I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi degli artt. 10, 12 e 13 del D.L.gs. 22 gennaio 2004, n.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio)

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

Il busto in bronzo raffigurante il ritratto di Felice Barnabei (1842-1922), illustre archeologo e deputato del Regno d'Italia, è collocato nel giardino laterale destro di Villa Giulia. A lui si deve la fondazione del Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano e del Museo Etrusco di Villa Giulia.
Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia nasce ufficialmente quale sezione del Museo Nazionale Romano destinata ad accogliere le antichità extraurbane e i reperti provenienti dalla Provincia romana e dall'Umbria con Regio Decreto del 7 febbraio 1889 per volontà del suo primo direttore Felice Barnabei. Lo scopo era quello di presentare, seguendone lo sviluppo nel corso del tempo fino al suo declino, la civiltà fiorita nell'agro falisco prima della conquista romana.
Il busto è collocato al di sopra di una porzione di colonna romana in verde antico che ne esalta la figura all’interno del vasto ambiente del giardino laterale destro di Villa Giulia.

Informazioni sullo stato della conservazione

Lo stato di conservazione del manufatto risulta essere precario. L’azione dell’ambiente sul busto di bronzo si esplica attraverso il processo spontaneo di corrosione. I bronzi esposti all’aperto infatti formano naturalmente diversi strati di corrosione, tipicamente chiamati “patina”, che offrono una parziale protezione al substrato metallico. A seguito dell’aumento dell’acidità e degli inquinanti nelle deposizioni umide, il fenomeno della corrosione atmosferica è accelerato. In atmosfera urbana, le patine risultano instabili e quindi parzialmente lisciviabili dalle piogge, come evidenziato dalla presenza di striature verdastre sulla superficie del busto e sulla relativa colonna in marmo.

Assistiamo così ad un degrado progressivo ed ineluttabile dell’opera bronzea, fino al completo decadimento estetico ed, in molti casi, strutturale. La superficie del manufatto presenta inoltre importanti depositi di natura incoerente e coerente che ne pregiudicano la conservazione e la leggibilità dello stesso monumento.

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

Il busto è collocato nel giardino laterale destro di Villa Giulia, visitabile negli orari di apertura del Museo.

Orari di apertura: dal martedì alla domenica. Orario: 9.00 - 20.00 (ultimo ingresso ore 19.00).

Chiuso il lunedì, il 1 gennaio e il 25 dicembre. Quando il lunedì, giorno di chiusura, coincide con una festività (es. lunedì dell'Angelo) il Museo rimane aperto.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 3.000,00 €

 slide
 slide
 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

L'intervento di manutenzione e restauro previsto ha come scopo la conservazione a lungo termine dei materiali costitutivi, seguendo i criteri del minimo intervento, della reversibilitàe della riconoscibilità e prevede:

- pulitura meccanica e/o chimica delle superfici da depositi incoerenti e coerenti;

- ciclo di lavaggi per l'estrazione dei sali solubili;

- controllo per la valutazione qualitativa e quantitativa dei sali disciolti;

- cicli di disidratazione;

- consolidamento dei materiali costitutivi;

- trattamento inibitore di corrosione;

- pplicazione di idoneo protettivo.