I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il Teatro Francesco di Bartolo, fondato nel 1842 dall'Accademia dei Riuniti Il teatro sorge nei pressi di un importante asse viario del paese e si presenta, all'esterno, come un edificio isolato a pianta rettangolare. Al suo interno invece riproduce le forme tipiche del teatro all'italiana: un elegante atrio di ingresso che introduce ai disimpegni verso i piani superiori e verso la sala realizzata a ferro di cavallo, circondata da due ordini di palchi e  coperta da un soffitto riccamente decorato a rosone con pitture murali attribuite anche se non con certezza al pittore butese Annibale Marianini ; infine l'ampio palcoscenico è dotato di un grande arcoscenico e di camerini nel sottopalco. Nel secondo dopoguerra la struttura, soprattutto nella parte del palcoscenico, è stata ampiamente manomessa per meglio adattarla alla nuova funzione di cinematografo. Dichiarato definitivamente inagibile nel 1971 è poi passato in proprietà all'Amministrazione comunale che ha avviato tempestivamente un vasto progetto di risanamento e recupero dell'immobile per restituirlo alla sua funzione originaria di teatro. Il Teatro è stato riaperto nel 1987. n questa veste rinnovata il teatro è diventato in pochi anni un importante centro di diffusione e produzione teatrale, segnalandosi come uno dei casi più originali del panorama italiano.

Nel Teatro Francesco di Bartolo è custodito il Leone d'Oro donato dal regista Jean-Marie Straub nel 2006.

Attualmente gestito dall'Associazione Buti Teatro, il Teatro Francesco di Bartolo ha avviato un percorso di rilancio artistico culturale con l'intento di offrire un programma artistico che spazia dalla lirica, alla prosa al musical.

 

 

Informazioni sullo stato della conservazione

Il Teatro Francesco di Bartolo, dopo circa 31 anni dall'ultima ristrutturazione, richiede interventi di carattere strutturale volti a riprendere gli affreschi presenti e a mantenerne la bellezza.Infiltrazioni d'acqua hanno corroso alcune pareti e sono necessari interventi di muratura interni ed esterni per evitare il proseguo delle infiltrazioni e sanificare le pareti e i locali interessati. Anche la pavimentazione della platea necessita di essere sostituita. Grazie alla cura e al lavoro dei gestori del Teatro che si sono succeduti nel tempo, è da segnalare l'ottimo stato di conservazione delle poltromncine e degli arredi del teatro. Di rilevante importanza è la ripresa degli affreschi sia nell'atrio che nella sala del teatro.

In generale, salvo queste criticità evidenziate e già in fase di programmazione lavori, il Teatro è ben conservato.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il teatro è regolarmente aperto e ospita numerosi spettacoli di prosa, musical e lirici di carattere professionale. Lavorano all'interno del teatro due impiegate amministrative e un tecnico teatrale. E' disponibile per affitti esterni con regolare tariffario approvato anche dall'amministrazione comunale.

Nell'ottica di rilancio culturale, l'Associazione Buti Teatro organizza direttamente 40 eventi di Stagione. Ospita spettatori di tutte le età, dai più piccoli con la Stagione Ragazzi a loro dedicata a spettatori amanti di prosa e di musica.

Gli uffici sono aperti al pubblico 2 pomeriggi la settimana, dalle 17 alle 19.

In generale, l'anno appena trascorso, ha registrato per eventi, prove, affitti e visite circa 250 giorni di apertura.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 54.000,00 €

 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

A distanza di più di trent’anni dal restauro complessivo del teatro, sono ormai evidenti i segni della necessità di intervenire con opere di restauro, adeguamento e manutenzione dell'immobile, con particolare riferimento ai problemi di infiltrazione e risalita di umidità

In particolare, sono stati rilevati diffusi fenomeni di umidità di risalita dal sottosuolo, che interessano sia il basamento delle strutture murarie (esterne ed interne) che gli ambienti interni del teatro (in particolare sala e sottopalco).

Considerato quanto emerso dall’analisi dello stato attuale, e valutata la necessità di procedere ad una riqualificazione complessiva degli ambienti esterni ed interni dell'organismo edilizio tramite:

- Risanamento del paramento murario ammalorato da umidità di risalita, corrispondente a buona parte del basamento dei setti murari perimetrali, oltre ad alcuni ambienti interni (sottopalco e platea)

- Risanamento e protezione delle strutture murarie ampliando lo scannafosso perimetrale già esistente sul lato est a tutto il lato nord dell’edificio.

 

I risanamenti saranno eseguiti mediante rimozione dell'intonaco degradato, pulizia del parametro murario sottostante ed integrazione delle lacune con intonaco a base di calce naturale.

Gli interventi saranno condotti secondo le metodologie del restauro scientifico, nel pieno rispetto dei caratteri storici, architettonici e costruttivi dell'organismo architetttonico, ponendo particolare attenzione alla sostituzione/integrazione solo delle parti e dei materiali effettivamente degradati