I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

Il Teatro delle Briciole è un "patrimonio" della scena italiana che nel corso di una storia ultra quarantennale ha trasformato radicalmente l'immagine, l'immagine e il concetto stesso di teatro per l'infanzia.

Fondato nel 1976, primo in Italia a dar vita ad un Centro Stabile di Produzione, Programmazione e Ricerca Teatro Ragazzi e Giovani, il Teatro delle Briciole ha rinnovato negli anni la propria identità affermandosi come un moderno centro di produzione teatrale radicato a Parma e nel territorio ma proiettato fortemente anche fuori dai confini locali. Nel 2007 insieme a Coop Edison e Comune di Parma dà vita a Solares Fondazione delle Arti, fondazione nella quale il Teatro delle Briciole rappresenta l'area teatro, caratterizzata da autonomia progettuale ed economica.

Il Teatro delle Briciole svolge la propria attività, che si articola in progetti di produzione, ospitalità e formazione, con il sostegno degli Enti Pubblici: il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, dal quale è sovvenzionato ai sensi del DM 01/07/2017 art.14, la Regione Emilia Romagna (convenzione triennale ai sensi della LR 13/99) e del Comune di Parma (convenzione della durata di sei anni).

Nel 2015 il Teatro delle Briciole è stato riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come Centro di Produzione. Produzioni realizzate a Parma che girano in Italia e all'estero convivono con creazioni che nascono per un'iniziativa specifica, come un festival o un progetto speciale, o che si rivolgono con particolare attenzione alla comunità. Il Teatro delle Briciole ha dato vita in questi 40 anni a più di 100 spettacoli, tournées, coproduzioni, progetti di residenza. I rapporti con la scena teatrale internazionale che ha intrecciato nel corso della sua storia si traducono in un sistema di collaborazioni artistiche e organizzative con diversi Paesi, dalla Francia al Portogallo, dal Canada alla Russia. La relazione con la città si esprime attraverso la realizzazione di iniziative strutturate e continuative nello spazio storico del Teatro al Parco, dalle stagioni teatrali - con le storiche rassegne UN POSTO PER I RAGAZZI, per le scuole di ogni ordine e grado, WEEKEND AL PARCO par adulti e bambini insieme e SERATA AL PARCO per adulti - alle proposte formative rivolte a tutti i pubblici e attraverso l'ideazione di progetti speciali come S-chiusi, l'itinerario con cui il teatro ha riportato la vita negli spazi abbandonati delle attività commerciali del centro storico.

Dentro questa cornice prende corpo una volontà di riflessione e approfondimento dei temi e delle questioni centrali della società contemporanea indagati nelle proposte spettacolari, che ha trovato articolata espressione anche nell'organizzazione di cicli di incontri aperti al pubblico con gli artisti, in collaborazione con l'Università di Parma.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 48.500,00 €

DESCRIZIONE INTERVENTO

Il progetto parte dalla necessità di far conoscere al pubblico esperienze teatrali europee tra le più innovative. Per il Teatro delle Briciole, che si occupa di processi culturali in particolare rivolti alle nuove generazioni, è importante ascoltare il territorio, ma è alrettanto indispensabile allargare la visione, i confini, interessarsi alle differenze e ai diversi linguaggi. La scelta di guardare all'Europa in alcuni spettacoli della stagione è nutrita da relazioni costanti con artisti che si incontrano in occasione della presenza del Teatro delle Briciole con le proprie produzioni e rassegne dei festival internazionali.

La scena teatrale contemporanea, soprattutto quella europea, sta sviluppando una connessione molto interessante dei diversi linguaggi tra loro: danza, circo, teatro, nuove tecnologie, musica, teatro di figura e d'immagine per affermare un'identità del teatro di oggi che tiene conto delle trasformazioni culturali e tenta di parlare in particolare alle nuove generazioni, spesso distanti dal teatro.

Con questo progetto intendiamo incuriosire il pubblico dei giovani mettendo in campo anche azioni di promozione e di incontro con gli artisti attraverso laboratori, dibattiti post spettacolo in un luogo, il Teatro al Parco, che vuole essere riferimento  per una relazione costante e aggiornata tra la comunità e gli artisti, tra la città e l'Europa.

Abbiamo individuato alcuni spettacoli che intendiamo ospitare nella stagione 2018/2019 nelle rassegne del Teatro delle Briciole e nel Festival Impertinente dedicato al teatro di figura. Un mosaico di proposte che abbraccia un pubblico molto vasto di tutte le generazioni ed eterogeneo per provenienze culturali.

Alcune compagnie saranno per la prima volta a Parma, come Nacho Flores, un affermato artista spagnolo ma redidente in Francia che sta girando tutto il mondo con uno spettacolo di "circo in equilibrio" che sfida le leggi della fisica e del tridimensionale; la compagnia finlandese Livsmedlet, che conduce da tempo una ricerca artistica che combina la manipolazione di figurine in miniatura e l'uso del corpo come scenografia per creare, attraverso tecniche differenti, diversi luoghi immaginari per parlarci, in questo caso, del tema delle migrazioni; la compagnia francese Clan de Songes, che sviluppa un teatro con immagini potenti e oniriche aperto a tutti i campi della creazione contemporanea con due lavori adatti anche ad un pubblico di bambini molto piccoli.

Abbiamo scelto inoltre di invitare a Parma, dopo i successi ottenuti gli scorsi anni, il gruppo catalano Agrupacion Senor Serrano, vincitore del Leone d'argento per l'innovazione teatrale alla Biennale Teatro nel 2015, che trasforma la scena teatrale in uno spazo installativo che mescola modellini  in scale e linguaggio della tecnologia (videocamere, smartphone, tablet, videogiochi) e l'artista belga Alain Moreau del Tof Theatre, uno dei maestri indiscussi del teatro di figura.


NOTE Intervento archiviato