I contenuti pubblicati sono a cura dell’Ente beneficiario delle erogazioni liberali il quale dichiara che i dati trasmessi sono conformi all’ art. 1 – Art Bonus - Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83 e s.m.i.
L’Ente dichiara che il bene oggetto di erogazioni liberali è di interesse culturale ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 N.42 e s.m.i. (Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Descrizione di carattere storico artistico relativa all’oggetto

I DUE OBELISCHI ESEGUITI IN PIETRA D'ISTRIA SONO ATTUALMENTE COLLOCATI IN PIAZZA LEOPARDI. NEL1974 HANNO SUBITO UNO SPOSTAMENTO ALL'INTERNO DELLA MEDESIMA PIAZZA. UN TEMPO SI TROVAVANO ALL'INGRESSO DI PORTA ROMANA AI LATI DI VIA F.LLI BRANCONDI A SEGNALARE L'INIZIO DELLA VIA.

Informazioni sullo stato della conservazione

I DUE OBELISCHI ESEGUITI IN PIETRA D'ISTRIA SI PRESENTANO IN PESSIME CONDIZIONI DI CONSERVAZIONE PER LE SEGUENTI CAUSE:

- DEGRADO DEL TEMPO, CHE HA CAUSATO IL CLASSICO ANNERIMENTO DELLA PIETRA CON FORMAZIONI DI MUSCHI E LICHENI;

- PRESENZA DI EVIDENTI STUCCATURE IN CEMENTO A CAUSA DELLO SPOSTAMENTO DI ENTRAMBI GLI OBELISCHI, AVVENUTO NEL 1974, CHE UN TEMPO SI TROVAVANO NELLA POSIZIZIONE INDICATA NELLE FOTO DI CUI SOPRA ED ORA NELLA COLLOCAZIONE NELLE FOTO CHE SEGUONO;

- ASSENZA DELLA PARTE SOMMITALE DI UNO DEI DUE OBELISCHI, RIMOSSA TEMPORANEAMENTE PER PROBLEMI STATICI E ORA CONSERVATA ALL'INTERNO DEL DEPOSITO COMUNALE;

- PORZIONI DETERIORATE O MANCANTI

Informazioni sulla fruizione e orari di apertura

GLI OBELISCHI SONO IN LUOGO PUBBLICO SEMPRE ACCESSIBILE

DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI CON RACCOLTA CHIUSA


RACCOLTA FONDI

Raccolta chiusa

Raccolta chiusa

FASE ATTUATIVA

Fine Lavori

COSTO COMPLESSIVO 30.000,00 €

 slide
 slide
DESCRIZIONE INTERVENTO

METODOLOGIA DI RESTAURO del primo obelisco

  1. Ricollocazione della parte sommitale smontata per problemi statici e ora conservata all’interno del deposito comunale.

  2. Pulitura della superficie con impacchi di argille assorbenti o con polpa di cellulosa in soluzione satura di carbonato di ammonio. Nelle parti in cui eventualmente tale metodo non sia efficace, verrà eseguita la rifinitura con mezzi meccanici quali bisturi, vibro incisori e micro sabbiatrice di precisione, in modo da salvaguardare le patine originali dei materiali.

  3. Messa in opera di micro barre in acciaio inox o perni di vetro resina per il collegamento    delle parti mosse o distaccate.

  4. Stuccatura delle lacune e delle fessure con impasto di polvere della stessa pietra addizionata con legante di resina acrilica.

  5. Trattamento consolidante e protettivo finale, da effettuarsi con resine , silicato di etile o similari, con più mani di prodotto.

  6. Ripresa delle scritte, con colori sintetici.

  7. Documentazione fotografica, prima, durante ed al termine del lavoro di restauro.

METODOLOGIA DI RESTAURO del secondo obelisco

 

  1. Pulitura della superficie con impacchi di argille assorbenti o con polpa di cellulosa in soluzione satura di carbonato di ammonio. Nelle parti in cui eventualmente tale metodo non sia efficace, verrà eseguita la rifinitura con mezzi meccanici quali bisturi, vibro incisori e micro sabbiatrice di precisione, in modo da salvaguardare le patine originali dei materiali.

  2. Messa in opera di micro barre in acciaio inox o perni di vetro resina per il collegamento delle parti mosse o distaccate.

  3. Stuccatura delle lacune e delle fessure con impasto di polvere della stessa pietra addizionata con legante di resina acrilica.

  4. Trattamento consolidante e protettivo finale, da effettuarsi con resine , silicato di etile o similari, con più mani di prodotto.

  5. Ripresa delle scritte, con colori sintetici.

  6. Documentazione fotografica, prima, durante ed al termine del lavoro di restauro.


NOTE Intervento archiviato