I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Tipologia oggetto: Statua
Mi.sure:  h. cm.210  - larg. cm 74 - prof. cm 48
Materiale: marmo bianco a piccoli cristalli 
Tecnica: scultura a tutto tondo 

Torso acefalo di statua femminile panneggiata  raffigurante probabilmente l'Arciduchessa Maria Maddalena d'Austria, governatrice della Città di San Miniato dal 1620 al 1631. Della statua, priva anche delle braccia, si conserva la porzione di torso dalle spalle alle caviglie. Del frammento sono visibili il manto in pelliccia, un gioiello fermaglio al di sotto del manto, un cinto sotto seno e le pieghe della veste che cadeva sino ai piedi. Il tipo della veste e del gioiello fermaglio, così come della tecnica scultorea, indicano come ambito cronologico di realizzazione del manufatto il XVII secolo. L'oggetto, rinvenuto alla fine degli anni '50 nei magazzini del Comune di San Miniato, venne in quel momento collocato nello slargo di via Del Bravo, dove si trova tuttora. L'ipotesi che si tratti di una rappresentazione dell'Arciduchessa d'Austria si basa sul fatto che un manufatto seicentesco di queste dimensioni, raffigurante una figura femminile, non potrebbe riferirsi che a Maria Maddalena d'Austria visto il suo ruolo per la città di San Miniato in quel periodo. La documentazione storica dà per certo che una scultura della governatrice venne effettivamente realizzata e collocata nella Piazza del Seminario.  La statua fu distrutta durante l'occupazione francese del 1799. Da quel momento viene persa ogni traccia del monumento fino al rinvenimento recente del frammento. L'oggetto rappresenta per la comunità di San Miniato una sorta di simbolo identitario, visto anche il coinvolgimento nella messa in opera dell'attuale allestimento del pittore sanmminiatese Dilvo Lotti che per primo ne propose l'identificazione.

Informazioni sullo stato della conservazione

L'oggetto,  su un basamento in laterizi appositamente costruito e necessitante di azioni di consolidamento, è posizionato in senso orizzontale anziché verticale. Presenta alcune parti deteriorate, soprattutto nelle zone di appoggio e di contatto con la muratura sottostante; si presenta annerito in molte sue parti a causa dell' inquinamento atmosferico. L'annerimento pregiudica quasi totalmente la leggibilità del manufatto. 

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

L'oggetto, esposto in uno slargo della città di San Miniato, è fruibile in maniera permanente.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Lavori in corso

COSTO COMPLESSIVO 3.916,00 €

 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto prevede interventi di pulizia, restauro, consolidamento parti deteriorate, sistemazione e pulizia delle parti di appoggio e di contatto del torso con la muratura sottostante, pulizia del basamento murario di appoggio.

I lavori sono stati affidati. Al momento è stato allestito il cantiere di restauro (30.04.2019).

Gli interventi previsti si sono conclusi nel mese di giugno 2019.