I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Tra i libri del XVI secolo della biblioteca è presente l’edizione veneziana del 1581 dei “Quattro libri dell’architettura” di Andrea Palladio, stampata da Bartolomeo Carampello.

Andrea di Pietro della Gondola (1508-1580), divenuto, col nome di Palladio, uno dei più celebrati architetti del suo tempo, nella dedica dichiara di voler “scriver gli avvertimenti necessarij, che si devono osservare da tutti i belli ingegni, che sono desiderosi di edificar bene, e leggiadramente, et oltra di ciò di mostar in disegno molte di quelle fabriche che da me sono state in diversi luoghi ordinate, e tutti quelli antichi edifici c’ho finora veduti”. Il trattato è arricchito da pregevoli illustrazioni, incisioni silografiche, disegnate dal Palladio stesso con straordinaria finezza. I Quattro Libri si presentano come un trattato agile e accessibile a un pubblico vasto, anche in virtù del ricco apparato illustrativo.

L’opera fu considerata fondamentale alla formazione degli architetti del Rinascimento.

La copia della nostra biblioteca, dalle note di possesso apposte sul foglio di guardia, apparteneva inizialmente al tavolario cavese Giovan Bernardino Buongiorno (nell’Archivio Storico Comunale sono custoditi i libretti di apprezzo relativi al periodo 1651-1699, autore del disegno della facciata della Chiesa del Santissimo Nome di Dio dell’Ospedale di Cava) e successivamente a Vincenzo Meccia (pittore cavese attivo nella prima metà dell’Ottocento, autore, tra l’altro, del restauro dei dipinti della Chiesa di S. Francesco di Cava).

I Tavolari (tabulari: da tabula, contratto, documento scritto) autenticavano istrumenti rogati dai Curiali. Nel corso dei secoli il termine tavolario passò ad indicare la categoria di esperti incaricati di misurare ed apprezzare territori, strade, palazzi.

 Dal Censimento delle Edizioni Italiane del XVI secolo, promosso dall’ICCU (Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane), l’edizione del Palladio risulta presente in una trentina di biblioteche italiane.

Informazioni sullo stato della conservazione

Legatura e corpo carte compromessi da attacco microbiologico ed entomologico. Il primo, Causato da un forte impregnamento d’acqua, ha procurato la totale perdita del taglio di testa del corpo carte e della legatura. L’attacco biologico non risulta ad oggi attivo; Il corpo carte risulta essere coeso in alcuni punti, infeltrito, ossidato e molto debole con la tendenza a sbriciolarsi .Lacerazioni e lacune sul perimetro di tutte le carte ;Piatti indeboliti e sfaldati.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

La Biblioteca Comunale è aperta dal lunedi al venerdi dalle ore 9,00 - 13,00 e nei pomeriggi di martedi e giovedi dalle ore 15,45 alle ore 18,15.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 5.000,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

 

 

Restauro librario