrano in questo settore visite guidate, laboratori didattici, seminari, convegni.
SORVEGLIANZA degli uffici statali che verseranno la propria documentazione, tramite Commissioni di sorveglianza formate da rappresentanti dei singoli uffici, dell’Archivio di Stato, della Prefettura, che si riuniscono periodicamente per vigilare sulla corretta tenuta degli archivi correnti e di deposito, definire i criteri di organizzazione, gestione e conservazione dei documenti, proporre alla Direzione generale per gli archivi gli scarti, predisporre i versamenti, identificare atti di natura riservata.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 100.000,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

L'immenso patrimonio dell'Archivio di Stato di Milano, dalle pergamene medioevali alle più recenti carte, necessita di cure continue per prevenire e curare i danni causati dal tempo e dalla manipolazione. Per i singoli documenti possono essere necessari interventi di spolveratura, risarcimento di tagli e strappi, spianatura, riparazione dei sigilli, sistemazione in cartelline su misura realizzate in materiale conservativo; fondi interi, come ad esempio Diplomi e Dispacci Sovrani (quasi 2000 tra diplomi, dispacci imperiali, reali e ducali, in pergamena, IX-XVIII secolo) richiedono una generale spolveratura, il restauro di singoli pezzi e la sistemazione in nuovi contenitori a norma.

Esempi (tra parentesi il prezzo necessario per il restauro):

lettera arcivescovile relativa a una controversia tra il monastero di S. Dionigi  e un sacerdote, pergamena con sigillo cereo, 1160 (€800);

privilegio d'indulgenza plenaria per i parrocchiani di S.Alessandro a Brescia, 102, pergamena con miniatura raffigurante l'Annunciazione (€500);

diploma dell'Imperatore carlo V con la nomina a Conti dei fratelli Taverna, pergamena con firma autografa, stemma miniato e sigillo pendente (€600);

mappa dei terreni al confine tra Cremasco e Bergamasco, con l'immagine di un contadino che ara, disegno a penna su carta, inizio XVII sec. (€150);

catasto teresiano, mappa ridotta dei "corpi santi" pertinenti S. Vittore (Milano) con decorazione marginale, acquerello su carta telata (€700);

sei ritratti di servitori di casa Crivelli firnmati da Fulvia Bisi (1818-1911), acquerelli su carta (€2550).

Sistemazione complessiva del fondo Diplomi e Dispacci Sovrani (€30.000).

Si veda la pagina Archivio di Stato di Milano - Salva un documento/ArtBonus sul sito dell'Archivio di Stato di Milano e il book fotografico dei documenti e fondi da restaurare (PDF, 4,6 MB) con riproduzioni di questi ed altri documenti da restaurare.