I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

La fontana è collocata al centro del secondo cortile di Villa Giulia, lungo l’asse mediana della pianta cinquecentesca ed è incorniciata dal giardino all’italiana che ne arricchisce l’ambiente con forme, colori e simmetrie.
La fontana in pietra è caratterizzata da due vasche circolari: da quella inferiore senza decorazioni e di maggiori dimensioni, si erge una struttura centrale costituita da un capitello corinzio che sostiene la piccola vasca superiore. Quest’ultima presenta quattro teste di leone, magistralmente scolpite, dalle quali fuoriesce il getto acqua che alimenta la vasca inferiore. Sulla sommità della vasca superiore è presente una bocca d’acqua dalla forma riconducibile probabilmente ad una pigna che impreziosisce la fontana con importanti giochi d’acqua.

Informazioni sullo stato della conservazione

Lo stato di conservazione dell’opera è precario. La fontana è collocata in un ambiente non confinato, pertanto è soggetta a fenomeni di degrado derivanti dall’esposizione continua agli agenti atmosferici. Al di là dei depositi superficiali più o meno coerenti, sono particolarmente visibili attacchi biologici da parte di muschi, alghe, funghi e batteri che ne compromettono sia lo stato di conservazione dei materiali costitutivi, che la fruizione estetica del manufatto. Incrostazioni calcaree si sono formate laddove il gocciolamento dell’acqua è continuo e ripetuto nel tempo, mentre depositi superficiali tenaci e scuri come le croste nere sono localizzate sulle aree più protette dal dilavamento dell’acqua piovana, come nel capitello centrale. Una infiltrazione d’acqua dai tubi di scolo della vasca superiore ha causato il distacco e la caduta di una delle teste leonine laterali, ormai in frammenti.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Orari di apertura del Museo

Martedì-Venerdì

Orario 9.00-20.00 (ultimo ingresso ore 19.00, chiusura sale espositive ore 19.30)

Sabato e festivi: su prenotazione.

Per maggiori informazioni visitate il sito www.museoetru.it

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 4.000,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

Il manufatto dovrà essere sottoposto a:

  • Esame e documentazione dello stato di conservazione iniziale del reperto mediante fotografie e schede descrittive;
  • Pulitura delle superfici a secco con pennellesse e aspiratore;
  • Rimozione dello strato di intonaco interno della vasca inferiore e successivo rivestimento con materiale impermeabilizzante in entrambi le vasche;
  • Rimozione delle patine biologiche con idoneo impacco biocida e successivo risciacquo delle superfici. Nelle aree con importanti presenze di muschi si procederà preliminarmente con la rimozione meccanica degli stessi;
  • Rimozione dei depositi superficiali coerenti con idonei solventi a tampone e ad impacco;
  • Rimozione meccanica delle concrezioni;
  • Consolidamento delle aree disgregate e polverizzate;
  • Incollaggio della testa di leone distaccata con imperniaggio e sostituzione del tubo di scolo;
  • Stuccatura delle linee di frattura;
  • Protezione finale.