I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.

Attività principali dell'istituzione

L’Archivio storico di Fabriano, annesso alla Biblioteca Comunale (BIBLIOTECA MULTIMEDIALE ROMUALDO SASSI), comprende oltre 7.000 pergamene e documenti, i più antichi risalenti all'XI secolo. Conserva la documentazione comunale e quella di diversi altri soggetti produttori che è stata raccolta e aggregata nel corso degli anni. Custodisce gli antichi Statuti del Comune di Fabriano e gli atti dell’Amministrazione comunale oltre a numerosi altri fondi come quelli delle Corporazioni delle arti e dei mestieri (dei cartai, dei fabbri, dei conciatori ecc.), dell’Accademia dei Disuniti (che diede il via alla fondazione della Biblioteca), o del Brefotrofio.

L’Archivio si prefigge lo scopo di supportare la ricerca storica a livello locale e documentare le vicende e le tradizioni della Città. Per queste motivazioni la consultazione dell’archivio è libera e gratuita e sono ammessi tutti gli utenti che lo richiedano. Il personale dell’archivio oltre a fornire assistenza agli utenti in sede assicura un servizio di informazione e riproduzione dei documenti anche agli utenti remoti.

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA APERTA


RACCOLTA FONDI

Raccolta aperta

Raccolta aperta

FASE ATTUATIVA

Raccolta fondi

COSTO COMPLESSIVO 100.000,00 €

 slide

DESCRIZIONE INTERVENTO

L’intervento interessa la porzione di archivio storico collocata a magazzino frammista all’archivio di deposito, comprendente documentazione dal 1808 a seguire.

Il progetto si prefigge il duplice scopo di rendere più accessibile la documentazione e fornire mezzi e strumenti atti a favorire la consultazione da parte di studiosi ricercatori o semplici appassionati, incentivando le ricerche e incoraggiando alla frequentazione dell’Archivio, inteso come luogo di conservazione della memoria storica della città, anche i cittadini e le scuole.

L’obiettivo è inoltre di garantire, una volta concluso il lavoro:

  • L’osservanza delle norme in materia di sicurezza
  • L’osservanza delle norme in materia di archivi di enti pubblici
  • La corretta conservazione dei documenti
  • Una gestione documentaria efficiente
  • L’ottimizzazione dell’utilizzo degli spazi

Il lavoro prevede l’individuazione della documentazione di carattere storico, la separazione della sezione di deposito, il riordino, l’inventariazione e il ricondizionamento del materiale.

Le operazioni verranno condotte in due fasi: la prima prevede le procedure di revisione e scarto, la revisione dell’elenco topografico e la redazione dell’inventario sommario, la seconda invece la redazione dell’inventario analitico e la sistemazione della documentazione.